Fondate ragioni per presumere una crescita economica nel secondo semestre
Articoli

Intervista a James Sweeney: nel mese di giugno la congiuntura in recessione ha toccato il punto più basso

La congiuntura globale in recessione dovrebbe avere già toccato il punto più basso e nella seconda metà dell’anno è probabile una nuova ripresa della crescita economica. Nel breve termine, tuttavia, gli investitori devono fare i conti con un rischio più elevato di deflazione.

Alla profonda recessione segue una lenta ripresa

La pandemia da coronavirus ha prodotto profonde ripercussioni a livello globale. In breve tempo le economie di tutto il mondo sono sprofondate in una profonda recessione per effetto delle misure adottate per contrastare il virus. Nel complesso, il PIL mondiale 2020 dovrebbe ridursi del 3,5 per cento.

Ma ci sono anche notizie positive. «Riteniamo che il fondo sia stato toccato a maggio o a giugno», afferma James Sweeney, capo-economista e CIO regione Americas di Credit Suisse. La ripresa, tuttavia, richiederà molto tempo. Nell’intervista potete scoprire quando il PIL mondiale tornerà lentamente al livello antecedente alla crisi e quali sono le ripercussioni della crisi sulle relazioni commerciali internazionali e sulla globalizzazione.

Intervista a James Sweeney, capo-economista e CIO regione Americas di Credit Suisse

Nell’intervista James Sweeney parla del superamento della recessione e di come gli investitori dovranno prepararsi. (Audio disponibile solo in inglese)

By accessing the videos and/or podcasts in this page, you hereby consent to Credit Suisse disclosing your full IP address to YouTube and/or SoundCloud for the purpose of enabling you to view or listen to the content hosted in those platforms. These third party platforms are not operated or monitored by Credit Suisse, and your IP address and any other personal data collected, processed or stored by these third party platforms will be subject to their own privacy policies, and Credit Suisse will not be responsible for their treatment of personal data.

Nel breve termine la crisi aumenta il rischio di deflazione

Attualmente per gli investitori si pone la questione se in futuro le misure di sostegno dei governi e delle banche centrali produrranno un aumento dell’inflazione. Secondo James Sweeney, tuttavia, nel breve termine è vero piuttosto il contrario. «Al momento siamo in presenza di una pressione deflazionistica e sussiste il rischio di una deflazione persistente». Scoprite nel video quando potremmo assistere a una ripresa dei tassi di inflazione e per quale motivo non è ancora possibile esprimere valutazioni precise in merito al loro sviluppo a lungo termine.

Avete domande su questo tema?

Fissare un colloquio di consulenza This link target opens in a new window
Saremo lieti di aiutarvi. Non esitate a contattarci al numero 0844 844 005.