Investimenti alternativi: soluzioni per la stabilità del portafoglio
Articoli

Assicurare la stabilità nel portafoglio. Con investimenti alternativi.

Gli investimenti alternativi sono un mezzo ideale per bilanciare il portafoglio e diluire i rischi. Nell’edizione attuale di Investment Outlook, gli esperti finanziari di Credit Suisse spiegano quale potrebbe essere l’andamento degli investimenti alternativi per il 2020 e perché queste forme di investimento rappresentano un’interessante opportunità.

Gli investimenti alternativi offrono opportunità di diversificazione

Gli investimenti alternativi sono sempre più affermati come una componente basilare del portafoglio, specie nel mondo di oggi caratterizzato da tassi e rendimenti bassi nel lungo periodo. Sono apprezzati non solo per i benefici di diversificazione, ma anche perché donano stabilità al portafoglio. Previsioni dell’andamento di quattro tipi di investimenti alternativi nell’anno 2020 e a cosa devono prestare attenzione gli investitori.

1. Gli hedge fund rappresentano attualmente una valida alternativa d’investimento

In un mondo di rendimenti obbligazionari estremamente bassi e quotazioni piuttosto elevate degli attivi di rischio, è molto sensato detenere un portafoglio diversificato di hedge fund (HF). Sebbene la performance sarà probabilmente piuttosto moderata, intorno al 5%, supererà comunque quella delle obbligazioni di qualità bancaria.

Detto questo, i rendimenti del settore nel complesso rimangono impegnati in misura significativa in investimenti tradizionali. II gestori di hedge fund esperti con comprovate competenze nella creazione di valore dovrebbero comunque ottenere risultati positivi in ogni fase del ciclo economico. A tal proposito vengono proposte strategie d’investimento long/short opportunistiche e macro, nonché strategie non correlate, che investono in premi di rischio alternativi. Al di là delle strategie specifiche, resta fondamentale affidarsi a esperti che svolgono due diligence approfondite e bene informate.

2. Gli investimenti in immobili rimangono allettanti anche nel 2020

Il settore immobiliare si trova ad affrontare una serie di cambiamenti strutturali. La tendenza strutturale all’abbandono di punti vendita fisici per spostarsi sull’e-commerce continuerà a mettere pressione sugli esercizi. Le attività industriali, invece, dovrebbero beneficiare di questa tendenza. Un altro cambiamento strutturale molto discusso è la crescita di spazi flessibili per uffici, che in diverse zone raggiunge o supera la quota del 10%.

Il scenario previsto di moderata espansione economica e politica monetaria accomodante, generalmente favorevole in tutto il mondo sia alla proprietà immobiliare quotata che a quella diretta. Gli investimenti diretti sono particolarmente interessanti, poiché i tassi di interesse più bassi non sembrano ancora pienamente riflessi nel prezzo. I rendimenti, inoltre, sono generalmente piuttosto stabili. Le azioni immobiliari globali, invece, riflettono già tassi più bassi e valutazioni storicamente elevate. La crescita degli utili, inoltre, è limitata. Gli investimenti nell’eurozona dovrebbero essere particolarmente positivi, poiché si registra uno spread di rendimento rispetto ai titoli di Stato superiore alla media di lungo termine.

gli immobili sono ancora una interessante alternativa di investimento

Gli immobili sono ancora un’interessante alternativa d’investimento

Rendimento di obbligazioni, azioni globali e azioni immobiliari (in %)

Ultimo aggiornamento dei dati: 25 ottobre 2019

Fonte: Datastream, Bloomberg, Credit Suisse

3. Il private equity è un mercato di crescita tra gli investimenti alternativi

Negli ultimi anni, la popolarità del private equity (PE) è cresciuta costantemente anche perché gli importi minimi d’investimento sono diminuiti. La dimensione dei mercati privati è quasi raddoppiata rispetto a un decennio fa, l’ascesa dei fondi secondari offre profondità ed esposizione differenziata. In un universo più grande, gli investitori trovano migliori opportunità di diversificazione. Per il 2020 il private equity dovrebbe generare un rendimento totale leggermente inferiore alla media di circa l’8%.

Ciò premesso, il PE offre comunque un premio di illiquidità equo rispetto all’azionariato pubblico. E private equity possa generare rendimenti superiori ai mercati liquidi anche in contesti sempre più difficili. Data la natura illiquida dei mercati privati, la due diligence e la selezione di fondi e gestori sono fondamentali.

4. Gli investimenti in metalli preziosi proteggono dal rischio di recessione

Nello scorso anno le commodity hanno preso sentieri divergenti, con i segmenti ciclici nella scia dei metalli preziosi mentre la produzione industriale rallentava. In futuro, tuttavia, è probabile che queste differenze si riducano. Un alleggerimento delle controversie commerciali e un miglioramento del sentiment potrebbero portare alla ripresa dei metalli industriali.

Una crescita modesta della domanda e una solida offerta suggeriscono un eccesso di offerta sui mercati petroliferi nel 2020. Questo dovrebbe generare una temporanea flessione dei prezzi del petrolio. I prezzi di oro e di altri metalli preziosi, per contro, dovrebbero rimanere ben supportati. Perlomeno finché i rendimenti (reali) resteranno bassi, o addirittura negativi, e l’incertezza economica continuerà. In caso di recessione vera e propria, i metalli preziosi ne beneficerebbero ulteriormente.

gli investimenti in oro beneficiano di bassi rendimenti reali

Gli investimenti in oro beneficiano di bassi rendimenti reali

Rendimenti reali dei Treasury (in %) e prezzi dell’oro (in USD/oncia)

Ultimo aggiornamento dei dati: 25 ottobre 2019

Fonte: Bloomberg, Credit Suisse

Avete domande su questo argomento?

Richiedere una consulenza This link target opens in a new window
Saremo lieti di aiutarvi. Non esitate a contattarci al numero 0844 844 005.