Imprese Press Release

Press Release

Il Credit Suisse Group annuncia un accordo con la SEC sulle attività transfrontaliere con gli USA; ancora aperta la questione in esame presso il Dipartimento di Giustizia statunitense

Ai sensi dell’accordo con la SEC il Credit Suisse ha accettato di pagare CHF 174 milioni (USD 196 milioni), un importo registrato nei risultati del quarto trimestre 2013 come accantonamento per controversie

Il Credit Suisse Group annuncia di avere raggiunto un accordo con la Securities and Exchange Commission (“SEC”) degli Stati Uniti riguardo all’inchiesta della SEC su servizi non registrati di broker-dealer e di consulenza d’investimento a clienti statunitensi. L’ordinanza amministrativa emessa oggi risolve l’inchiesta della SEC sui servizi transfrontalieri di brokeraggio e di consulenza d’investimento prestati dal Private Banking del Credit Suisse a clienti statunitensi.

Ai sensi dell’accordo con la SEC, il Credit Suisse ha accettato di pagare USD 196 milioni (CHF 174 milioni). L’importo include USD 82 milioni a titolo di disgorgement (retroversione degli utili), USD 64 milioni di interessi e una multa di USD 50 milioni. L’intero ammontare è stato contabilizzato nei risultati del quarto trimestre 2013 come accantonamento per controversie.

Siamo lieti della risoluzione di questa questione con la SEC. L’inchiesta del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti in materia fiscale rimane in corso e la banca sta lavorando a una soluzione. Attualmente tempi ed esito dell’inchiesta non sono prevedibili.