Accelerare l’innovazione. Plasmare il futuro dell’Asset Management.
News and Insights

Accelerare l’innovazione. Plasmare il futuro dell’Asset Management.

Visione panoramica invece di visione parziale: sebbene i cappelli col periscopio i indossati dai due uomini alla British Industries Fair del 1937 non servissero a prevedere il futuro, offrirono a chi li portava una visione migliore della zona fieristica. L’i.AM Innovation Lab sta perseguendo un obiettivo simile. Sta preparando gli asset manager alle tecnologie disruptive e agli sconvolgimenti di vasta portata che esse provocheranno. Il laboratorio è stato creato come un’entità indipendente al servizio dell’intero settore dell’Asset Management.

L’Asset Management richiede un pensiero globale e sostenibile e guarda al futuro come pochi altri settori. Rappresenta un terreno fertile per nuove idee, metodi e tecnologie. i.AM Innovation Lab, con sede a Zurigo, punta a rimanere all’avanguardia e a sviluppare strumenti che possano aiutare il settore a guidare e  plasmare il ritmo dirompente dell’innovazione.

Come molti altri settori nell’attuale contesto economico, l’Asset Management si trova costantemente alle prese con il cambiamento imposto dalle tecnologie disruptive. Da qualunque angolazione le si osservi, queste tecnologie rappresentano una sfida ma anche un’incredibile opportunità. Da tempo i player del settore sono alla ricerca di un modo per cogliere questa opportunità che consenta, allo stesso tempo, di mantenere il controllo e di preservare le tradizioni di attenzione al cliente e di stabilità istituzionale che rimangono le componenti chiave del successo attuale e futuro. Non trovando sul mercato una struttura preesistente in grado di salvaguardare questo equilibrio, si è deciso di crearne una nuova, ovvero i.AM Innovation Lab, di cui Credit Suisse Asset Management è cofondatore.

The i.AM Innovation Lab

La mission del laboratorio è quella di immaginare il futuro per conto degli investitori e degli asset manager così da creare i prodotti di investimento migliori e il futuro business model del settore. Per questo motivo è stato fondato espressamente come entità indipendente da specifiche società di Asset Management per essere in grado di servire l’intero settore. Il laboratorio deve essere agile, flessibile e audace, così da soddisfare questa missione ambiziosa.

Quest’ultimo aspetto è cruciale. In base alla nostra esperienza, la lentezza del dialogo tra gli operatori di mercato rappresenta un ostacolo importante all’innovazione. Se avviene correttamente, un tale circuito di retroazione può, in effetti, accelerare l’adozione di soluzioni nuove e migliorative. Si pensi ad esempio alla lunga tradizione del beta-testing nel settore tecnologico. Questi parallelismi non sono ovviamente perfetti. Testare una soluzione imperfetta sul mercato può non essere un’opzione in molte aree dell’Asset Management. Tuttavia, l’accelerazione del processo di sviluppo e la creazione di uno spazio per gli studi di fattibilità per i clienti e alle condizioni di mercato sono obiettivi prioritari di i.AM Innovation Lab.

Processo

Secondo il mito, la vera innovazione nasce dall’intuizione di un genio e muore sotto il peso dei diagrammi di flusso e della burocrazia. Anche se in questo mito c’è una parte di verità, è altrettanto vero che una struttura chiara e un contesto di lavoro efficiente creeranno condizioni favorevoli alle innovazioni, contribuiranno ad evitare vicoli ciechi e, in ultima analisi, garantiranno non solo che le idee migliori vengano alla luce, ma che vengano anche implementate. Di conseguenza, l’innovazione di successo che si basa sulla condivisione del sapere è un processo che richiede network aperti e collaborativi. Nella sua essenza, l’innovazione consiste nel mettere in pratica idee geniali che creano del valore. Le diverse declinazioni di questo processo, e cioè l’ideazione, la creazione del valore e l’esecuzione, sono rese possibili solo dagli sforzi congiunti all’interno di una comunità.

i.AM Innovation Lab ha sistematizzato il suo approccio per mettere in contatto il mondo accademico, e quindi la ricerca, con l’energia e la mentalità delle start-up. I tre pilastri che ci consentono di operare in questo modo sono: consulenza, azione e mondo accademico (vedi “I tre pilastri dell’innovazione”).

La collaborazione accademica

I.AM Innovation Lab riserva grande attenzione alle tecnologie che promettono di avere il maggior impatto sul settore dell’Asset Management e sull’economia in generale. Tra queste figurano l’intelligenza artificiale e la robotica. Il Laboratorio collabora strettamente con le principali università della Svizzera, sponsorizzando le cattedre e impegnandosi in altre attività per co-determinare i progressi pratici di queste tecnologie nell’Asset Management.

La robotica e l’intelligenza artificiale sono le tecnologie all’origine dell’automazione di vasti settori dell’economia mondiale. La consulenza basata sull’intelligenza artificiale è già una realtà nell’Asset Management e facilita il primo passo di molti investitori in questo mondo. Questa consulenza potrà solo migliorare e diventerà più granulare e più individualizzata man mano che la tecnologia si evolverà. Il nostro settore deve essere all’avanguardia così da garantire che le esigenze e i desideri della clientela rimangano prioritari, ma anche per rimanere rilevante per la clientela già esistente. Fra l’altro questa tecnologia evidenzia anche una robusta crescita strutturale e, in quanto tale, rappresenta un’interessante opzione di investimento che va al di là del suo impatto immediato sulle attività di Asset Management.

Al primo posto nel mondo per ordini decentralizzati

Man mano che l’intelligenza artificiale penetra nel mondo delle imprese, diventano possibili nuovi sistemi per memorizzare, distribuire e aggiornare le informazioni. Un aspetto importante è la decentralizzazione delle informazioni sulle transazioni e sui fondi che rende il sistema nell’insieme più efficiente e più sicuro. Pioniere in questa tecnologia, FundsDLT è una piattaforma internazionale che collega le attività dei Transfer Agent (AT), i sistemi di pagamento e gli investitori. Funds DLT mira a migliorare sensibilmente l’efficienza dell’elaborazione delle transazioni dei fondi utilizzando la distributed ledger technology e gli smart contract.

Facendo da apripista, il 12 dicembre 2018 abbiamo effettuato con successo un ordine di fondi tramite la blockchain di FundsDLT che ha eseguito il collocamento di una transazione, la prenotazione di denaro contante presso la banca del cliente, la conferma da parte dell’agente e l’elaborazione delle prenotazioni delle quote e del denaro contante. Il denaro reale è stato poi investito in un’obbligazione green e in un fondo azionario regionale gestito da Credit Suisse. All’operazione hanno partecipato il Banco Best portoghese, FundsDLT/Fundsquare della Borsa lussemburghese, Credit Suisse Luxembourg S.A. in qualità di agente e Credit Suisse Asset Management Zurich come coordinatore del progetto. Per realizzare questa operazione di successo può essere bastato un semplice clic, ma per il settore dell’Asset Management si è trattato di un salto quantico.

Continuare a guardare avanti

Innovation Lab è la risposta dell’Asset Management al mondo in continua evoluzione in cui viviamo. È stato fondato perché ci siamo resi conto che non esisteva una struttura sistematica e intersettoriale che affrontasse le sfide e cogliesse le opportunità offerte dal rapido cambiamento che sta investendo il nostro settore e l’economia più in generale. In quanto entità indipendente, godiamo della grande libertà di poter esplorare e sviluppare soluzioni che verranno offerte alle aziende interessate in tutto il mondo.

L’obiettivo di i.AM Innovation Lab è di continuare a guardare avanti, di cercare e sviluppare nuove opportunità e nuove tecnologie e di metterle in pratica per il nostro settore e, in ultima analisi, per i nostri clienti. Credit Suisse Asset Management ne è cofondatore e partner.

Scope – Rivista

Registrati