La RFFA riserva opportunità alle PMI svizzere innovative

La RFFA cambia il panorama fiscale. Un'opportunità per le PMI innovative. 

Con l'abolizione dei vantaggi fiscali esistenti e l'introduzione di nuovi strumenti come il patent box, la riforma dell'imposizione delle imprese comporta significative ripercussioni fiscali per molte PMI in Svizzera. Le imprese che si muovono con abilità, possono sfruttare a loro vantaggio i cambiamenti innescati dalla RFFA. 

La RFFA ha cambiato profondamente il contesto fiscale delle PMI

Con l'entrata in vigore della riforma fiscale e del finanziamento dell'AVS (RFFA) il 1° gennaio 2020, il panorama fiscale delle imprese svizzere è cambiato radicalmente. Da un lato l'imposizione privilegiata delle società con statuto speciale è stata abolita, affinché il sistema fiscale continui a rimanere in linea con le norme internazionali. Dall'altro i cantoni hanno introdotto nuovi strumenti come il patent box o deduzioni per le spese di ricerca e sviluppo, che riducono il carico fiscale.

Ma cosa comportano questi cambiamenti per le PMI svizzere? Come possono reagire alla riforma e sfruttare al meglio le sue opportunità? Risponde a queste domande André Bieri, Tax Partner e Markets Leader Switzerland & Lichtenstein di Ernst & Young, in una breakout session al 3° Convegno delle imprese di Credit Suisse 2020.

Dopo la riforma dell'imposizione delle imprese, le holding si confrontano con la questione della localizzazione

Con l'abolizione della tassazione delle holding nell'ambito della RFFA, gli utili di queste società devono essere sottoposti all'imposizione ordinaria, anziché come in passato a un'aliquota ridotta dell'8,5 per cento. Di conseguenza la maggior parte dei cantoni ha ridotto le aliquote fiscali ordinarie per le imprese, il che ha determinato anche spostamenti nella concorrenza dei cantoni legata alla localizzazione.

Nel nuovo contesto, uno spostamento o addirittura uno scioglimento della holding può quindi essere opportuno dal punto di vista fiscale. «Le PMI interessate devono valutare attentamente se l'attuale ubicazione della holding rimane quella giusta. O addirittura se è ancora necessaria», spiega André Bieri.

3° Convegno delle imprese di Credit Suisse (Tedesco)

Effetti della riforma fiscale per il ceto medio: necessaria un’altra riforma? 

A seguito della riforma dell'imposizione delle imprese molti cantoni hanno abbassato le imposte sull'utile

A seguito della riforma dell'imposizione delle imprese molti cantoni hanno abbassato le imposte sull'utile 

Le aliquote d'imposta sull'utile nei cantoni prima e dopo l'attuazione della RFFA

Fonte: Ernst & Young

Il patent box offre opportunità alle PMI innovative

Soprattutto per le aziende che dispongono di un proprio reparto di ricerca e sviluppo, si delineano ulteriori strumenti di ottimizzazione fiscale nell'ambito della RFFA. Per esempio grazie al patent box le imprese possono richiedere la tassazione dell'utile risultante dai propri brevetti con una riduzione fino al 90 per cento. L'entità di questa deduzione varia tuttavia da cantone a cantone, inoltre i brevetti devono soddisfare determinati requisiti affinché possano essere presi in considerazione.

Per esempio le spese di ricerca e sviluppo rilevanti devono essere sostenute in Svizzera. Secondo le disposizioni dell'OCSE, i brevetti devono essere nuovi, utili e non ovvi. Dunque non tutte le imprese possono approfittarne in ugual misura. Ed è per questo che andrebbe accuratamente verificato a priori se l'onere per la documentazione e la richiesta è giustificato.

Beneficiare della riforma dell'imposizione delle imprese anche con le deduzioni di R&S

Il secondo strumento con il quale le PMI innovative possono richiedere nuove agevolazioni fiscali è costituito dalle deduzioni sulle spese di ricerca e sviluppo effettivamente sostenute. Su queste spese può essere concessa, a seconda del cantone, una deduzione fiscale fino al 50 per cento. A fronte di una spesa di R&S di 200 000 franchi un'azienda potrebbe ridurre il suo utile imponibile anche di 100 000 franchi.

Poiché i cantoni attuano in modo molto diverso l'introduzione delle deduzioni supplementari per le spese di R&S, in determinate circostanze le PMI possono risparmiare sulle imposte con una riorganizzazione. «In molte imprese di famiglia la ricerca e lo sviluppo sono ripartiti su diversi settori aziendali», afferma André Bieri. Una centralizzazione di queste funzioni in un cantone in cui l'impresa presenta anche utili elevati, potrebbe comportare significativi vantaggi fiscali.

Le PMI devono verificare per tempo le misure inerenti alla riforma dell'imposizione delle imprese

I cambiamenti introdotti dalla riforma fiscale preoccupano molte imprese in Svizzera, tuttavia non tutte hanno già attuato misure efficaci. In un sondaggio condotto tra i partecipanti al Convegno delle imprese, l'88 per cento degli intervistati ammette che la propria impresa è interessata dalla riforma. Per contro soltanto il 48 percento sostiene di aver già attuato o pianificato interventi adeguati.

«Il tema è molto sentito», continua André Bieri. Ma molte aziende non sono certe che ne valga la pena. In tema di riforma dell'imposizione delle imprese dà un consiglio agli imprenditori: «Affrontate la questione». Perché, preparando il terreno per tempo e portando avanti i preparativi necessari, le aziende potrebbero beneficiare in tempi rapidi delle misure fiscali e degli interventi di ottimizzazione.

Desiderate saperne di più sulla riforma dell'imposizione delle imprese e sul patent box? 

Richiedere una consulenza  This link target opens in a new window