Imprese Press Release

Press Release

Il Credit Suisse Group pubblica i risultati del primo trimestre 2014

Il Credit Suisse chiude il primo trimestre 2014 con un utile core ante imposte di CHF 1940 milioni per le attività strategiche; utile core ante imposte pubblicato di CHF 1400 milioni

Rendimento del capitale proprio del 14% per le attività strategiche; rendimento del capitale proprio pubblicato dell’8%

Ottima performance di Private Banking & Wealth Management, con un utile ante imposte in crescita pari a CHF 1012 milioni, costi in calo e consistenti afflussi di nuovi capitali, con una raccolta netta di CHF 16,0 miliardi nelle attività strategiche; afflussi totali netti di nuovi capitali pari a CHF 13,7 miliardi

Solidi rendimenti in Investment Banking, con un utile ante imposte di CHF 827 milioni; performance sostenuta nelle attività principali

Il Credit Suisse Group pubblica i risultati del primo trimestre 2014

Redditività in miglioramento per Private Banking & Wealth Management:
- utile ante imposte totale pubblicato di CHF 1012 milioni; buona redditività nelle attività strategiche con utile ante imposte di CHF 965 milioni, in aumento del 28% rispetto al primo trimestre 2013; rendimento del capitale pari al 33%
- aumento significativo dell’efficienza sui costi, con un rapporto costi/proventi del 68%, migliorato rispetto al 72% del primo trimestre 2013
- per Wealth Management Clients margine netto di 29 punti base, in crescita rispetto ai 23 punti base del quarto trimestre 2013
- ottimo risultato in termini di raccolta netta di CHF 16,0 miliardi nelle attività strategiche e afflussi totali netti di nuovi capitali pari a CHF 13,7 miliardi, con costanti ottimi afflussi in Wealth Management Clients (da Asia Pacifico e Svizzera) e in Asset Management (da investimenti alternativi e strategie su indici)

Solidi rendimenti in Investment Banking:
- utile ante imposte totale pubblicato di CHF 827 milioni in un contesto di mercato impegnativo
- attività strategiche con utile ante imposte di CHF 1124 milioni; rendimento del capitale su attività strategiche del 21%
- solida performance nelle attività principali quali prodotti cartolarizzati, credito, operazioni di emissione e consulenza e risultati robusti nel comparto azionario, controbilanciati da contributi stagionali in forte flessione rispetto agli anni precedenti nelle attività su tassi e in determinati mercati emergenti

Buona tenuta della base di capitale e del leverage ratio:
- look-through CET1 ratio secondo Basilea 3 pari al 10,0% a fine primo trimestre 2014; look-through total capital ratio secondo Basilea 3 del 15,1% a fine primo trimestre 2014; solida base di capitale nonostante gli oneri relativi alla risoluzione in atto di alcuni contenziosi legati ad attività passate nel quarto trimestre 2013 e un aumento pari a CHF 13,5 miliardi delle attività ponderate per il rischio nel primo trimestre 2014, riconducibile al cambiamento del metodo di calcolo esterno
- a fine primo trimestre 2014, leverage exposure di CHF 1140 miliardi; phase in leverage ratio secondo i requisiti svizzeri del 4,8% e look-through leverage ratio secondo i requisiti svizzeri pari al 3,7%, vicino al requisito del 4% fissato per il 2019

Costanti progressi nella realizzazione degli obiettivi di taglio dei costi:
- realizzati CHF 3,4 miliardi di risparmi rettificati su base annua; buon avanzamento verso l’obiettivo di oltre CHF 4,5 miliardi entro fine 2015

In linea con la tabella di marcia la liquidazione prevista delle unità non strategiche:
- il leverage è stato ridotto di CHF 11 miliardi, mentre le attività ponderate per il rischio sono diminuite di CHF 4 miliardi su base rettificata per le variazioni dovute al cambiamento del metodo di calcolo nel portafoglio non strategico
- progressi nella risoluzione di importanti contenziosi da inizio 2014 ad oggi; attenzione costante alla risoluzione della questione fiscale con il Dipartimento di Giustizia statunitense

Brady W. Dougan, Chief Executive Officer, ha dichiarato: “Nel primo trimestre abbiamo conseguito un rendimento del capitale proprio pari al 14% nelle attività strategiche, dato molto vicino all’obiettivo through-the-cycle del 15%. A questo ottimo risultato hanno contribuito in particolare la redditività in netto miglioramento di Private Banking & Wealth Management, i solidi rendimenti di Investment Banking e la costante gestione efficace di costi e capitale. In molte delle nostre principali unità abbiamo inoltre registrato una costante dinamica favorevole nelle attività con la clientela, mettendo a segno tra l’altro i più consistenti afflussi netti di nuovi capitali nelle nostre attività strategiche dal primo trimestre 2011, nonché una crescita significativa della quota di patrimoni affidati in gestione da clienti ultra-high net worth”.

Commentando il risultato di Private Banking & Wealth Management, ha affermato: “La redditività delle nostre attività strategiche è notevolmente migliorata nel trimestre, con un utile ante imposte cresciuto del 28% rispetto al primo trimestre 2013. Le attività di Wealth Management Clients hanno visto aumentare il margine netto dai 23 punti base del primo trimestre 2013 a 29 punti base, e la quota di patrimoni affidati in gestione da clienti ultra-high-net-worth è passata dal 43% di un anno fa al 46%. Corporate & Institutional Clients ha continuato a fornire un consistente contributo alla performance complessiva della divisione mentre Asset Management ha più che raddoppiato l’utile ante imposte rispetto al primo trimestre 2013, grazie ad un approccio più mirato. In Private Banking & Wealth Management abbiamo registrato nel trimestre afflussi netti di nuovi capitali da attività strategiche pari a CHF 16,0 miliardi. Questi afflussi riflettono la nostra forza in importanti mercati emergenti nella regione Asia Pacifico (+17% su base annualizzata), America Latina e Medio Oriente, nonché la solida posizione in Svizzera e gli ingenti afflussi negli investimenti alternativi e nelle strategie su indici in Asset Management”.

Commentando il risultato dell’Investment Banking, ha affermato: “I risultati di Investment Banking dimostrano la forza della nostra gamma diversificata di prodotti e servizi, con un rendimento del capitale pari al 21% per le attività strategiche. Abbiamo registrato una robusta performance nell’ambito dei prodotti cartolarizzati, del credito, delle operazioni di emissione e della consulenza, oltre a solidi risultati nel comparto azionario. Per contro, nel primo trimestre i contributi stagionali nelle attività su tassi e in determinati mercati emergenti hanno subito una forte contrazione rispetto agli anni precedenti. Abbiamo ulteriormente rafforzato la nostra consistente quota di mercato nel comparto azionario e registrato una dinamica favorevole da parte dei clienti nelle operazioni di emissione e nell’attività di consulenza”.

Commentando i progressi strategici ha aggiunto: “Abbiamo continuato a ottimizzare l’allocazione delle risorse da destinare alla crescita delle attività ad alto rendimento, in particolare in Private Banking & Wealth Management, compiendo inoltre progressi nella liquidazione delle posizioni nelle nostre unità non strategiche. Al contempo abbiamo continuato a registrare una buona tenuta in termini di leverage e capitale e stiamo procedendo secondo programma verso il raggiungimento degli obiettivi di lungo termine, nonostante i cambiamenti nel metodo di calcolo, che hanno determinato un aumento delle attività ponderate per il rischio nel trimestre. Buoni progressi sono stati compiuti anche nella risoluzione dei contenziosi legati ad attività passate e nell’efficientizzazione delle nostre operazioni. Alla luce di questi sviluppi positivi e dei progressi raggiunti nell’attuazione della nostra strategia, il nostro intento rimane quello di poter offrire ai nostri azionisti distribuzioni in contanti per un ammontare pari o superiore al livello del 2013”.

Leggere il comunicato sui risultati in tedesco (PDF) o in inglese (PDF).