Testamento – 12 consigli
Articoli

Come si redige un testamento? I 12 consigli principali

Il testamento deve essere necessariamente olografo? Posso diseredare i miei figli? Come posso essere sicuro che il mio coniuge continui a vivere nella casa di famiglia anche dopo la mia morte?

Per avere la certezza che vengano rispettate le vostre volontà seguite questi 12 consigli.

1. Forma

Redigete voi stessi a mano un testamento corredato di luogo, data e firma. Se temete che i discendenti possano mettere in discussione la vostra capacità di discernimento, optate per il testamento pubblico. Non dimenticate di apporvi la data, soprattutto se nel corso della vostra vita redigete diversi testamenti.

2. Quota legittima

Rispettate la quota legittima. Al coniuge superstite spetta la metà della quota ereditaria, ai discendenti i tre quarti della quota ereditaria. In assenza di discendenti, l'eredità è devoluta ai genitori: la porzione legittima di ciascuno è pari alla metà della quota ereditaria legale.

3. Beneficiari

Se lo desiderate, potete assegnare agli eredi legittimi la porzione legittima e decidere liberamente a chi devolvere la quota disponibile. Avete inoltre la possibilità di fare un legato di importo pari alla quota disponibile alla persona o all'organizzazione di vostra scelta. Nelle vostre disposizioni testamentarie indicate: nome, indirizzo, data di nascita, natura del legato (importo di denaro o bene).

4. Deposito

Mettete il testamento in una busta e conservatelo in un luogo sicuro in modo che possa essere inoltrato a chi di dovere dopo la vostra morte. Ogni Cantone ha un ufficio pubblico responsabile della conservazione dei testamenti (ad es. studio notarile, Comune). Se lo conservate in casa, riponetelo in un posto in cui sia facile trovarlo e assicuratevi che non venga distrutto. Naturalmente può essere consegnato anche a una persona di fiducia. Annotate qui dove si trova il testamento. Istruzioni per il caso di decesso (PDF, compilabili online).

5. Modifiche

Ritenetevi liberi di modificare il testamento come e quando volete. Distruggete il testamento precedente o sostituitelo con uno nuovo se decidete di annullarlo. Attenzione: se il nuovo testamento può essere ritenuto un'integrazione del precedente entrambi vengono considerati validi.

6. Usufrutto

Se desiderate che il coniuge continui a vivere nella casa o nell'appartamento di famiglia, potete riconoscergli il diritto di abitazione o di usufrutto vita natural durante.

7. Diseredare

Potete diseredare una persona che abbia diritto alla quota legittima solo se quest'ultima ha commesso un reato grave contro di voi o una persona a voi vicina o una grave violazione dei doveri sanciti dal diritto di famiglia.

8. Legato

Se lo desiderate, potete fare un legato a favore di una persona senza nominarla vostra erede, assegnandole, ad esempio, denaro contante o valori reali. È inoltre possibile conferire l'usufrutto di un bene immobile o condonare un debito.

9. Fondazione

Se lo desiderate, potete conferire, in toto o in parte, la quota disponibile a una fondazione di utilità pubblica, scegliendo liberamente i compiti che dovrà svolgere.

10. Divisione dei beni

Stabilite come dovrà essere suddiviso il vostro patrimonio. Ad esempio, a mio figlio Giovanni lascio il mio yacht, a mia figlia Francesca la mia casa in montagna. Si raccomanda di indicare nel testamento il valore di computo delle disposizioni relative alla divisione.

11. Compensazione

Per le persone a cui avete già dato in vita (dote, averi patrimoniali, condono di debiti) occorre detrarre tali dazioni dalla loro quota successoria. Indicate nel testamento eventuali disposizioni di segno contrario.

12. Esecutore testamentario

Designate un esecutore testamentario se temete che possano esserci dissidi tra gli eredi o se preferite incaricare della successione una terza persona estranea al nucleo familiare.

Pianificazione successoria: il diritto matrimoniale e successorio in breve.

In questo video sono illustrate le principali leggi svizzere e viene spiegato perché è importante pensare per tempo alla pianificazione successoria.