Previdenza in un’unione domestica registrata
Articoli

La previdenza nelle unioni domestiche registrate

Si può vivere insieme e assumere responsabilità reciproche anche in un’unione domestica registrata. Anche in presenza di una grande sicurezza e di regole chiare si dovrebbe provvedere per tempo alla propria vecchiaia e ai propri familiari e iniziare a risparmiare.

Per coppie dello stesso sesso esiste in Svizzera dal 2007 la possibilità di un’unione domestica registrata. In tal modo non solo si possono realizzare insieme i sogni e condividere le responsabilità, ma si possono anche ottenere sicurezza e regole chiare. Tuttavia, anche per coppie dello stesso sesso vale la pena di pianificare già all’inizio del percorso comune la previdenza personale e di iniziare per tempo a risparmiare per la pensione.

Che cos’è importante osservare in un’unione domestica registrata ai fini della previdenza?

Per quanto riguarda il 1° pilastro, le coppie in un’unione domestica registrata sono parificate durante la vecchiaia alle coppie di coniugi. La rendita AVS viene erogata al raggiungimento dell’età pensionabile ordinaria. Una volta che entrambi i partner registrati sono in pensione, la somma delle due rendite individuali non può superare il 150% della rendita massima. In caso di decesso di un partner, il partner superstite è parificato a un vedovo. Il diritto a una rendita per superstiti per il partner superstite sussiste soltanto se vi sono figli di età inferiore ai 18 anni. I figli ricevono una rendita per orfani (fino al 18° o al 25° anno d’età, se in formazione).
Nel 2° pilastro, in caso di decesso il partner superstite riceve una rendita per vedovi/e o una liquidazione in capitale unica. Se vi sono figli propri, questi ricevono una rendita per orfani. I relativi dati sono contenuti nel certificato d'assicurazione e nel regolamento della cassa pensione.
Il 3° pilastro lascia un margine di manovra più ampio: chi desidera tutelare finanziariamente il partner o i figli può stipulare un’assicurazione sulla vita con copertura contro il rischio di decesso.