Leadership, diversità e innovazione: fare la differenza per le donne e il settore bancario
News & Stories

Leadership, diversità e innovazione: fare la differenza per le donne e il settore bancario

Oltre una decina di alti dirigenti e donne leader che, in tutto il mondo, ricoprono ruoli importanti nell'ambito di istituti finanziari stanno per portare a termine l'esclusivo programma Leadership and Diversity for Innovation, il cui obiettivo è l'acquisizione degli strumenti necessari per far sì che gli istituti finanziari siano meglio preparati a rispondere alle necessità della clientela femminile a basso reddito.

Guada May Brion, 32 anni, è nata a Marinduque, un'isola nel sud delle Filippine che è al contempo anche una provincia. Figlia unica, aveva 11 anni quando il padre venne a mancare. La madre si guadagnava quel tanto che bastava per vivere allevando maiali, facendo il bucato per i vicini e lavorando come bracciante.

"Sono stati anni difficili. Non avevamo risparmi, fatta eccezione per la nostra nipa (piccola capanna su palafitta) non possedevamo nulla e la mamma non poteva permettersi di farmi studiare. Ce l'abbiamo fatta grazie all'aiuto di un istituto finanziario (CARD Bank). Mia madre ottenne denaro in prestito e ogni settimana ne metteva un po' da parte. Ho completato la mia formazione grazie al programma di borse di studio finanziato da CARD e oggi sono responsabile marketing all'interno della banca stessa", racconta Guada.

Questa storia straordinaria è solo una delle tante che vedono protagonisti donne e uomini che, determinati ad accrescere le proprie capacità di leadership sviluppate nell'ambito dei relativi istituti, hanno preso parte al programma Leadership and Diversity for Innovation. Il corso, della durata di un anno e il primo di una partnership triennale con Credit Suisse, è gestito da Women's World Banking, un gruppo non profit attivo a livello internazionale. Attraverso workshop a frequenza obbligatoria, lezioni online e il remote coaching, l'obiettivo è affrontare e soddisfare le necessità in ambito bancario delle donne in tutto il mondo. 

«I sacrifici e le fatiche di mia madre sono stati per me fonte di ispirazione per aiutare altre donne in difficoltà finanziarie»

Guada May Brion

Formazione alla leadership unica nel suo genere

Nel mondo sono oltre un miliardo le donne che non hanno alcun accesso, o solo limitatamente, a servizi finanziari. Il programma ha lo scopo di formare e preparare chi ricopre ruoli di responsabilità all'interno degli istituti finanziari che si impegnano a favore delle donne a basso reddito per offrire loro prodotti assicurativi, creditizi e di risparmio innovativi.

"Il programma offre ai dirigenti finanziari di alto livello e alle collaboratrici donne con elevato potenziale provenienti da 13 banche e istituti di microfinanza (IMF) di tutto il mondo – dal Kenya alla Giordania fino alla Repubblica Dominicana – un'opportunità unica per acquisire gli strumenti necessari per fare la differenza", afferma Sarah Buitoni, Specialist, Leadership and Diversity, che aggiunge: "Questo programma è unico nel suo genere nel panorama dell'inclusione finanziaria per il duplice obiettivo che si pone: sviluppare le competenze individuali e promuovere il cambiamento a livello istituzionale favorendo l'introduzione di prodotti e servizi innovativi rivolti alle donne". 

Guada May Brion con la madre

Guada May Brion con la madre

Tra i partecipanti al programma, Guada non è l'unica ad avere una storia straordinaria alle spalle. Clare Tumwesigye viene dall'ovest dell'Uganda ed è la quarta di sei fratelli nati in una famiglia a medio reddito. I suoi genitori provengono da famiglie dove le ragazze non hanno goduto delle stesse opportunità di studio e lavoro offerte ai fratelli maschi, ma nonostante ciò erano determinati a offrire di meglio alle loro tre figlie. Fortemente decisa a seguire l'esempio dei genitori nel voler contribuire al cambiamento, Clare ha saputo sfruttare al meglio le opportunità che le sono state date e oggi è responsabile marketing presso Finance Trust Bank, a Kampala. Anche lei è entrata nel programma.

Questo autunno Credit Suisse e Women's World Banking hanno organizzato due workshop paralleli che si sono svolti al Center of Excellence di Credit Suisse a Mumbai e ai quali hanno partecipato 24 alti dirigenti e collaboratori ad alto potenziale provenienti da istituti finanziari di tutto il mondo. Il workshop di una settimana svoltosi a Mumbai e rivolto alle donne ad alto potenziale ha unito la formazione alla leadership e lo sviluppo delle competenze, ad esempio sul fronte della negoziazione, della creazione di relazioni strategiche e del visioning. Questi dirigenti hanno potuto così affinare le proprie competenze per servire meglio la clientela femminile favorendo il cambiamento sul piano istituzionale attraverso il coaching, la gestione dei talenti e la leadership del cambiamento.

Anche il Senior Management di Credit Suisse ha condiviso le proprie esperienze di vista con i partecipanti al programma. "Ci impegniamo per sviluppare le capacità di leadership delle donne e per contribuire alla formazione di dirigenti donne nel settore dei servizi finanziari al di fuori della nostra banca", ha affermato Mihir J Doshi, CEO, Credit Suisse India.

Fare la differenza

Nel corso del programma della durata di un anno, le dirigenti hanno imparato a identificare e decifrare le sfide che i rispettivi istituti si trovavano ad affrontare in tempo reale, sia in campo tecnico, sia sul fronte di prodotti e servizi innovativi. Durante i cinque giorni in cui si è svolto il workshop in India, è stato dedicato spazio anche alla crescita personale. Queste lezioni a frequenza obbligatoria sono state integrate da webinar a cura di una facoltà della Wharton School dell'Università della Pennsylvania e dal coaching a distanza di Creative Metier.

Clare è entusiasta del programma e si dice certa che gli abbia fornito le capacità per poter fare la differenza per le donne ugandesi: "Saprò certamente svolgere meglio il mio ruolo di dirigente ed essere un'ispirazione per le altre donne. Le incoraggerò a cogliere ogni opportunità e a non mollare mai, perché tutte possiamo farcela".

Guada è dello stesso avviso. "Le conoscenze e l'esperienza che ho acquisito mi hanno resa capace di prendere decisioni in modo più strategico e di essere più aperta all'innovazione, entrambi fattori fondamentali quando si vogliono mettere in campo iniziative economiche a favore delle donne. Ho sempre avuto il desiderio di dare il mio contributo, ma per tradurre questa ambizione nella pratica servono conoscenze e competenze dirigenziali."