Un terzetto di grande valore si contende il titolo "Rivelazione dell'anno 2018"
Notizie e storie

Un terzetto di grande valore si contende il titolo "Rivelazione dell'anno 2018"

Una cosa è certa: la rivelazione 2018 designata ai Credit Suisse Sports Awards sarà del tutto inedita. Dal lancio della categoria nel 2001, nessun nuotatore, ciclista o fondista ha mai conquistato il titolo. I candidati sono il campione europeo di nuoto Jérémy Desplanches, il campione mondiale ed europeo di ciclismo U23 Marc Hirschi e il detentore del record europeo dei 10 km su strada Julien Wanders.

La votazione si svolgerà dal 14 novembre al 4 dicembre su www.credit-suisse-sports-awards.ch. Gli appassionati di sport e soprattutto i fan dei tre candidati possono partecipare e, con un po' di fortuna, vincere strepitosi premi. Il membro del terzetto con il maggior numero di voti sarà decretato da media, campioni dello sport e tutti coloro che voteranno online. I risultati di ciascuno dei tre gruppi rappresentano un terzo del voto.

Breve profilo dei tre atleti candidati
 

Jérémy Desplanches (24 anni): ai campionati europei a Glasgow il ginevrino è riuscito in un'impresa estremamente rara per un nuotatore svizzero: conquistare l'oro nei 200 metri misti. Era da 18 anni che un nuotatore svizzero non si aggiudicava una medaglia in una disciplina olimpica. Sulla carta Deplanches era l'avversario numero uno del favorito, Philip Heintz (Germania). "Ma io puntavo alla vittoria", ha affermato in seguito. Ha dato prova della sua determinazione già nella disciplina iniziale, il delfino. Desplanches ha assunto il comando e non l'ha più ceduto. Con questo risultato l'ambizioso atleta ha sottolineato che, sotto la guida del coach francese Fabrice Pellerin a Nizza, è sulla buona strada con il progetto Olimpiadi 2020 e un posto in classifica tra i migliori 5.

Marc Hirschi (20 anni): "Come allenatore della Nazionale non capita spesso di imbattersi in un ciclista con un tale potenziale", ha affermato Daniel Gisiger. L'affermazione non è di quest'anno, sebbene Hirschi sia diventato campione europeo U23 nella corsa su strada a luglio e il primo svizzero in assoluto a conquistare l'oro mondiale nella corsa su strada U23 a fine settembre. Giger aveva riconosciuto il potenziale del suo atleta già due anni fa. Allora Hirschi si era distinto con un intero medagliere ai Mondiali U20. Hirschi stesso si sorprende dei suoi recenti risultati: "È fantastico come tutto sia andato per il meglio in questa stagione". E il fatto che abbia già potuto firmare un contratto da professionista nella squadra tedesca Sunweg del World Tour capeggiata da Tom Dumomulin dimostra come questi successi siano riconosciuti e apprezzati. "Un'incredibile impennata", ha affermato con stupore.

Julien Wanders (22 anni): dopo la maturità il ginevrino non ha iniziato gli studi universitari, ma si è dedicato alla sua vocazione. "Diventerò corridore", ha affermato Julien Wanders. Questo è successo tre anni fa. Da allora si ispira ai migliori, i corridori dell'Africa orientale. Wanders trascorre gran parte dell'anno a Eldoret, in Kenia, il paradiso della corsa. Il suo sviluppo è tanto sorprendente quanto convincente. Colleziona un trionfo e un record dopo l'altro. I più impressionanti: il record europeo nei 10 km su strada, sottratto niente meno che al quattro volte campione olimpico Mo Farah (GB), nonché il record svizzero di 1:00:09 ore nella mezza maratona, con cui ha superato il campione europeo Tadesse Abraham. Al contempo questo risultato segna il record europeo U23.