Notizie e storie

Birdies for Good: unire l'utile al dilettevole

Anche quest'anno Credit Suisse ha approfittato dei suoi tradizionali impegni nel golf, gli Omega European Masters e lo Swiss Seniors Open, per lanciare il programma di beneficenza «Birdies for Good». Con questa iniziativa la banca sostiene la «Stiftung Kinderhilfe Sternschnuppe», un'organizzazione di pubblica utilità che porta gioia e distrazione nella vita dei bambini che convivono con una malattia, un handicap o le conseguenze di un grave infortunio.

Unire l'utile al dilettevole - questo il motto di «Birdies for Good». Il programma di beneficenza lanciato da Credit Suisse nel 2017 è stato organizzato quest'anno per la seconda volta. Ecco come funziona: la banca utilizza i tradizionali impegni nel golf come piattaforma. Agli Omega European Masters di Crans-Montana così come allo Swiss Seniors Open di Bad Ragaz, giocando si raccoglie denaro per una buona causa. Per ogni birdie realizzato a una buca definita in precedenza, Credit Suisse devolve un importo fisso a un'organizzazione di beneficenza prescelta.

Aumentata la somma delle donazioni

Lo scorso anno i 90 birdie realizzati hanno consentito di raccogliere un importo totale di CHF 26 100, che è stato devoluto all'associazione «Hilfe für hirnverletzte Kinder». Questa associazione di autotutela aiuta da oltre trent'anni le famiglie di bambini con lesioni cerebrali alla nascita o provocate da infortuni o malattie. Quest'anno la somma raccolta è stata addirittura maggiore: allo Swiss Seniors Open e agli Omega European Masters sono stati realizzati 140 birdie; inoltre, un'asta caritativa spontanea in occasione del Credit Suisse Gold Pro-Am a Crans-Montana ha consentito di raccogliere ulteriori CHF 3100, rendendo possibile devolvere donazioni per CHF 32 100 alla Stiftung Kinderhilfe Sternschnuppe.

La Stiftung Kinderhilfe Sternschnuppe è la «Charity of the Year»

La somma raccolta nei due tornei quest'anno sarà devoluta alla «Stiftung Kinderhilfe Sternschnuppe». Da oltre vent'anni questa fondazione porta gioia e distrazione nella vita dei bambini che convivono con una malattia, un handicap o le conseguenze di un grave infortunio. A scegliere l'organizzazione beneficiaria sono stati i collaboratori di Credit Suisse in Svizzera che ogni anno, nell'ambito dell'impegno umanitario e filantropico mondiale della banca, eleggono un'organizzazione di pubblica utilità «Charity of the Year».

Il supporto dei professionisti

Con questo programma la banca esplora nuovi approcci di beneficenza, combinando il tradizionale sponsoring sportivo con il proprio impegno a favore della comunità e apportando così un ulteriore contributo a favore delle persone svantaggiate in Svizzera. L'iniziativa di Credit Suisse riscuote molto successo anche tra i professionisti: «Noi professionisti del golf siamo fortunati a poterci guadagnare da vivere con un'attività che amiamo più di ogni altra cosa», afferma il leggendario golfista spagnolo Sergio García, vincitore degli Omega European Masters nel 2005 e partner di Credit Suisse dal 2015. E a nome dei colleghi aggiunge: «Per noi giocatori è quindi importante partecipare a iniziative come Birdies for Good. Aiutare chi è meno fortunato fa bene all'anima».