ONG e aziende: cosa possono imparare l'uno dall'altro
News & Stories

ONG e aziende: cosa possono imparare l'uno dall'altro

Room to Read, ONG impegnata contro l'analfabetismo, è stata fondata da John Wood, un ex dirigente Microsoft. Sono passati oltre 10 anni da quando Credit Suisse ha instaurato con Room to Read una partnership fondata sul comune spirito imprenditoriale e sul desiderio di fare la differenza.

John Wood era Director of Business Development di Microsoft per l'area Greater China quando partì per un viaggio zaino in spalla alla volta del Nepal. Non poteva immaginare che quella vacanza avrebbe cambiato la sua vita e quella di molte altre persone.

Sull'Himalaya John fece la conoscenza di un direttore scolastico nepalese che lo invitò a visitare la sua scuola, situata in un villaggio poco distante. Giunto sul posto vide con i propri occhi la dura realtà con cui si doveva confrontare non solo quel villaggio, ma milioni di bambini nepalesi: un'aula fatiscente e una drammatica carenza di libri.

Quel viaggio aprì a John gli occhi sulla crudeltà della lotteria della vita.

«Dove si nasce e chi sono i tuoi genitori sono i fattori che maggiormente determinano ogni vita, e sono completamente decisi dal caso», ha spiegato John a una sala gremita di collaboratori Credit Suisse a Zurigo, durante un evento organizzato all'ora di pranzo. Fu una frase di commiato del responsabile scolastico a cambiare la vita di John per sempre: «Magari un giorno tornerai qui con dei libri».

John prese sul serio queste parole e fu così che ebbe inizio la sua avventura filantropica. A fine 1999 aveva lasciato il posto da dirigente in Microsoft e creato formalmente Room to Read. L'obiettivo era affrontare in maniera diretta i problemi di 786 milioni di persone in tutto il mondo che non hanno un'alfabetizzazione di base – due terzi delle quali sono ragazze – e dunque, in altre parole, aiutare i bambini che hanno perso alla lotteria della vita.

Imprenditorialità sociale

Durante la sua visita presso Credit Suisse, John ha parlato delle analogie che sussistono tra l'essere un imprenditore sociale e un imprenditore nel campo degli affari, e ha sottolineato come lo spirito imprenditoriale e il background aziendale maturati siano stati fondamentali per far diventare Room to Read una delle ONG in più in rapida crescita e di maggior successo al mondo. John ha spiegato che un imprenditore, che si muova in campo sociale o in ambiti più «tradizionali», individua una necessità, un «vuoto» ed è tenacemente determinato a colmarlo.

Dalla nascita dell'organizzazione nel 2000, quando Room to Read si limitava a donare libri alle comunità rurali nepalesi, John ha raccolto oltre USD 450 milioni e l'ONG vanta il più elevato tasso di crescita nella storia del nonprofit. Oggi Room to Read è un'organizzazione globale impegnata a promuovere e favorire l'istruzione attraverso «programmi dedicati all'alfabetizzazione e a promuovere l'uguaglianza di genere nella formazione. Questo obiettivo si raggiunge creando biblioteche scolastiche, costruendo scuole, pubblicando libri per bambini nella lingua locale, formando gli insegnanti in pedagogia dell'alfabetizzazione e aiutando le ragazze a completare il ciclo secondario con le competenze di vita necessarie a farcela dentro e fuori dalle mura scolastiche».

Molte ONG pensano che piccolo è meglio, ma la scala ridotta impedisce di raggiungere risultati importanti

John Wood

Reciproco vantaggio

Il parere di John è che le ONG debbano replicare le best practice aziendali in termini di scalarità e professionalità, essenziali tanto per gli enti benefici quanto per le società.

«Molte ONG pensano che piccolo è meglio, ma la scala ridotta impedisce di raggiungere risultati importanti» afferma John, aggiungendo che con Room to Read «i cofondatori e io abbiamo deciso di adottare un approccio di business. Disponiamo di un dashboard strategico, non sarà affascinante, ma è necessario. Trattiamo Room to Read come un'azienda.»

Anche l'imprenditorialità, racconta John, è stata cruciale nel gestire un'organizzazione di successo – orientata al profitto o dedicata al sociale. «Le ONG hanno bisogno delle qualità di un imprenditore, qualcuno che si attacchi a uno scopo, come un cane al suo osso», ha affermato con un sorriso «e gli imprenditori sociali svolgono il proprio lavoro con particolare passione. Questo è un aspetto che aziende e società possono imparare da noi ONG», aggiunge.

Partner di lungo corso

Lo spirito imprenditoriale che ha determinato il successo di Room to Read ha trovato un alleato perfetto nel DNA imprenditoriale di Credit Suisse.

L'anno scorso si sono celebrati i 10 anni di partnership. Grazie a Credit Suisse, sono circa 120 000 i bambini che ad oggi hanno beneficiato dell'aiuto di Room to Read.

Coinvolgimento dei collaboratori, microfinanza e istruzione sono i tre pilastri della Corporate Citizenship di Credit Suisse. Room to Read è uno dei principali partner di Credit Suisse nel campo dell'istruzione. L'impegno di Credit Suisse nei confronti della ONG è triplice e riguarda il supporto finanziario, il sostegno in natura e l'impegno globale (dei collaboratori attraverso il volontariato). Oltre alle elargizioni destinate ai programmi di Room to Read, Credit Suisse ha donato all'organizzazione spazi ad uso ufficio a Hong Kong, Tokyo e Sydney destinati a un piccolo staff di collaboratori occupati nella raccolta fondi, per un totale che attualmente è di nove postazioni. In questo modo Room to Read può investire maggiori fondi direttamente nei programmi, anziché doverli destinare alle infrastrutture interne. Attraverso il Global Citizens Program, collaboratori selezionati hanno l'opportunità di lavorare assieme a Room to Read ricoprendo diversi incarichi (sistemi amministrativi, gestione dei progetti, previsione finanziaria, investimenti con impatto sociale) nei paesi dove l'ONG opera. livello locale, ovvero nelle città in cui vivono, molti collaboratori e senior manager Credit Suisse svolgono attività di volontariato a favore di Room to Read organizzando eventi in loco volti a sensibilizzare sul tema dell'istruzione globale.

Per guardare i momenti salienti dell'intervento di John Wood all'evento Credit Suisse cliccare qui.
Il video è disponibile solo in inglese.