L'impatto dell'incertezza sull'economia
Articoli Recenti

L'impatto dell'incertezza sull'economia

Un contesto economico stabile favorisce prestiti, investimenti e consumi. Tuttavia, la stabilità non è facilmente quantificabile e dipende in larga misura da come viene percepita a livello soggettivo. E l'instabilità e incertezza? Credit Suisse ha analizzato le condizioni dell'incertezza e i suoi effetti sui mercati.

Un criterio oggettivo per la misurazione della stabilità è dato dall’indice dell’incertezza politico-economica. Per ottenerlo, ogni mese un gruppo di economisti conta nei principali giornali di un paese il numero di articoli che presentano i termini «economico» e «incerto» in combinazione con almeno una parola a sfondo politico, come «iniziativa», «Parlamento» o «Banca nazionale».

Sulla base di questa logica, Credit Suisse ha creato un indice dell'incertezza politico-economica per i media svizzeri di lingua tedesca e francese (cfr. grafico in alto). Se ne deducono due osservazioni: in primo luogo, negli ultimi cinque anni il numero mensile delle notizie in tema di incertezza politico-economica è significativamente aumentato. In secondo luogo, dal 2011 si verificano con cadenza quasi annuale eventi politici che alimentano l'incertezza. Gli ultimi tre grandi eventi di questo tipo, ovvero l'approvazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa (IIM), l'abolizione del tasso di cambio minimo da parte della Banca nazionale svizzera e la decisione relativa alla Brexit in Gran Bretagna, hanno fatto scaturire fiumi di articoli che si occupavano dei fattori di incertezza per l'economia svizzera.

Effetti incerti

Questi fattori di incertezza si ripercuotono sul sentiment di analisti finanziari, consumatori e imprese. Il grafico in basso mostra le aspettative congiunturali a breve termine degli analisti finanziari per la Svizzera. Come emerge dal grafico, l'approvazione dell'IIM ha segnato una netta flessione della fiducia. Al momento dell'approvazione, non era ancora del tutto chiaro come sarebbe stata attuata l'iniziativa.

Anche il clima imprenditoriale è condizionato da eventi che non sono direttamente collegati all'economia svizzera e i cui effetti sull'economia appaiono in gran parte incerti. Lo dimostra il crollo dell'indicatore del clima imprenditoriale del Centro di ricerche congiunturali del Politecnico federale di Zurigo (KOF) dopo il voto sulla Brexit in Gran Bretagna. 

Netto aumento delle notizie

Netto aumento delle notizie

Numero degli articoli di giornale relativi all'incertezza politico-economica

Sbalzi d'umore sul mercato

Sbalzi d'umore sul mercato

Indicatori di fiducia, valori standardizzati

Fonte: policyuncertainty.com, Factiva, ZEW, KOF, Seco, Credit Suisse

Il grafico in basso mostra inoltre le aspettative delle economie domestiche per il futuro. Tali aspettative vengono rilevate nell'ambito del sondaggio sulla fiducia dei consumatori della SECO solo con cadenza trimestrale, ma non è questo l'unico motivo per cui gli sbalzi d'umore appaiono meno marcati: semplicemente, per lo stato d'animo dei consumatori, la stima della futura situazione economica è meno importante della sicurezza del posto di lavoro.

Ne deduciamo quindi che la fiducia ai piani alti delle imprese e sui mercati è fortemente condizionata dall'incertezza nel contesto politico-economico. Tuttavia, di fatto, gli effetti della maggiore incertezza si riscontrano solo sui mercati finanziari. Per esempio la decisione sulla Brexit ha provocato un temporaneo ribasso delle quotazioni delle azioni svizzere.

In molte situazioni decisionali dell'economia reale prevalgono invece altri effetti. Ne sono un esempio gli investimenti delle imprese: nonostante la grande incertezza intorno all'attuazione dell'IIM, non si sono volatilizzati. Analogamente, nonostante il clima sfavorevole del 2015, le economie domestiche non si sono mostrate più prudenti nei confronti dei grandi acquisti, ma grazie al franco forte hanno addirittura incrementato, per esempio, gli acquisti di automobili. Conclusione: dal punto di vista economico, i fatti pesano più della «percezione di incertezza».