Brexit: la popolazione svizzera è ottimista
Articoli Recenti

Brexit: la popolazione svizzera è ottimista

La maggioranza degli aventi diritti al voto prevede che la Brexit porterà un vantaggio economico e un rafforzamento della posizione negoziale della Svizzera nei confronti della UE. Simpatie politiche e differenza d'età risultano pressoché irrilevanti ai fini di questo giudizio. È quanto emerge da un sondaggio svolto da gfs.bern su incarico di Credit Suisse.

La decisione della Gran Bretagna di uscire dalla UE comporta per la Svizzera diversi vantaggi sia economici che politici. È questo il parere della maggioranza dei partecipanti a un sondaggio rappresentativo dell'istituto di ricerca gfs.bern svolto nell'ambito del barometro delle apprensioni Credit Suisse 2016. Infatti il 55 per cento degli intervistati ritiene la Brexit piuttosto vantaggiosa o persino molto vantaggiosa per l'economia svizzera. Il 54 per cento si aspetta invece effetti positivi sui negoziati tra Svizzera e UE. Questo ottimismo prevale non solo tra i critici a oltranza degli accordi bilaterali, bensì anche tra chi li sostiene.

Conseguenze della Brexit per l'economia svizzera

Conseguenze della Brexit per l'economia svizzera

"Con il referendum sulla Brexit la Gran Bretagna ha deciso di uscire dall'UE. Per l'economia elvetica ciò comporta..."

Fonte: © gfs.bern, barometro delle apprensioni, luglio 2016

Solo pochi indecisi a fronte di opinioni chiaramente definite

"Si riscontra un elevato grado di consapevolezza sul fatto che la Brexit avrà conseguenze economiche e politiche per la Svizzera", ha affermato Lukas Golder, codirettore dell'istituto di ricerca gfs.bern. Lo dimostra il numero insolitamente esiguo di indecisi, che non si pronuncia sulle ripercussioni economiche (9 per cento) e politiche (8 per cento) della Brexit sulla Svizzera. Dal sondaggio, che si è protratto per tre settimane, è risultato inoltre un incremento complessivamente notevole dell'ottimismo quanto più aumentava la distanza temporale dal referendum. Per contro, una minoranza pari a poco più di un terzo degli intervistati è di parere diverso: l'8 per cento ritiene l'uscita della Gran Bretagna dall'UE molto svantaggiosa per l'economia svizzera, mentre è piuttosto svantaggiosa per un altro 28 per cento. Analoghi valori negativi caratterizzano anche i negoziati della Svizzera con la UE: per il 9 per cento gli svantaggi saranno notevoli e per un altro 29 per cento tendenziali.

Conseguenze della Brexit per la posizione di negoziazione della Svizzera nei confronti dell'UE

Conseguenze della Brexit per la posizione di negoziazione della Svizzera nei confronti dell'UE

"E quali effetti ha la decisione della Gran Bretagna sulla politica europea della svizzera? Per la posizione di negoziazione della Svizzera nei confronti dell'UE ciò comporta..."

Fonte: © gfs.bern, barometro delle apprensioni, luglio 2016

Sorprendente marginalità delle simpatie politiche

È interessante notare come l'ottimismo prevalga a prescindere dal partito cui appartengono o con il quale simpatizzano gli intervistati: il 54 per cento degli elettori del PS, il 53 per cento degli elettori del PPD, il 59 per cento degli elettori del PLR e il 63 per cento degli elettori dell'UDC prevedono effetti economici positivi per la Svizzera. Pertanto l'ottimismo tra i partiti di destra risulta solo leggermente maggiore rispetto allo schieramento opposto. Le posizioni più critiche sono espresse da persone senza collocazione politica, dove gli ottimisti rappresentano il 48 per cento. Altrettanto sorprendente risulta la tendenziale omogeneità di giudizio circa gli effetti della Brexit sulla posizione negoziale nei confronti della UE nei diversi partiti: il 51 per cento (PS), il 43 per cento (PPD), il 58 per cento (PLR), il 57 per cento (UDC) e il 41 per cento di chi non ha un'appartenenza politica si attende vantaggi cospicui o tendenziali. "Stupisce che la fede politica non si traduca in differenze significative, perché al momento del voto i pareri ottimistici provenivano piuttosto dai partiti di destra", sostiene Golder.

Conseguenze della Brexit per l'economia svizzera secondo partito

Conseguenze della Brexit per l'economia svizzera secondo partito

"Con il referendum sulla Brexit, la Gran Bretagna ha deciso di uscire dall'UE. Per l'economia svizzera ciò comporta …"

Fonte: © gfs.bern, barometro delle apprensioni, luglio 2016

I più giovani sono un po' più pessimisti

Particolarmente interessanti sono le differenze in base all'età, perché le conseguenze della decisione della Gran Bretagna riguardano per loro natura il lungo periodo. Eppure, anche in questo caso non si riscontrano particolari discrepanze. I più giovani sono nel complesso un po' più pessimisti. Tuttavia, anche nel gruppo più giovane (18 - 39 anni) il 55 per cento degli intervistati si aspetta vantaggi notevoli o tendenziali per l'economia e il 50 per cento li prevede per i negoziati con la UE. Nella fascia d'età di 40-64 anni il 57 per cento esprime un giudizio complessivamente positivo in rapporto a entrambi gli aspetti. Con il 52 per cento, l'ottimismo è in lieve calo tra gli intervistati di età pari o superiore ai 65 anni, tra i quali si registra anche la maggiore astensione di giudizio.

Conseguenze della Brexit per la posizione di negoziazione della Svizzera nei confronti dell'UE per fasce di età

Conseguenze della Brexit per la posizione di negoziazione della Svizzera nei confronti dell'UE per fasce di età

"E quali effetti ha la decisione della Gran Bretagna sulla politica europea della svizzera? Per la posizione di negoziazione della Svizzera nei confronti dell'UE ciò comporta…"

Fonte: © gfs.bern, barometro delle apprensioni, luglio 2016