Planimetrie: quali sono le caratteristiche di una buona planimetria abitativa
Articoli

Flessibilità, distanze ridotte, molta luce. La planimetria ideale.

Le planimetrie rivestono un ruolo decisivo nella ricerca di un appartamento o di una casa. Servendosi di strumenti di analisi è possibile distinguere tra planimetrie buone e meno buone. Scoprite quali sono i fattori che influenzano la qualità di una planimetria e come si riconosce una buona planimetria.

La qualità delle planimetrie è misurabile

Uno dei più importanti criteri decisionali nella ricerca di un'abitazione è la planimetria. Con l'ausilio di strumenti di analisi intelligenti e algoritmi oggi è possibile valutare oggettivamente diversi aspetti della qualità di una planimetria. Si può dunque distinguere tra planimetrie buone e meno buone sulla base di caratteristiche quantitative. In questo modo il confronto tra oggetti per gli acquirenti si semplifica, poiché le planimetrie influenzano la funzionalità dell’abitazione.

Tuttavia, dal momento che ciascuno ha esigenze e richieste diverse per quanto riguarda la superficie abitabile, la planimetria perfetta non esiste. Per esempio spesso le famiglie attribuiscono grande importanza a una grande cucina, a camere dei bambini luminose e alla separabilità acustica degli spazi. Per i giovani professionisti single, o yuppie, invece, il valore rappresentativo dell'appartamento e la vista possono rivestire un ruolo più importante.

Le esigenze in termini di planimetrie sono differenti

Ciascuno ha esigenze diverse per quanto riguarda le planimetrie

Diversa ponderazione dei fattori abitativi interni (giudizio di esperti) per abitazioni familiari e di yuppie

Fonte: Archilyse, Credit Suisse

Lo sfruttamento degli spazi dipende dalla struttura della planimetria

Le planimetrie forniscono indicazioni riguardo alle possibilità di utilizzo dell'abitazione. In generale si possono definire due tipi di planimetrie: La «planimetria determinante» stabilisce in anticipo con la sua struttura la funzione degli spazi. La dimensione dei locali nonché la disposizione e il collegamento degli uni con gli altri consentono un solo tipo di utilizzo. In caso di «planimetria aperta», invece, i locali sono concepiti in modo tale che la funzione possa essere scelta individualmente. Spesso tutti i locali hanno la stessa dimensione.

Un'altra caratteristica distintiva è la connettività: la planimetria può separare i locali oppure collegarli. Se la planimetria è disposta come una specie di cerchio, si ha una buona infrastruttura abitativa. I locali utilizzati con maggiore frequenza sono direttamente collegati e brevi distanze consentono uno sfruttamento ottimale delle superfici. Se invece tutte le stanze si dipartono da un locale centrale come l'ingresso, si hanno lunghe distanze. Le distanze infatti devono sempre essere percorse passando per un punto di snodo.

La connettività determina la qualità della planimetria

La connettività determina la qualità della planimetria di un’abitazione

A sinistra: elevata connettività, poiché i locali utilizzati con maggiore frequenza come la cucina e la sala da pranzo sono direttamente collegati. La camera da letto e il bagno sono a loro volta accessibili direttamente, ma anche utilizzabili in modo autonomo. Così facendo si tutela la sfera privata.

A destra: connettività limitata, poiché il collegamento tra le stanze è possibile soltanto passando per l'ingresso, che per il resto è pressoché privo di valore d'uso.

Fonte: Archilyse

Planimetrie di buona qualità ottimizzano la quantità di luce che entra nell'abitazione

La planimetria influisce anche sulla luminosità dell'abitazione e di conseguenza sul benessere. La qualità dell'illuminazione infatti ha una forte influenza sulla nostra psiche. Poiché si tratta di un fattore particolarmente importante, le dimensioni delle finestre e le distanze tra edifici sono già prescritte dai regolamenti edilizi. Con un orientamento accorto delle stanze si può inoltre massimizzare la quantità di luce in entrata. Con l'ausilio di analisi di luminosità è possibile simulare l'illuminazione naturale. A tale riguardo occorre anche considerare le disposizioni dei balconi e l’ombreggiamento prodotto dagli alberi.

Il seguente esempio mostra che le camere dei bambini rivolte a nord presentano una scarsa illuminazione. Manca infatti l’irradiamento solare diretto. Una finestra piccola, il balcone attiguo e soprastante e gli edifici vicini rabbuiano ulteriormente la stanza. Se invece la stanza è rivolta verso sud e dispone di una grande finestra, a mezzogiorno la luce passa da 800 lumen al metro quadrato a 4300 lumen al metro quadrato. Più di cinque volte tanto.

La planimetria abitativa può ottimizzare la luce in entrata

La quantità di luce in entrata dipende anche dalla planimetria dell’abitazione.

A sinistra: camera dei bambini orientata a nord

A destra: camera dei bambini orientata a sud

Rosso: irradiamento solare diretto

Fonte: Archilyse

La planimetria dovrebbe consentire di scegliere individualmente la disposizione degli arredi

Le proporzioni dei locali nonché la posizione dell'ingresso, delle finestre e degli implanimetrii fissi limitano la varietà di modi in cui è possibile arredare un'abitazione. Le esigenze individuali dei residenti vengono soddisfatte meglio quando la planimetria offre svariate possibilità di arredo. Questo aspetto è particolarmente importante per le famiglie, che spesso devono convertire una cameretta per neonati in una stanza per bambini e adolescenti.

La possibilità di arredo per la camera da letto, per esempio, viene valutata in base al numero di posizioni in cui può essere collocato un letto matrimoniale. Le stanze di taglio quadrato offrono un maggior numero di possibilità di disposizione rispetto ai locali dalla conformazione conica. In questo modo la varietà di utilizzi aumenta.

La planimetria della camera da letto influenza le possibilità di arredo

I locali dal taglio quadrato possono essere ammobiliati in modo più vario

A sinistra: Il locale quadrato consente di collocare il letto in tre posizioni diverse.

A destra: A causa della conformazione conica della stanza è possibile collocare il letto in una sola posizione.

Fonte: Archilyse

Le planimetrie acquistano importanza grazie alla possibilità di valutazione oggettiva

Una buona planimetria costituisce la base per un'abitazione confortevole e personalizzabile. Non sempre la qualità della planimetria appare chiara a prima vista. Se tuttavia si effettua una valutazione sulla base dei fattori illustrati, è possibile riconoscere il potenziale offerto dalla planimetria. Questo tipo di valutazione aiuta gli acquirenti a confrontare diverse abitazioni e a giudicarle oggettivamente, consentendo loro di prendere la giusta decisione d'acquisto.

Vi interessano altre riflessioni dello studio immobiliare?

Scaricare lo studio immobiliare 2019 This link target opens in a new window
O avete domande sull'acquisto di un'abitazione? Chiamateci al numero di telefono 0844 100 113 o fissate un colloquio di consulenza.