Imprese Press Release

Press Release

Credit Suisse annuncia i risultati del 1T16

Significativi risparmi sui costi in tutta la banca, crescita redditizia e afflussi netti di capitali in APAC, IWM e Swiss UB. Base di capitale stabile all’11,4%.


Punti salienti

Performance finanziaria 1T16

  • A livello di gruppo perdita ante imposte pubblicata CHF 484 milioni (dato rettificato*: CHF 173 milioni), rispetto a un utile ante imposte pubblicato di CHF 1 511 milioni (dato rettificato*: CHF 1357 milioni) nel 1T15.
  • Utile ante imposte core pubblicato CHF 240 milioni (dato rettificato*: CHF 470 milioni), rispetto a CHF 1 894 milioni (dato rettificato*: CHF 1740 milioni) nel 1T15.
  • A livello di gruppo costi operativi totali pubblicati CHF 4 972 milioni (dato rettificato*: CHF 4717 milioni), in diminuzione del 3% dal 1T15 e del 53% dal 4T15.
  • Look-through CET1 ratio pari all’11,4%.
  • Look-through CET1 leverage ratio pari al 3,3%.
  • Il Consiglio di amministrazione ha fissato lo sconto per il dividendo opzionale per l’esercizio 2015 al 10%.

Esecuzione disciplinata in difficili condizioni di mercato

  • Accelerazione del programma di riduzione dei costi per mitigare gli effetti delle avverse condizioni dei mercati.
  • Nel 1T16 abbiamo realizzato – su base annua – più della metà dei CHF 1,4 miliardi di risparmi netti preventivati per il 2016; contiamo di raggiungere o superare l’obiettivo di riduzione di costi lordi di CHF 1,7 miliardi fissato per fine 2016.
  • Mantenimento delle scadenze della ristrutturazione accelerata di Global Markets (Global Markets Accelerated Restructuring, ‘GMAR’); organico ridotto di oltre 10001 unità sulle 3500 preventivate per fine 2016; ridotta la complessità del business attraverso l’uscita da determinate attività e l’introduzione di una nuova struttura organizzativa.
  • Significativa riduzione dei rischi nelle attività di Global Markets (‘GM’); la riduzione dell’esposizione a crediti in sofferenza del 79%2 rispetto al 4T15 grazie alla vendita di attivi creditizi, inclusa una parte del portafoglio di crediti in sofferenza di USD 1,27 milliardi, a TSSP il 3 maggio 2016, e le importanti riduzioni in posizioni CLO (collateralized loan obligation), diminuite dell’81% dal 4T15, hanno consentito a GM di conseguire l’obiettivo di ridurre di circa il 50% la massima perdita trimestrale in uno scenario avverso.
  • Progressi consistenti nella liquidazione della SRU, con la riduzione di CHF 7 miliardi in attività ponderate per il rischio (risk-weighted assets, RWA) nel 1T16.

Crescita redditizia

Asia Pacific (APAC)

  • Rendimento del capitale regolamentare rettificato* pari al 20%.
  • Afflusso netto di nuovi capitali per CHF 4,3 miliardi con margine lordo di 81 punti base.
  • Ulteriore assunzione di Relationship Manager (RM) qualificati: alle 40 nuove assunzioni del 4T15 sono seguite 40 nuove assunzioni nel 1T16; i RM sono ora complessivamente 630, rispetto a 530 a fine 1T15.

International Wealth Management (IWM)

  • Per la divisione afflusso netto di nuovi capitali3 per CHF 6,9 miliardi, con margine lordo di 109 punti base per Private Banking.
  • Avviata l’assunzione di 90 RM inclusi coloro che hanno sottoscritto l’impegno per una collaborazione; due terzi di essi sono focalizzati sulla clientela dei mercati emergenti.
  • Rendimento del capitale regolamentare rettificato*4 pari al 24%.
  • Aumento anno su anno della quota di mandati e della quota di prestiti in Private Banking.

Swiss Universal Bank

  • Utile ante imposte rettificato* di CHF 466 milioni, in rialzo del 12% rispetto al 1T15, con un rendimento del capitale regolamentare rettificato*4 del 16%.
  • Margine lordo stabile pari a 139 punti base in Private Banking.
  • Aumento della quota dei mandati al 27% dal 15% del 1T15

Per Investment Banking & Capital Markets (IBCM) orientamento vincente verso le attività di M&A e sui mercati dei capitali azionari

  • I ricavi da M&A sono raddoppiati anno su anno in USD; classificazione fra le migliori quattro società5 per operazioni M&A completate nelle Americhe.

Riduzione delle RWA su base look-through da circa USD 290 miliardi a circa USD 280 miliardi, nonostante l’aumento di RWA di USD 7 miliardi dovuto a fattori regolamentari.


Base di capitale stabile in mercati difficili con look-through CET1 ratio dell’11,4% grazie alla disciplina nella gestione del capitale e nel controllo dei costi. 


Tidjane Thiam, Chief Executive Officer di Credit Suisse, ha dichiarato: “Nei primi tre mesi dell’anno abbiamo continuato a focalizzarci sull’attuazione della nostra strategia, con tre chiare priorità: accelerare la riduzione dei costi e del numero di collaboratori, conseguire una crescita redditizia nelle divisioni focalizzate sul wealth management e salvaguardare la nostra solida base di capitale. In tutte queste aree siamo riusciti a compiere buoni progressi malgrado il contesto di mercato estremamente difficile.

  • La riduzione dei costi a livello di intero Gruppo sta procedendo come previsto: per quanto riguarda l’obiettivo di riduzione del numero di collaboratori, al 10 maggio abbiamo implementato la riduzione di 35001 unità, ovvero del 58% dell’obiettivo di 6000 unità da raggiungere entro fine anno. Nel 1T16 abbiamo realizzato – su base annua – più della metà dei CHF 1,4 miliardi di risparmi netti preventivati per il 2016.
  • In GM, divisione per la quale abbiamo annunciato il 23 marzo 2016 una ristrutturazione in tempi rapidi (GMAR), abbiamo compiuto passi avanti nella riduzione dei costi fissi. Il numero di collaboratori è stato ridotto di oltre 10001 unità al 10 maggio 2016.
  • Attraverso la GMAR otterremo in GM un importante ridimensionamento delle RWA e del leverage, preparando il comparto a future evoluzioni delle normative.
  • Abbiamo ridotto decisamente i rischi legati al portafoglio di attività di GM. La vendita del portafoglio di crediti in sofferenza per USD 1,24 miliardi a TSSP, insieme a importanti riduzioni delle posizioni in CLO, in calo dell’81% dal 4T15, hanno consentito a GM di conseguire il proprio obiettivo di diminuire del 50% la massima perdita trimestrale in uno scenario avverso.
  • Il successo dell’attività della Strategic Resolution Unit (SRU) è cruciale per il conseguimento dei nostri obiettivi strategici e finanziari. Registriamo buoni progressi con una diminuzione di CHF 7 miliardi delle RWA nella SRU nel 1T16.

Nel difficile contesto del 1T16 tutte le divisioni focalizzate sul wealth management hanno evidenziato una performance forte e una crescita redditizia. Complessivamente queste divisioni hanno generato un utile ante imposte rettificato* di circa CHF 1 miliardo. L’afflusso netto di nuovi capitali in APAC, IWM e Swiss UB è stato rispettivamente di CHF 4,3 miliardi, CHF 6,9 miliardi3 e CHF 3,0 miliardi.

Continuiamo a concentrarci sulla crescita redditizia: i margini sono rimasti stabili in APAC con un incremento del 11% dell’afflusso netto di nuovi capitali mentre sono aumentati in IWM raggiungendo i massimi livelli dal 2011; un andamento che rispecchia la qualità della nostra base di clienti, la solidità delle nostre relazioni e la maggiore disponibilità di capitali per i prestiti.

Abbiamo mantenuto il nostro dinamismo nell’acquisizione di RM in tutte le divisioni focalizzate sul wealth management. In APAC abbiamo 100 RM in più, per un totale di 630 unità a fine 1T16 rispetto alle 530 di un anno prima.

A fronte del brusco calo nell’attività dei clienti e dei minori volumi di mercato, abbiamo avviato alcune misure chiave – controllo dei costi; riduzione delle RWA e del leverage – al fine di mantenere stabile all’11,4% il nostro look-through common equity tier 1 capital ratio. Nel 20166 abbiamo l’obiettivo di operare in una fascia tra l’11% e il 12%.

Nel primo trimestre 2016, in particolare in gennaio e febbraio, abbiamo operato in un contesto di mercato fra i più difficili mai registrati, con una drastica diminuzione dei volumi e dell’attività della clientela. Marzo e aprile hanno mostrato timidi segnali di ripresa, ma è probabile che per tutto il 2016 e oltre continueremo a registrare mercati sottotono e bassi volumi di attività dei clienti.

Confermiamo la nostra convinzione che vi siano interessanti opportunità di lungo termine per le nostre divisioni focalizzate sul wealth management supportate dalle specifiche risorse dei comparti di investment banking, e che nel tempo la nostra strategia creerà valore aggiunto per clienti e azionisti.

Confermiamo la nostra focalizzazione sull’attuazione di quanto abbiamo pianificato: taglio dei costi, investimenti selettivi in crescita redditizia e gestione dei capitali con un approccio disciplinato”.

1Q16 Financial Report (in inglese) nonché i lucidi di presentazione dei risultati 1T16 possono essere scaricati di oggi all'indirizzo: www.credit-suisse.com/results

Leggere il comunicato stampa completo con le tabelle