Export svizzero: le PMI confidano in un aumento delle esportazioni

Il trend negativo si è arrestato. Migliora il clima delle esportazioni delle PMI.

Ancora una volta il barometro delle esportazioni è in leggero calo. Perché si prevede comunque un aumento della domanda dei beni d'esportazione svizzeri e quali sono le principali sfide per l'export svizzero. 

La crescita delle esportazioni continua a indebolirsi

Ancora una volta il barometro delle esportazioni di Credit Suisse è in leggero calo. Con 0,35 punti, è solo di poco superiore alla soglia di crescita e nettamente al di sotto della media di lungo termine di 1,0 punti. Nel primo trimestre del 2019 l'indebolimento della domanda di merci svizzere da parte dell'industria europea ha colpito soprattutto l'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica (MEM). Le sue esportazioni si sono ridotte del 2,6 per cento.

Mentre negli Stati Uniti, secondo Credit Suisse, la situazione della domanda ha fatto registrare un lieve peggioramento, in Europa si è perlomeno stabilizzata. Tuttavia per il momento gli indici dei direttori agli acquisti (PMI) europei non lasciano presagire nel breve periodo un rafforzamento significativo della dinamica. Ma Credit Suisse esclude una flessione del volume totale di esportazioni. 

Export svizzero: ancora una volta il barometro delle esportazioni di Credit Suisse è in leggero calo

Il barometro delle esportazioni di Credit Suisse si avvicina alla soglia di crescita

In deviazioni standard, soglia di crescita = 0

Fonte: Bloomberg, Datastream, PMIPremium, Credit Suisse/IDC

Le PMI svizzere confidano in un aumento delle esportazioni

Sebbene attualmente il valore del barometro delle esportazioni di Credit Suisse si attesti ai minimi storici dall'ottobre 2013, Credit Suisse prevede un nuovo aumento globale della domanda di beni d'esportazione svizzeri. Tuttavia, in misura inferiore e a un ritmo più lento rispetto all'anno scorso. Un quadro analogo è emerso in relazione al clima delle esportazioni delle PMI. Secondo un sondaggio di Switzerland Global Enterprise (S-GE), ha nuovamente segnato un leggero miglioramento dopo il trend negativo dei mesi precedenti. La metà delle PMI svizzere si aspetta un aumento delle esportazioni per il prossimo trimestre. 

Per le PMI svizzere dietro l'export si celano sfide

Per esportare con successo, le PMI svizzere devono far fronte a numerose sfide. Secondo il sondaggio di S-GE, la sfida principale è individuare partner d'affari adeguati nel paese di destinazione. Segue la corretta commercializzazione dei prodotti o dei servizi. Al terzo posto tra le principali difficoltà si colloca, a detta delle PMI svizzere, la costituzione di una rete. Ma incidono sull'export anche le oscillazioni dei tassi di cambio e il superamento degli ostacoli commerciali dovuti ai conflitti politico economici. 

Avete domande sull'export svizzero?

Richiedere una consulenza This link target opens in a new window
Saremo lieti di aiutarvi. Chiamateci al numero +41 800 88 88 73.