Uomo e macchina
Articoli Recenti

Uomo e macchina

Il team Industrial Life Cycle (ILC) ha sviluppato un innovativo processo d'investimento che unisce un approccio strutturato di analisi dei dati e la competenza umana per la selezione delle azioni in base ai fondamentali. Grazie al successo dell'approccio i risultati delle strategie ILC sono superiori alle attese nonostante la volatilità dei mercati azionari, e generano rendimenti stabili e duraturi per gli investitori.

E se grazie al gioco degli scacchi potessimo rendere gli investimenti più efficaci? Michael Mauboussin e Dan Callahan di Credit Suisse, Global Financial Strategies, hanno pubblicato lo studio "Lessons from Freestyle Chess: Merging Fundamental and Quantitative Analysis". Il lavoro sonda l’applicabilità degli scacchi freestyle o avanzati al mondo degli investimenti, dove gli analisti con approccio basato sui fondamentali sono "umani" e gli analisti quantitativi sono "macchine". Gli insegnamenti sono semplici.

  • Negli scacchi i migliori programmi informatici possono battere gli umani più abili, come dimostrato nel 1997, quando Garry Kasparov, per vent’anni campione mondiale della disciplina, perse contro un computer dell’IBM, Deep Blue.
  • La combinazione uomo-macchina è più forte del solo uomo o della sola macchina. Nel 2005 è stato provato che le partite di scacchi freestyle in cui appositi programmi suggeriscono al giocatore le mosse surclassano il migliore programma informatico.
  • Questa è stata la conferma che unendo il meglio di uomo e macchina si ottengono risultati migliori che prendendoli singolarmente.

La domanda ora è: combinando gli approcci fondamentale e quantitativo si può conferire valore aggiunto a un processo d’investimento? O, per dirla come Mauboussin: "È possibile sfruttare il meglio dell’uomo e della macchina e neutralizzare i punti deboli di entrambi?". I computer forniscono di continuo un ampio universo di informazioni basate su dati che permettono di evitare i tipici errori commessi dai gestori di fondi, come decisioni dettate da pregiudizi, emozionalità e timori commerciali. A differenza delle macchine, gli analisti fondamentali sono invece più capaci di riconoscere i cambiamenti di regime e di avere una comprensione più granulare.

Il ciclo di vita

In un settore dove approccio fondamentale e quantitativo sono spesso ben separati, il team di investimento ILC ha sviluppato un processo di selezione delle azioni basato sui fondamentali che unisce un approccio strutturato di analisi dei dati e la competenza umana.

Questo innovativo metodo proprietario di stock picking applica il concetto di ciclo di vita agli investimenti. Secondo ILC tutte le società attraversano diverse fasi di maturità e i fattori chiave della performance cambiano in base alla fase del ciclo di vita. ILC classifica pertanto l'universo patrimoniale in cinque momenti: Start-up, Growth, Cash Cow, Fading Winner e Restructuring.

Vengono quindi identificati i principali driver della performance futura del corso delle azioni per ogni fase del ciclo di vita determinandone l'attrattività in base a criteri quali valutazione, qualità (cash flow return on investment), dinamica degli utili e dei prezzi.

Fasi ILC e matrice di generazione di alfa

Fasi ILC e matrice di generazione di alfa

Fonte: Credit Suisse

La tabella mostra che, ad esempio, applicare una disciplina di valutazione a una società in fase Growth ha un basso potere esplicativo rispetto ai rendimenti relativi attesi, mentre è vantaggioso concentrarsi su fattori quali qualità e trend dinamici. Quando una società passa alla fase Cash Cow è meglio focalizzarsi sulla valutazione unita a una marcata tendenza agli utili. Valutazione e disciplina del capitale sono invece i fattori più rilevanti per le società in fase Fading Winner e Restructuring.

Dalla sua introduzione, la combinazione tra approccio basato sui fondamentali e su dati quantitativi ha dimostrato di poter generare stabilmente extrarendimenti nella piattaforma azionaria ILC. Inoltre, la natura strutturata e ripetibile del processo e della filosofia ILC ha permesso al team di applicarli con successo anche in altre strategie azionarie.

Processo strutturato, competenza umana

Il processo strutturato ILC analizza 10'000 società del database HOLT assegnandole a una delle cinque fasi del ciclo di vita. Le società sono sistematicamente ordinate in base ai driver primari degli extra-rendimenti di ogni fase per attribuire loro un punteggio ILC tra 1 e 100.

Il vantaggio fornito dal "generatore di idee" di ILC è di poter applicare il processo a un universo di investimenti ampio e diversificato eliminando il fattore emotivo grazie alla classificazione e al ranking.

L'altra componente chiave del processo d'investimento ILC è la due diligence, eseguita per ogni società il cui nome è in cima alla classifica del modello. Lo scopo dell'input qualitativo ottenuto dal team di investimento è convalidare l'attrattività della società e il punteggio ILC per eliminare eventuali "falsi positivi" che, per varie ragioni, possono verificarsi: integrità dei dati, atti amministrativi, copertura HOLT limitata, interventi dei governi locali, Corporate Governance, ecc. L'approfondimento fornito dalla sovrapposizione qualitativa permette di scartare le idee d'investimento risultanti dal processo ILC nel 25%–35% dei casi. In situazioni simili il team sposta l'attenzione sulla successiva idea più interessante nell'ambito della fase del ciclo di vita.

La messa a punto di un processo qualitativo che convalida ed esclude i falsi positivi elimina la natura spesso soggettiva della sovrapposizione, garantendo un processo d'investimento obiettivo e razionale. Soprattutto, uomo e macchina collaborano invece di competere, come spesso accade ai gestori patrimoniali che sfruttano una combinazione tra approccio qualitativo e quantitativo.

Il meglio dei due mondi

Il processo d'investimento ILC incarna la filosofia "uomo e macchina insieme sono meglio che presi singolarmente", combinando efficacemente un processo sistematico di analisi dei dati e la competenza umana per la stock selection fondamentale. Tale sinergia è pensata per sfruttare i punti di forza dell'uomo e della macchina e neutralizzare i punti deboli di ognuno.

Per i clienti, il risultato è una soluzione d'investimento capace di individuare società assolutamente uniche tramite un processo ripetibile e in grado di fornire extra-rendimenti in maniera costante.