Paying into the second and third pillars improves retirement provision. Both pillars have advantages and disadvantages.
Articoli

Previdenza facoltativa: conviene effettuare versamenti nel 2° o nel 3° pilastro?

Chi vuole ottimizzare la propria previdenza per la vecchiaia ha di norma due possibilità: effettuare versamenti nel 2° pilastro (previdenza professionale secondo la LPP) o nel 3° pilastro (previdenza privata). Entrambe le varianti presentano sia vantaggi che svantaggi. La scelta dell'opzione più appropriata dipende dalla situazione personale del cliente.

La popolazione svizzera invecchia, e le prestazioni dell'AVS e in particolare delle casse pensioni sono sempre più sotto pressione. Per questo motivo ogni anno molti versano ulteriori contributi su base volontaria nella previdenza per la vecchiaia. Quattro miliardi in tutto presso la cassa pensione (2° pilastro). E addirittura sei miliardi nell'ambito del pilastro 3a. La decisione sull'opzione più appropriata dipende da diversi fattori e deve essere valutata caso per caso.

Chi versa volontariamente nel 2° o 3° pilastro evita difficoltà finanziarie dopo il pensionamento e beneficia di interessanti agevolazioni fiscali: la somma versata nel 2° o nel 3° pilastro nel corso di un anno può essere dedotta interamente dal reddito per la dichiarazione d'imposta. I proventi da interessi non devono essere tassati se il denaro permane nella previdenza. E neanche il patrimonio risparmiato deve essere indicato nella dichiarazione d'imposta. Si applicano imposte al 2° e 3° pilastro solo quando si preleva il denaro.

Il 3° pilastro è disponibile sotto forma di conto di previdenza o previdenza in titoli.

Se versate contributi nel pilastro 3a, il vostro denaro è depositato in un conto di previdenza. Rispetto a un normale conto di risparmio si applica un tasso d'interesse preferenziale. Inoltre, avete la possibilità di investire il vostro denaro in una o più soluzioni in titoli, che si differenziano principalmente per la loro quota azionaria. In questo modo partecipate al successo dei mercati finanziari e vi assicurate l'opportunità di rendimenti più elevati.

Il 2° pilastro non vi offre in genere la possibilità di definire personalmente la forma d'investimento - la strategia d'investimento viene fissata dal Consiglio di fondazione della cassa pensione. Costituiscono un'eccezione i cosiddetti piani di previdenza 1e, che alcune casse pensioni offrono a partire da un reddito annuo di CHF 127 980. Con un ulteriore vantaggio: le casse pensioni sono tenute per legge a garantire un tasso d'interesse minimo. Il tasso d'interesse viene stabilito ogni anno dal Consiglio federale e per il 2018 è pari all'1%: più di quanto offre la maggior parte delle banche per un conto 3a. Gli averi della cassa pensione aumentano quindi anche in caso di ribasso delle borse. Ciò vale tuttavia solo per la quota obbligatoria dei fondi della cassa pensione. Per la parte sovraobbligatoria le casse pensioni possono definire autonomamente i tassi d'interesse.

Il 2° pilastro offre maggiori possibilità per i versamenti.

Sia la cassa pensione sia il pilastro 3a sono considerati "previdenza vincolata". Una volta versato il denaro, non potrete più disporne liberamente. Salvo poche eccezioni, come ad esempio l'acquisto di una casa o di un appartamento, potete accedervi solo dopo il pensionamento.

Per i versamenti annuali, vi sono considerevoli differenze tra il 2° e il 3° pilastro: se per un anno non avete disponibilità di denaro da versare nel 3° pilastro, non potrete recuperare il mancato pagamento. Nel 2° pilastro questa limitazione non esiste: avete la possibilità di riscattare i contributi della cassa pensione entro il limite di riscatto individuale quando lo desiderate e potete sospendere i versamenti per un anno, se necessario.

Nel 2° pilastro possono essere versati spesso importi consistenti.

I lavoratori affiliati a una cassa pensione possono versare contributi nel pilastro 3a per un massimo di CHF 6826 nel 2019. Questo importo massimo viene fissato a cadenza annua dal Consiglio federale. Il vostro importo massimo da versare nella cassa pensione dipende da diversi fattori, quali la vostra età, il vostro stipendio e i vostri averi presso la cassa pensione. Il limite di riscatto individuale è indicato sul vostro certificato della cassa pensione. La stragrande maggioranza dei dipendenti può versare decisamente più denaro nel 2° pilastro che nel 3° pilastro. Per motivi di ordine fiscale, nella maggior parte dei casi vale la pena ripartire i riscatti su più anni.

Il 3° pilastro offre prestazioni assicurative supplementari.

Il pilastro 3a nell'ambito di un'assicurazione offre la possibilità di ottenere un'ulteriore protezione in caso di decesso e invalidità. Tale assicurazione ha senso se i rischi non sono già coperti con altre polizze. L'esigenza di una copertura assicurativa non significa però necessariamente che il 3° pilastro sia la soluzione migliore. Vi sono infatti casse pensioni che in caso di versamenti facoltativi aumentano automaticamente le prestazioni in caso di decesso e invalidità. Chi è assicurato presso una cassa pensione accede a una sorta di assicurazione gratuita rispetto al pilastro 3a.

Le prestazioni per i versamenti nel pilastro 3a vengono corrisposte in caso di decesso secondo l'ordine dei beneficiari previsto dalla legge. Per il 2° pilastro la situazione può essere differente.

Versamenti facoltativi nel 2° pilastro e nel pilastro 3a

Aspetto Pilastro 3a 2° pilastro
Risparmio fiscale
Importo massimo 2018 CHF 6826 con cassa pensione
CHF 34 128 senza cassa pensione
Dipende da diversi fattori (limite di riscatto individuale in base al certificato della cassa pensione).
Di norma decisamente più elevato rispetto al pilastro 3a.
Forma d'investimento Conto di previdenza o portafoglio titoli Capitale di vecchiaia, per piani di previdenza 1e portafoglio titoli.
Interesse Tasso d'interesse preferenziale sul
conto 3a
Tasso d'interesse minimo garantito sulla quota obbligatoria (attualmente 1%).
Assicurazione Possibile, a seconda dell'offerente Possibile, a seconda della cassa pensione
Prelievo Prelievo sotto forma di capitale, per assicurazioni di rendita vitalizia sotto
forma di rendita
Sotto forma di capitale o di rendita
Prelievo prima del
raggiungimento dell'età
ordinaria di pensionamento
5 anni prima del raggiungimento dell’età di
pensionamento AVS
A seconda del regolamento della CP, non prima dei 58 anni
Prelievo scaglionato Sì, in presenza di conti multipli Sì (a seconda del regolamento della CP)
Prelievo dopo il
raggiungimento dell'età ordinaria di pensionamento
Sì, se si continua l'attività lavorativa fino a 69 (donne)
o 70 anni (uomini).
Fino a quel momento potete continuare a effettuare
versamenti nel 3° pilastro beneficiando di agevolazioni fiscali.
Sì, se previsto nel regolamento della cassa pensione
Caso di decesso Corresponsione in base all'ordine dei beneficiari Corresponsione in base all'ordine dei beneficiari, se previsto dal regolamento della CP

Il 3° pilastro offre maggiori possibilità di prelievo.

Al momento del pensionamento le casse pensioni sono tenute a corrispondere, su richiesta, almeno il 25% dell'avere di vecchiaia obbligatorio sotto forma di capitale. Alcune casse pensioni vanno oltre i requisiti di legge e corrispondono fino al 100% dell'avere sotto forma di capitale. Il 2° pilastro consente pertanto di prelevare il denaro risparmiato in un'unica soluzione di pagamento o come rendita mensile, oppure di scegliere una forma mista di corresponsione, facendosi versare una parte sotto forma di capitale e l'altra come rendita.

La possibilità di prelevare l'avere sotto forma di rendita non è prevista per il pilastro 3a, tranne in caso di assicurazioni di rendita vitalizia. In compenso il pilastro 3a offre un altro vantaggio: chi lo desidera può prelevare l'avere di previdenza già cinque anni prima del pensionamento. Le persone che desiderano continuare a lavorare a 65 anni hanno la possibilità di differire la corresponsione fino a 5 anni dopo il pensionamento. In qualunque momento si decida di prelevare il denaro, occorre considerare che, da un punto di vista fiscale, non conviene farsi versare l'intera somma in un'unica soluzione, ma ripartire i prelevamenti su più anni. Su questo punto il pilastro 3a è più flessibile del 2° pilastro. Per poter beneficiare di questo vantaggio, occorre avere più conti. Vale dunque la pena aprire più di un Conto di previdenza 3° pilastro. L'ufficio delle imposte competente vi comunica qual è la procedura esatta nel vostro cantone.