Profilo aziendale di Valentine

Mezzo mondo frigge con Valentine

Piccola, ma ben strutturata: la Valentine di Romanel-sur-Morges conta solo 25 collaboratori. Da qui le friggitrici di qualità vengono distribuite nelle cucine professionali di tutto il mondo.

Avete mai ordinato patatine fritte in un ristorante svizzero? In questo caso è molto probabile che siano state preparate in una friggitrice Valentine. Perché anche se l'impresa di famiglia esporta all'estero circa l'80 per cento dei quasi 4000 apparecchi prodotti ogni anno, il mercato nazionale è molto importante. Qui le friggitrici e altre apparecchiature da cucina vengono anche progettate e prodotte. Al 100 per cento.

Swiss Made

«La piazza produttiva svizzera rappresenta uno dei principali criteri d'acquisto dei nostri clienti», spiega il CEO Christophe Paris. Conduce in terza generazione l'impresa di famiglia fondata dal nonno nel 1953 insieme a Aldo Valentini. Da allora molte cose sono cambiate: una nuova fabbrica, un'organizzazione più snella e gerarchie più piatte. Sono rimasti invariati l'alta qualità e la produzione nazionale. «Sebbene praticamente ogni cucina professionale abbia una friggitrice, gli apparecchi rimangono un prodotto di nicchia, con solo pochi produttori», continua Paris.

Gli chef sanno che una Valentine non solo offre una lunga durata in servizio ma in caso di guasto disporrà di ricambi anche tra 20 anni. Ciò genera fiducia e distingue gli apparecchi dalla concorrenza. Questo e la vicinanza al cliente, come rivela il CEO, che ha una laurea in economia: «I nostri rivenditori sanno che possono rivolgersi in qualsiasi momento a me o al mio team».

Ricette per la crisi

A dare filo da torcere all'azienda durante la pandemia di coronavirus è questa forte vicinanza al cliente, unita alla crisi del settore della ristorazione in quanto mercato di sbocco. «Un colloquio tramite videochiamata non ha la stessa qualità di un incontro a tu per tu davanti a una tavola imbandita o a un bicchiere di vino», afferma Paris. Eppure il CEO resta ottimista. Ha già vissuto eventi imprevisti nel 2015, con lo shock del franco, e nel 2009, con la crisi economica. Per lui significa sempre un'occasione per fermarsi a riflettere e pensare ai passi successivi. Per esempio, a fronte della mancanza di capitale nella ristorazione, vede una possibile soluzione nelle offerte di leasing. E durante la crisi anche lo sviluppo dei prodotti vanta innovazioni. Per esempio un dispenser per salsa senza contatto. Perché Valentine è nota per le sue friggitrici, ma sviluppa anche altre apparecchiature per cuochi professionisti.

Ingegnarsi per il futuro

La ristorazione è un settore conservativo, sostiene l'imprenditore Paris. Mentre in ambito privato la connettività degli elettrodomestici diventa sempre più importante, il cuoco professionista non ama inutili complicazioni. Sono richieste macchine solide e affidabili. Tuttavia il team di progettazione rincorre possibili innovazioni nell'apposito laboratorio. Per esempio per poter ottenere un fritto di qualità anche a bassa temperatura o addirittura rinunciare completamente all'olio. «Ma io sono convinto che la friggitrice così come la conosciamo oggi troverà impiego nelle cucine dei ristoranti di tutto il mondo anche nei prossimi 10 anni».

Consulenza personale

Contatto
Per una consulenza o per rispondere a eventuali domande siamo sempre a disposizione, anche con un colloquio personale.