Imprese Press Release

Press Release

Credit Suisse unisce le forze con YIO per lanciare il rapporto Next Generation

In collaborazione con Young Investors Organization (YIO), Credit Suisse pubblica un rapporto dedicato a una generazione in procinto di ereditare il patrimonio di famiglia e le responsabilità ad esso associate.

Il rapporto “Creating a world with the Next Generation" (Creare un mondo insieme con la prossima generazione) è orientato ai principali interessi e timori della nuova generazione emersi da un recente studio incluso nel rapporto. La pubblicazione presenta casi reali di sfide tra generazioni e soluzioni con lo scopo di avviare un dialogo aperto e di offrire al contempo strumenti e risorse a supporto delle famiglie in questo decisivo passaggio. Inoltre il rapporto si interroga sul significato del ricambio generazionale per il settore della gestione patrimoniale. 

Mentre la Next Generation si trova ad affrontare la crescente responsabilità per l'eredità del patrimonio di famiglia, “Creating a world with the Next Generation" guarda con attenzione e onestà alle loro preoccupazioni, esigenze e ambizioni, compreso ciò che si aspettano dal loro gestore patrimoniale. La pubblicazione nasce da oltre un decennio di collaborazione tra Credit Suisse e YIO, un network di eredi di famiglie imprenditoriali in tutto il mondo. L'indagine, condotta recentemente tra i membri di YIO a livello globale e inclusa nel rapporto, quantifica le opinioni della Next Generation in termini di famiglia, impresa, ricchezza ed eredità

Tra i punti centrali di “Creating a world with the Next Generation” troviamo: 

  • La nuova generazione desidera un maggior dialogo intergenerazionale. Oltre la metà degli intervistati desidera discutere di ricchezza più apertamente (59%) e oltre due terzi (68%) afferma che le famiglie trarrebbero vantaggio da un maggior numero di strumenti di comunicazion
  • La maggior parte della prossima generazione è interessata a “impact investing” (investimenti finalizzati a sposare i rendimenti finanziari con performance in ambito sociale e/o ambientale) ma non ne ha ancora effettuati. Lo studio ha riscontrato che gli investimenti sostenibili e sociali sono la classe di investimento su cui la nuova generazione è meno informata: il 56% dichiara di avere scarsa conoscenza dell’impact investing e solo l’8% afferma di averne una conoscenza eccellente.
  • La prossima generazione trasformerà il ruolo del gestore patrimoniale, che non si baserà più esclusivamente su competenze finanziarie ma si amplierà, diventando un “Network Orchestrator” in tutte le fasi della vita. Il 41% degli intervistati ha risposto di desiderare un consulente personale che li aiuti a identificare o a soddisfare le loro esigenze di natura non finanziaria. La principale qualità auspicata dalla prossima generazione in un gestore patrimoniale è uno “stretto rapporto”, mentre solo il 4% ha indicato come fondamentale l’esperienza tecnologica. 

Con “Next Generation” il rapporto si riferisce alla generazione destinata a prendere le redini di un’azienda avviata dai genitori, dai nonni o da membri della famiglia di generazioni precedenti, oppure a coloro che probabilmente erediteranno almeno parte della ricchezza accumulata dalle generazioni precedenti. 

Viola Steinhoff Werner, responsabile Global Next Generation and Families presso Credit Suisse nonché fondatrice e direttrice generale della YIO, ha commentato: “Si tratta di una generazione che ambisce ad avere un impatto e che desidera creare soluzioni attuabili in modo collaborativo a beneficio delle generazioni future. La YIO è stata costituita nel 2007 per aiutare i rappresentanti della prossima generazione ad affrontare importanti momenti decisionali affinché possano diventare membri di una famiglia, investitori, imprenditori o attuatori di cambiamenti sociali migliori. L'obiettivo di Credit Suisse è conoscere le esigenze e i desideri della prossima generazione al fine di essere il partner ideale, sia oggi sia in futuro”. 

Attraverso una raccolta di articoli, interviste e casi pratici con il coinvolgimento di accademici di spicco ed esperti di gestione patrimoniale nonché di membri di aziende familiari influenti, il rapporto “Creating a world with the Next Generation” si prefigge di dare voce alla nuova generazione che sta cominciando a trasformare il significato della ricchezza. 

Justin Rockefeller, Co-fondatore e Presidente, The ImPact e Direttore Globale del Family Office Addepar, ha dichiarato che: “Oggi la quinta e sesta generazione (della mia famiglia) sono impegnate a portare avanti un retaggio filantropico, sebbene ora il focus verta sulla creazione di impatto, dunque oltre la filantropia e in aree come l'impact investing”. 

Il rapporto presenta una discussione necessaria nel settore della gestione patrimoniale su come affrontare l’evoluzione delle esigenze della clientela futura. 

Iqbal Khan, CEO di International Wealth Management presso Credit Suisse, ha aggiunto: “Presto vedremo un passaggio di generazione in generazione. Ciò significa che ci sarà un cambiamento nelle aspettative dei clienti nei confronti delle banche, il che avrà un impatto concreto sui servizi che forniamo. È quindi fondamentale comprendere le opinioni e le esigenze della Next Generation e, in particolare, la loro visione per il futuro. Stiamo lavorando con la Next Generation per preparare il futuro della gestione patrimoniale". 

"Creating a world with the Next Generation" è disponibile all'indirizzo:
 
https://www.credit-suisse.com/microsites/next-generation-and-families/en/next-gen/download-the-report.html 

Credit Suisse e la Next Generation
In quanto leader nel settore della gestione patrimoniale con solide capacità di investment banking, Credit Suisse punta a creare e sviluppare relazioni non solo con l'attuale generazione che gestisce, crea e preserva la ricchezza, ma anche con la prossima generazione. Dal lancio dell'iniziativa Next Generation nel 2003, Credit Suisse dà il proprio contributo a un’esigenza importante: formare la prossima generazione sul tema della ricchezza e contribuire all’apprendimento delle responsabilità a essa associate. Di conseguenza Credit Suisse ha sviluppato una serie di programmi che offrono possibilità di formazione finanziaria e networking peer-to-peer per la prossima generazione. Dal 2007 Credit Suisse è anche lo sponsor principale della Young Investors Organization (YIO). L'obiettivo del Credit Suisse, in qualità di sponsor principale di YIO, è quello di conoscere le esigenze e i desideri della Next Generation per essere il miglior partner possibile, oggi e in futuro. 

Young Investors Organization (YIO)
La Young Investors Organization (YIO) è un'organizzazione globale composta dalla nuova generazione di alcune delle famiglie di imprenditori più influenti del mondo. YIO si impegna per aiutarsi a vicenda a sviluppare idee in grado di cambiare il mondo e nuove imprese, con lo scopo di creare un mondo più sostenibile, prospero ed equo. La YIO offre un ambiente stimolante che promuove il superamento di barriere mentali, geografiche e culturali per incoraggiare la formazione continua e la collaborazione oltre i confini nazionali. Unisce le forze per creare soluzioni fruibili per le generazioni future, e crede che a contare veramente siano i fatti, non le parole. 

La YIO facilita le discussioni su opportunità eccezionali di investimento, d’affari e sociali in tutto il mondo. L’intelligenza collettiva, l'impegno e la passione verso il raggiungimento dei suoi obiettivi comuni creano un senso di famiglia che aiuta i membri a diventare investitori, successori e persone migliori. Dai membri ci si aspetta che aiutino con passione a creare un impatto positivo. La YIO crede nel potere delle amicizie di lungo corso e cerca di imparare attraverso il coinvolgimento e le azioni concrete. Per questo la YIO è un'esperienza molto personale che arricchisce le vite dei suoi membri, delle loro famiglie e di tutti gli altri. La YIO si fonda su quattro pilastri fondamentali: formazione, rete, accesso e azione. 

Il sondaggio
Per “Creating a world with the Next Generation” abbiamo intervistato più di 200 leader della nuova generazione della Young Investors Organization e le loro famiglie nel 2018. Gli intervistati rappresentano varie generazioni in termini di origine del loro patrimonio (62% seconda generazione; 30% terza generazione; 8% quarta generazione o oltre). L'80% degli intervistati è di età compresa tra 24 e 42 anni (Gen Y: 1977 – 1995) e il restante 20% ha fino a 23 anni (Gen Z: 1996 e oltre). Gli intervistati sono stati suddivisi quasi equamente a livello di genere: 45% donne e 55% uomini. Poiché gli intervistati provengono da tutto il mondo, siamo stati in grado di identificare tendenze sia regionali che globali (Europa: 30,6%; Asia: 28,9%; America centrale e meridionale: 18,5%; USA: 15,3%; Africa: 4,8%; Australia: 1,6%). 

Il questionario utilizzato nell'inchiesta è stato sviluppato sulla base di ricerche e della pluriennale esperienza di Credit Suisse e della YIO, con input di Sylvain Labs. Inoltre, durante la fase di sviluppo del progetto nel 2018, sono state organizzate numerose discussioni di esperti con la prossima generazione di  varie regioni del mondo. Il questionario è anche il risultato di tali discussioni e di input ottenuti da rapporti comparabili sulla nuova generazione. 

Il questionario ruota intorno alle cinque domande chiave analizzate in questa pubblicazione: 1. Qual è l'impronta che desidero lasciare?; 2. In che modo possiamo condividere informazioni in quanto famiglia con prestazioni elevate?; 3. In che modo voglio fare affari?; 4. Che cosa significa per me la ricchezza? e 5. Come posso strutturare la mia eredità? Queste domande saranno poste ogni anno per fornire un quadro dell’evoluzione nel tempo. Ciò è particolarmente importante per valutare le tendenze e continuare ad adeguare la nostra collaborazione come banca con la prossima generazione.