Pensionamento anticipato con soluzioni di pensionamento parziale della cassa pensione
Articoli

Pensionamento parziale a 62 anni: di cosa bisogna tenere conto?

A seconda della cassa pensione è possibile un pensionamento parziale. In tal caso sono importanti la scelta del momento giusto per la percezione di una rendita, la pianificazione delle fasi intermedie e le conseguenze a livello previdenziale e fiscale.

Se il regolamento di una cassa pensione prevede il pensionamento parziale, non vi sono ostacoli a questo desiderio. Tuttavia, si pongono sempre interrogativi complessi, come p. es. quello relativo al momento giusto per percepire una rendita, qualora per alcune fasi intermedie siano previste anche liquidazioni in capitale. Conviene riscuotere subito la rendita all'inizio perché l’aliquota di conversione della cassa pensione in futuro potrebbe essere più bassa? O è meglio riscuoterla alla fine perché l’aliquota di conversione aumenta con l’età? Anche le fasi intermedie dovrebbero essere ben pianificate.

Chiarire le conseguenze in materia previdenziale e fiscale

Nell’ottica del diritto fiscale, soprattutto il pensionamento parziale con liquidazioni in capitale richiede un esame accurato poiché la prassi fiscale varia molto da un cantone all'altro. In alcuni cantoni è richiesta una determinata riduzione del grado di occupazione e il numero delle fasi intermedie è limitato. Inoltre vi possono anche essere limitazioni relative al numero massimo di liquidazioni in capitale. Per questo motivo, non si può rispondere a questa domanda senza un esame più approfondito. La maggiore flessibilità implica anche la necessità di chiarire accuratamente le conseguenze in materia fiscale e previdenziale.