Articolo

Il barometro della gioventù Credit Suisse, rilevato dal 2010, mette sotto la lente, tra le altre cose, stili di vita, opinioni e problemi dei giovani di età compresa tra i 16 e i 25 anni in Svizzera, negli Stati Uniti, in Brasile e a Singapore.

Opzioni di filtro

Visualizzazione di 1- 10 di 16 articoli
Filtro:
  1. millennials-better-than-their-reputation

    Millennials: Meglio di quanto si dica

    I Millennials vengono considerati poco interessati a quanto accade nel mondo. Questo è assai distante dalla verità: i giovani dai 20 ai 37 anni potrebbero essere i responsabili di un futuro migliore.

  2. Sanno quello che fanno

    Sanno quello che fanno

    I giovani e i mezzi di comunicazione digitali sono un fenomeno che disorienta i genitori e tiene occupate schiere di esperti (adulti). Ma i giovani sanno perfettamente come tutelare la loro sfera privata. Sono gli adulti che hanno molto da imparare.

  3. Barometro della gioventù Credit Suisse 2016: la «generazione stress» sotto la lente d'ingrandimento

    Barometro della gioventù Credit Suisse 2016: la «generazione stress» sotto la lente d'ingrandimento

    La «generazione stress»: vuole tutto nella vita, è costantemente online e sempre alla ricerca dell'ultima app. Tuttavia, al tempo stesso, i giovani stanno vivendo un periodo politicamente intenso, in cui l'informazione politica viene diffusa e discussa sempre più tramite Internet. Di conseguenza quest'anno l'accento dello studio è posto sulla «Politica in rete».

  4. Lavoro, finanze e carriera

    Lavoro, finanze e carriera

    Il difficile contesto economico degli ultimi anni lascia il segno. Gli impegni finanziari gravano sempre di più sui giovani. Ciononostante, la generazione di chi ha oggi tra i 16 e i 25 anni ha le idee chiare in merito a lavoro, finanze e carriera.

  5. Tavolarotonda: «I social media sono uno spazio reale, come il cortile di una scuola»

    Tavolarotonda: «I social media sono uno spazio reale, come il cortile di una scuola»

    Due politici e un professore di pubblicistica commentano i risultati del barometro della gioventù, il ruolo dei social media nel processo politico, l'e-voting e la campagna elettorale americana.

  6. La politica in rete

    La politica in rete

    Poiché politicamente stanno accadendo molte cose, il fulcro del sondaggio di quest'anno è «la politica in rete». Internet rende la politica più interessante, più vicina alla gente, ma anche più manipolabile.

  7. Comunicazione

    Comunicazione

    WhatsApp, Snapchat, Instagram: se si vogliono capire i giovani, bisogna sapere come comunicano. Talvolta tra i paesi presi in esame possono emergere delle differenze notevoli e sorprendenti. La grande novità di quest'anno è Snapchat.

  8. Tendenze e media

    Tendenze e media

    L'interazione digitale, mobile e sociale rappresenta lo spirito dei tempi così come lo vivono i giovani. Il simbolo di questi ragazzi? Senza dubbio lo smartphone.

  9. «Stato confusionale»

    «Stato confusionale»

    Siamo sempre connessi eppure perdiamo la capacità di parlare tra di noi. Parola della sociologa Sherry Turkle, una delle prime ricercatrici a occuparsi di cultura digitale. Oggi guarda con preoccupazione alle conseguenze del nostro essere sempre più connessi.

  10. Tendenze e media

    L'interazione digitale, mobile e sociale rappresenta lo spirito dei tempi così come lo vivono i giovani. Tendenze e media (il tema centrale di quest'anno) sono strettamente interconnessi. Il simbolo di questi giovani? Senza dubbio lo smartphone.