I quattro modelli di pensionamento del 2° pilastro
Articoli

I quattro modelli di pensionamento del
2° pilastro

Che si tratti di un pensionamento anticipato a 58 anni o del pensionamento differito a 70 anni, graduale o al raggiungimento dell'età di pensionamento AVS, il prelievo individuale della previdenza professionale è possibile per legge. Si devono consultare le disposizioni della propria cassa pensioni. Qui di seguito i quattro diversi modelli di pensionamento nel 2° pilastro a confronto.

1. Pensionamento ordinario

Le donne vanno attualmente in pensione a 64 anni, gli uomini a 65. Potete prelevare le vostre prestazioni di vecchiaia sotto forma di rendita, capitale o una combinazione delle due. Per la percezione della rendita si applica l'aliquota di conversione di volta in volta vigente.

2. Pensionamento anticipato

Le prestazioni del 2° pilastro possono essere percepite non prima dei 58 anni. Poiché l'avere di vecchiaia non è ancora del tutto accumulato e la durata del pagamento viene prolungata, le prestazioni sono ridotte di conseguenza. Chi ha risparmi sufficienti può compensare le riduzioni con riscatti volontari. Chi possiede un pilastro 3a può utilizzarlo per i riscatti nel 2° pilastro. Attenzione: l'obbligo di contribuzione per l'AVS rimane.

3. Pensionamento graduale

In parte attivo, in parte in pensione: sempre più casse offrono questa transizione graduale. A tal fine viene ridotto gradualmente il tempo di lavoro. Il minor stipendio è compensato da un prelievo parziale della prestazione di vecchiaia in forma di rendita o capitale. Se prevista dal regolamento, questa soluzione è possibile anche dopo il raggiungimento dell'età ordinaria di pensionamento.

4. Pensionamento differito

Chi decide di restare attivo più a lungo di quanto prescritto dalla legge ottiene talvolta un aumento dell'aliquota di conversione sul proprio avere di vecchiaia. Il 2° pilastro viene proseguito, se previsto dal regolamento, con o senza accrediti di vecchiaia. In base alla legge, la previdenza professionale può essere proseguita fino al compimento del 70° anno.

Prelievo della cassa pensione in età compresa tra i 58 e i 70 anni

Secondo la LPP, gli assicurati devono iniziare a percepire la rendita del 2° pilastro fra i 58 e i 70 anni di età. Il grado di flessibilità con cui essi possono configurare questo passaggio dal lavoro alla pensione dipende dalla loro cassa pensione e dal rispettivo regolamento.