Investimenti sostenibili con MSCI
News and Insights

Investimenti sostenibili con MSCI

Ancora prima dell’affermazione dei criteri ESG come una valida strategia d’investimento, il settore finanziario aveva registrato un altro importante evento: l’indicizzazione. Oggi grazie ai progressi tecnologici e finanziari è possibile creare rapidamente ed efficacemente un indice corrispondente a un qualsiasi criterio e che può essere replicato da un fondo passivo corrispondente.

L’uso di fondi indicizzati, che replicano indici basati sui criteri ESG, da parte degli investitori desiderosi di conferme per prendere decisioni d’investimento, non è un fenomeno recente.

La rivoluzione dell’indice

Oggi è disponibile un’ampia gamma di indici, che ponderano in modo diverso vari aspetti ambientali legati alla governance. A nostro avviso questi indici si possono ripartire in quattro categorie: indici attenti al cambiamento climatico, indici etici e religiosi, indici basati su obiettivi specifici – come la promozione delle donne negli organismi aziendali – e indici diversificati, che approssimativamente includono l’intero spettro dei criteri ESG. Credit Suisse Asset Management predilige quest’ultima categoria di soluzioni d’investimento.

Gli indici MSCI ESG Leaders ottengono questo risultato con un procedimento in più stadi. Nella prima fase vengono escluse le aziende che ottengono più del 50% dei ricavi da attività commerciali controverse, tra cui le bevande alcoliche, il tabacco, il gioco d’azzardo, l’energia nucleare o le armi da fuoco. Sulle aziende restanti si esegue un’analisi approfondita basata su serie di dati di dominio pubblico, ad esempio resoconti commerciali, studi di ONG e altre fonti indipendenti e affidabili.

Dopo quest’analisi viene assegnato un rating ESG elaborato internamente. Per essere classificate tra le migliori, le azien - de devono ottenere un rating ESG almeno pari a “BB” e un punteggio di almeno “3” in una scala di attività commerciali controverse. Le aziende che hanno ottenuto i punteggi ESG più alti sono incluse nell’indice ESG Leaders, che punta a rappresentare il 50% della capitalizzazione di mercato in ciascun settore. Con questo procedimento ci si assicura che gli indici ESG non divergano troppo da quelli standard a livello di rischio e rendimento.

MSCI Emerging Markets ESG Leaders Index e MSCI Emerging Markets Index – I primi 20 classificati per dimensione

Fonti: Factset, MSCI, Credit Suisse, 30 giugno 2018

Confronto tra le performance

Confronto tra le performance

Fonte: MSCI Bloomberg, dati al 30 giugno 2018, in USD, performance mensili per la quantificazione del rischio

Scope – Rivista

Registrati