Proprietà abitativa in caso di decesso
Articoli

Che cosa succede alla proprietà abitativa in caso di decesso del partner?

Per una donna, la morte del convivente può avere conseguenze significative per la proprietà abitativa, anche dal punto di vista finanziario. È uno scenario al quale ci si dovrebbe preparare in anticipo.

Che cosa implica per la proprietà abitativa congiunta il decesso di chi rappresenta la fonte principale di reddito?

In questa tragica eventualità è opportuno contattare il consulente della banca presso la quale la coppia ha stipulato l'ipoteca. Nel corso del colloquio occorre verificare se la proprietà abitativa possa essere ancora finanziariamente sostenibile con le prestazioni per i superstiti.

Come viene calcolata la sostenibilità per una proprietà abitativa?

Innanzitutto devono essere calcolati i costi complessivi, ossia i tassi ipotecari calcolatori + ammortamento + spese accessorie. In base alla regola generale, i costi complessivi non devono superare un terzo del reddito lordo.

E come si possono calcolare gli interessi, che sono soggetti a variazioni?

Per il calcolo della sostenibilità, la banca applica un tasso d'interesse medio del 5 per cento. Di conseguenza, per un'ipoteca di 600 000 franchi il costo calcolatorio degli interessi ammonta a 30 000 franchi l'anno, ovvero a 2500 franchi al mese, importo che non deve superare 1/3 del reddito lordo.

Quando il partner superstite non è in grado di sostenere i costi ipotecari per l'immobile appartenente a entrambi, è un problema.

E le spese accessorie?

Di norma per le spese accessorie si calcola l'1 per cento del valore dell'immobile. Se questo è di 800 000 franchi, occorre quindi accantonare 8000 franchi all'anno. Questo denaro dovrebbe essere impiegato per la manutenzione dell'immobile al fine di conservarne il valore, ad esempio per riparazioni o spese correnti.

E quando il denaro non basta cosa si deve fare?

Quando il partner superstite non è in grado di sostenere i costi dell'immobile appartenente a entrambi, è un problema. In una situazione di per sé già così difficile, può accadere che l'immobile debba essere venduto. Per questo è importante prevenire l'insorgere di un tale scenario con adeguate misure. È assolutamente necessario affrontare anticipatamente questioni quali cassa pensione, 3° pilastro, assicurazione sulla vita, pianificazione successoria e pianificazione del finanziamento.