accordo-quadro-svizzera-ue-ripercussioni-sul-livello-dei-prezzi-in-svizzera

Accordo quadro tra Svizzera e UE: nessuna flessione dei prezzi in vista

La Svizzera è uno dei paesi con i prezzi più alti in Europa. I prezzi elevati sono da un lato segno di prosperità, dall'altro conseguenza dell'isolamento del mercato. Quali sarebbero le conseguenze di un accordo quadro tra la Svizzera e l'UE?

Il livello dei prezzi in Svizzera è superiore alla media

La Svizzera è il paese con il secondo livello dei prezzi più elevato in Europa, preceduta dall'Islanda e direttamente seguita dalla Norvegia. La cosa curiosa è che nessuno dei tre paesi è uno Stato membro dell'Unione europea (UE). I paesi successivi, Danimarca e Svezia, fanno invece parte dell'UE, ma non hanno adottato l'euro.

In Svizzera i prezzi, in particolare per servizi non mobili o non scambiabili nonché per merci con tutela politica della concorrenza, sono decisamente più elevati rispetto a quelli dei suoi concorrenti. Alcuni esempi sono i settori abitativo, sanitario e dei generi alimentari. Decisamente meno costose in Svizzera sono invece le merci scambiabili che vengono prodotte all'estero e non rientrano nella tutela della concorrenza.

divergenza-del-livello-dei-prezzi-tra-svizzera-e-ue

Anche i beni scambiabili sono costosi in Svizzera

Divergenza del livello dei prezzi tra Svizzera e UE 28, 2016

Fonte: Ufficio federale di statistica, Credit Suisse

Il PIL influenza il livello dei prezzi in Svizzera

Facilmente riconoscibile è la correlazione tra l'elevato livello dei prezzi e il prodotto interno lordo (PIL). Nei paesi più ricchi con stipendi elevati, i fornitori di servizi non mobili, quali ad esempio medici o insegnanti, devono ricevere salari concorrenziali. Questo determina in genere un livello dei prezzi più elevato.

performance-economica-influisce-sul-livello-dei-prezzi-in-svizzera

Correlazione evidente tra il livello dei prezzi e la performance economica

Livello dei prezzi (UE 28 = 100) e PIL pro capite, 2017

Fonte: Eurostat, Credit Suisse

Protezionismo come possibile causa del livello elevato dei prezzi in Svizzera

La sola correlazione tra la performance economica e i prezzi non è tuttavia sufficiente per spiegare del tutto la divergenza del livello dei prezzi. Altri paesi prosperi infatti presentano un livello dei prezzi inferiore rispetto alla Svizzera, come per esempio il Lussemburgo, l'Irlanda, la Germania o i Paesi Bassi, a dimostrazione di una correlazione meno evidente tra performance economica e livello dei prezzi.

Devono dunque esserci altri fattori che influiscono sull'evoluzione dei prezzi. Uno di questi fattori è il protezionismo, ovvero la partecipazione solo parziale al mercato interno dell'UE. Di norma, la concorrenza e la libera circolazione di beni, servizi, capitali e persone determina un abbassamento dei prezzi.

Il mercato interno dell'UE ha un'influenza parziale sul livello dei prezzi

L'accesso al mercato interno dell'UE potrebbe senz'altro offrire dei vantaggi. I livelli dei prezzi dei 28 Stati membri dell'UE si sono ad esempio allineati sin dall'introduzione dell'euro nel 1999. Il coefficiente di variazione è persino diminuito di 10 punti percentuali. Oltre il 45 per cento di questa evoluzione è stato determinato dalla liberalizzazione del mercato interno dell'UE, combinata con altri fattori come le preferenze locali o i costi di trasporto.

L'effetto della partecipazione al mercato interno dell'UE sull'evoluzione del livello dei prezzi dovrebbe tuttavia essere inferiore rispetto a quello della performance economica e del tasso di cambio dal momento che, nello stesso arco di tempo, gli Stati dell'UE si sono allineati anche sul piano economico. Ciò emerge dal PIL pro capite che è salito notevolmente nei paesi economicamente più deboli, determinando un aumento dei prezzi. Tale crescita economica e il tasso di cambio spiegano, in relazione ai beni economici facilmente commerciabili, il restante 50 per cento circa della divergenza nell'evoluzione dei prezzi tra il 1999 e il 2017. 

livelli-dei-prezzi-in-paesi-ue-si-sono-allineati-con-i-prodotti

I paesi UE evidenziano un generale allineamento del livello dei prezzi a livello di prodotto

Andamento del coefficiente di variazione del livello dei prezzi tra il 1999 e il 2016, in punti percentuali

Fonte: Ufficio federale di statistica, Credit Suisse

Ripercussioni dell'accordo quadro tra Svizzera e UE

Al fine di valutare l'impatto di un'apertura di mercato della Svizzera al mercato interno dell'UE, è possibile confrontarla con Stati membri dell'UE economicamente paragonabili come la Germania, l'Austria e i Paesi Bassi. Secondo le stime, l'aumento del livello dei prezzi registrato in Germania e Austria dal 1999 è stato inferiore rispetto a quello della Svizzera, rispettivamente di 9 e 3 punti percentuali.

È dunque possibile dedurre che l'evoluzione dei prezzi viene frenata grazie al mercato interno dell'UE. Questa tesi viene tuttavia smentita se si considerano i Paesi Bassi. Questi evidenziano infatti un aumento più accentuato di 1,5 punti percentuali rispetto alla Svizzera. Per concludere si può dunque affermare che un accordo quadro tra la Svizzera e l'UE in relazione alla proposta di apertura al mercato interno dell'UE non comporterebbe un calo significativo dei prezzi in Svizzera.