Silver economy

Al centro del Supertrend "Silver economy – Investire sull’invecchiamento della popolazione" vi è la previsione che la popolazione anziana del mondo raddoppierà passando a oltre due miliardi di persone entro il 2050. Questa evoluzione è destinata a continuare a prescindere dallo stato dell'economia mondiale o dagli eventi politici e creerà nuovi bisogni associati all’invecchiamento della popolazione nell'ambito di sanità, soluzioni assicurative e di finanziamento nonché consumi e mercati immobiliari. In prospettiva futura, la focalizzazione sui mercati emergenti (ME) appare giustificata dal fatto che due terzi dell’incremento del numero di anziani sarà concentrato in questi Paesi, scarsamente provvisti di risorse in termini di assistenza sanitaria e di soluzioni assicurative pubbliche e private.

Population 60+ by 2050

Fonte Organizzazione delle Nazioni Unite, Dipartimento per gli affari economici e sociali, Population Division (2019). "World Population Prospects 2019", edizione online. Rev. 1, Variante media fertilità; Credit Suisse

Terapeutica e dispositivi medicali

Far fronte all’invecchiamento della popolazione

Il settore sanitario è quello maggiormente interessato dall'invecchiamento della popolazione. L’incidenza di molte malattie croniche aumenta con l’età, motivo per cui un aumento della popolazione anziana è legato a un incremento più che proporzionale della spesa sanitaria. Sulla base dell’evoluzione storica, si prevede che i costi per la sanità continueranno ad aumentare a un tasso superiore di diverse centinaia di punti base alla crescita del PIL. Ciò solleva un importante dibattito e impone misure di contenimento della spesa sanitaria nel contesto dell’evoluzione demografica descritta. La tecnologia può avere e avrà un ruolo cruciale nel fornire tali soluzioni.

Anche il progresso medico dovrà fornire terapie più efficienti ed economiche per le malattie e i disturbi dell’età avanzata. Idealmente, le misure di prevenzione possono innanzitutto ridurre l’insorgenza di patologie costose, p. es. complicazioni cardiovascolari connesse allo stile di vita. Tuttavia, questo approccio appare meno efficace nel caso del cancro, un'altra causa primaria di morte che, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, nel 2010 ha comportato un onere cumulativo per la sanità di oltre USD 1200 miliardi. A differenza di altri fattori di rischio cancerogeno, come il fumo e uno stile di vita poco salutare, l'invecchiamento non può essere evitato. Tecnologie di nuova generazione, come coniugati farmaco-anticorpo e vaccini contro il cancro personalizzati, stanno compiendo grandi progressi nei test clinici. Se si considera l’intera pipeline dell’industria oncologica, appare fondamentale che i sistemi sanitari sfruttino a pieno il potenziale di risparmio derivante dalle scadenze dei brevetti attraverso lo sviluppo di prodotti generici e biosimilari di farmaci biologici, in modo da creare le premesse finanziarie per l’innovazione.

A prescindere da indicazione, area o natura terapeutica dell’intervento (farmaci, malattia o altre forme di terapia), la focalizzazione sulla creazione di valore con l’innovazione e sulla leadership di costo è di fondamentale importanza, in quanto è la sola ad assicurare la leva di negoziazione per le società farmaceutiche, biotecnologiche e di tecnologia medica in un mondo che deve far fronte a un’impennata della spesa sanitaria. Transasia Bio-Medicals, ad esempio, è diventato il numero uno tra i fornitori di diagnostica in vitro in India grazie a una netta focalizzazione sui costi e a una profonda conoscenza delle condizioni locali, aspetti che hanno consentito all'azienda di estendere il suo modello ad altri mercati emergenti e ad alcuni mercati sviluppati.

Hospital beds, nurses, midwives

Assistenza e strutture

Nuove prospettive

L'invecchiamento della popolazione, le condizioni di salute e le malattie legate all'età richiedono possibilità di assistenza e impostazioni dedicate, così come strutture attrezzate per fornire agli anziani questi servizi. Gli anziani oggi conducono spesso una vita più sana e attiva delle generazioni precedenti, e questo consente loro di vivere in autonomia più a lungo – uno stile di vita che cercano di mantenere il più possibile. L'opzione indifferenziata delle case di riposo non sarà più in grado di soddisfare le esigenze differenziate di questa fascia di popolazione. Perciò le aziende di costruzione e gestione di soluzioni di senior housing dedicate che coprono l'intero spettro assistenziale – dalla residenza assistita alle cure intensive – avranno un ruolo cruciale nel soddisfacimento di questa domanda. Per valutarne la portata sia in termini di domanda che d'investimento, abbiamo calcolato il numero di ulteriori posti letto ospedalieri attualmente necessario per portare i dieci Paesi con il maggior incremento assoluto di anziani al valore della media mondiale in termini di posti letto ospedalieri pro capite. Il risultato, pari a quattro milioni di posti letto, a prima vista potrebbe non apparire un investimento particolarmente consistente. Tuttavia, si tenga presente che questo numero equivale a quattro volte il numero di posti letto ospedalieri negli USA o a 10 000 ospedali di medie dimensioni. Inoltre, si tratta solo dell'investimento richiesto attualmente, quindi la cifra continuerà a crescere con il rapido aumento della popolazione anziana. La formazione del nuovo personale medico e infermieristico da destinare alle nuove infrastrutture aumenterà ulteriormente i costi. Tuttavia, ogni progresso compiuto in questa direzione contribuirà a ridurre le attuali gravi carenze in importanti mercati emergenti e rappresenterà un importante contributo all'equità sociale.

Nell'ambito della prestazione di assistenza, anche le organizzazioni di gestione sanitaria (Managed Care Organizations, MCO) svolgeranno un ruolo importante. Queste organizzazioni, basandosi su un'approfondita conoscenza dei fattori di rischio e dell'ambiente sanitario nonché su un'ingente quantità di dati storici riguardanti episodi e richieste di cura, sono in grado di orientare i pazienti verso il protocollo assistenziale più efficace, idealmente prima che insorgano conseguenze e complicazioni molto gravi, oltre che costose.

Per esempio, le MCO possono individuare tempestivamente i pazienti a rischio dialisi e indirizzarli progressivamente verso un percorso di assistenza dialitica appropriato, senza ricorrere alla dialisi d'urgenza, che è un trattamento medico complesso e costoso.

Assicurazioni sanitarie e sulla vita

I punti critici della previdenza

Con l'invecchiamento della popolazione si pone l'esigenza di trovare soluzioni di finanziamento, sia per i costi di sostentamento, sia per le spese sanitarie. Queste ultime, come ricordato, possono essere ingenti nonostante le misure di contenimento già messe in atto. Un elemento di preoccupazione è rappresentato dal fatto che molti dei Paesi che contribuiranno maggiormente a incrementare il numero assoluto di anziani entro il 2050 non sembrano adeguatamente preparati a garantire loro fonti di finanziamento. Il Melbourne Mercer Global Pension Index fornisce informazioni esaurienti in merito. L’indice assegna a gran parte dei sistemi previdenziali di questi Paesi un livello C o persino D, mettendo in luce l’inadeguatezza degli attuali sistemi. Neanche gli Stati Uniti, con un livello dell’indice pari a C+, soddisfano le aspettative. Il risultato appare coerente con quanto rivelato da un rapporto della Federal Reserve Bank di St. Louis, dal quale emerge che il 35% delle famiglie statunitensi è privo di un piano di previdenza. "Per molte famiglie americane, il saldo totale dei conti pensionistici potrebbe non essere sufficiente a garantire una buona qualità di vita al momento del pensionamento", evidenzia il rapporto.

Parte della soluzione consisterà nell’adottare misure impopolari di consolidamento dei sistemi previdenziali (p. es. attraverso l’aumento dei contributi e delle imposte e l’innalzamento dell’età pensionabile). Tuttavia, appare sempre più evidente che anche il settore privato svolgerà un ruolo di primo piano. In questo contesto ci aspettiamo un incremento di transazioni che coinvolgono aziende che operano nei mercati emergenti come l’acquisto, nel 2019, di una partecipazione in una società di assicurazioni sulla vita cinese da parte di un assicuratore tedesco. Si può prevedere un’evoluzione simile per l’assicurazione sanitaria nei mercati emergenti, date le condizioni analoghe: bassa penetrazione dell'assicurazione nei mercati emergenti e costi sanitari imprevisti a carico dei pazienti sia nei mercati sviluppati che in quelli emergenti.

Scelte dei consumatori senior

Un grande potere d'acquisto

Nonostante le problematiche citate, attualmente gli anziani costituiscono un potente gruppo di consumatori che dispone di un potere d'acquisto elevato garantito dall'accumulo di ricchezza nel corso della loro vita, ma anche dalle eredità ricevute in età prossima al pensionamento – un altro effetto dell’aumento della longevità. Futuri beneficiari di questo significativo potere d'acquisto, combinato alla notevole disponibilità di tempo degli anziani, sono il settore del divertimento e quello del turismo, per lo meno una volta che saranno revocate le limitazioni agli spostamenti imposte dal coronavirus e riprenderanno le attività. Dovrebbero essere favoriti anche i prodotti per la cura personale, i prodotti di bellezza e la domotica. Inoltre, alcune apparecchiature e dispositivi medici, come gli occhiali da vista o gli apparecchi acustici, beneficiano di una copertura assicurativa lacunosa in gran parte dei Paesi e spesso rappresentano una considerevole voce di spesa per i pazienti, trasformando così il loro acquisto in una decisione di consumo.