Imprese Economics

Economics

Opzioni di filtro

Visualizzazione di 1- 10 di 168 articoli
Filtro:
  1. Il PIL non considera le risorse naturali

    Se la Terra fosse un'azienda, ci presenterebbe un conto salatissimo per le risorse naturali utilizzate e i danni causati all'ambiente dall'uomo. Il nostro ultimo rapporto, "The Future of GDP", analizza il (mancato) collegamento tra ecologia e sviluppo economico.

  2. Idee brillanti ed energia pulita

    Idee brillanti ed energia pulita

    La Prof. Greta Patzke illustra la sua ricerca in merito ai problemi globali dell'energia, con lo scopo di trovare una soluzione che consenta di produrre energia davvero pulita da fonti sostenibili.

  3. La Svizzera fa meglio dei dati ufficiali del PIL

    La Svizzera fa meglio dei dati ufficiali del PIL

    Il PIL mostra evidenti inefficienze, in particolare in Svizzera, come indicatore della performance economica, soprattutto a causa della natura globale di alcuni dei più importanti settori economici svizzeri.

  4. Siamo a un giro di boa: perché la "blue economy" è importante

    Siamo a un giro di boa: perché la "blue economy" è importante

    La salute degli oceani è affare di tutti. La metà dei nostri respiri è possibile grazie alle distese di acqua che ricoprono il pianeta, visto che gli oceani producono il 50% dell'ossigeno nell'atmosfera. La dieta quotidiana di tre miliardi di persone si basa su quanto pescato negli oceani. In termini di PIL, l'oceano rappresenta la settima economia al mondo. Eppure questo sistema vitale, zeppo di opportunità economiche uniche, è seriamente in pericolo.

  5. I 7 motivi per cui l'e-commerce continuerà a crescere nei mercati emergenti

    I 7 motivi per cui l'e-commerce continuerà a crescere nei mercati emergenti

    Dall'Emerging Consumer Survey 2018 emerge che oggi i consumatori dei mercati emergenti sono connessi, a livello di tecnologia, al pari dei consumatori europei o statunitensi, e hanno le stesse (se non maggiori) probabilità di effettuare acquisti al dettaglio online. Lo smartphone è la chiave di accesso alla rete.

  6. Dobbiamo ancora tenere in considerazione il PIL?

    Dobbiamo ancora tenere in considerazione il PIL?

    Nel suo ultimo rapporto "The Future of GDP", il Credit Suisse Research Institute analizza i principali timori circa la misurazione del benessere economico sulla base dei dati del prodotto interno lordo e passa al vaglio le possibili alternative.

  7. Promuovere la prosperità in un mondo di transizione

    Promuovere la prosperità in un mondo di transizione

    L'evoluzione nel campo della scienza e della tecnologia ha accelerato il progresso, e il settore privato deve avere un ruolo importante nel sostegno alla crescita e nell'ulteriore riduzione della povertà nei paesi in via di sviluppo. Sono queste le conclusioni tratte nel corso di un dibattito a cui ha preso parte il CEO di Credit Suisse Tidjane Thiam durante la Milken Institute Global Conference 2018.

  8. "Blue economy": un futuro sostenibile per gli oceani

    "Blue economy": un futuro sostenibile per gli oceani

    A colloquio con Fabian Huwyler, responsabile di Green Solutions, Impact Advisory and Finance (IAF), che ci parla delle opportunità d'investimento nella salute degli oceani e dei vantaggi per tutti noi.

  9. Che cosa aveva capito Keynes sul mondo moderno?

    Che cosa aveva capito Keynes sul mondo moderno?

    John Maynard Keynes è considerato uno dei più grandi visionari della storia: per decenni le sue teorie hanno plasmato la politica economica. E il suo biografo, lo storico Robert Skidelsky, è addirittura convinto che la Seconda guerra mondiale si sarebbe magari potuta evitare se si fosse dato ascolto a Keynes. Che importanza rivestono le sue idee nell'economia moderna? Più di quanta si pensi.

  10. Francis Fukuyama e il ritorno al passato

    Francis Fukuyama e il ritorno al passato

    L'autore del saggio «La fine della storia e l'ultimo uomo» ha dovuto ritornare sui suoi passi: Francis Fukuyama vede profilarsi tempi duri. Il populismo minaccia le istituzioni politiche e l'economia mondiale ne risentirà. In una nuova era per la democrazia e la macroeconomia, ci sono speranze per il futuro?