Björn Kreisel direttore Noventa Consulting AG CS Kaizen imprenditori storia di successo

Noventa Consulting AG: Kaizen – maggiori ricavi con costi inferiori

Il concetto di Kaizen è diventato famoso nel mondo grazie alla casa automobilistica Toyota, che da decenni basa la propria produzione su questa filosofia giapponese. Secondo la Noventa Consulting AG, società che fornisce consulenza alle imprese nell’attuazione del Kaizen, se sapientemente attuato questo approccio consentirebbe di mantenere molti posti di lavoro in Svizzera.

Quando l’esperto di Kaizen e amministratore della Noventa Consulting AG Björn Kreisel entra nello stabilimento di un cliente, nota quasi sempre già a una prima occhiata il potenziale di migliora – mento. Molto spesso l’area di produzione è troppo grande e le procedure sono inef ficienti. Per spiegare cosa intende, si serve di questo esempio: «Immaginiamo di dover produrre 20 panini imbottiti. Quale sarebbe la procedura giusta?». La maggior parte di noi probabilmente appoggerebbe sul tavolo le 40 metà dei panini, vi distribuirebbe sopra gli ingredienti, poi unirebbe le metà e infine confezionerebbe il tutto. «Sbaglia – to», esclama Björn Kreisle. La procedura corretta è questa: bisogna produrre sempre un panino intero, impacchettarlo e solo dopo passare a quello successivo. Spiega che «in questo modo abbreviamo i percorsi, perché altrimenti avendo tagliato tutti i panini siamo costretti a muoverci attorno al tavolo per raggiungerli tutti e poi dobbiamo afferrarli più volte».

Noventa Consulting AG e Kaizen

Osservate una linea di produzione Kaizen e cosa si ottiene con strumenti come il Kanban.

Contro gli sprechi

Il presupposto del Kaizen è che la situazione attuale non è mai perfetta. Non bisogna mai smette – re di pensare a quali processi si potrebbero migliorare per aumen – tare la qualità, ridurre i tempi di produzione, rendere più soddisfatti i clienti. La perfezione è ovviamen – te irraggiungibile – ma il potenziale di miglioramento è inesauribile. Il Kaizen va a braccetto con il concetto di «lean management». «Lean» infatti sono i metodi con cui l’approccio Kaizen viene attuato. L’obiettivo principale è impedire gli sprechi, sia quelli dovuti alla sovraproduzione o a magazzini troppo grandi, sia quelli causati da movimenti superflui, tempi di attesa o errori. Una grande importanza va attribuita alla pulizia e all’ordine nell’azienda e in ogni posto di lavoro. Ovunque si trova solo lo stretto necessario, tutto il resto viene rimesso al suo posto – perché anche cercare qualcosa è uno spreco di tempo.

All’inizio è difficile

Il Kaizen permea ogni ambito aziendale e viene fatto proprio da ogni collaboratore, a tutti i livelli gerarchici. In altre parole, ognuno si assume delle responsabilità, collabora attivamente e cerca sempre di ottimizzare le procedure e di migliorare. Björn Kreisel spiega: «Con un cambio di mentalità così profondo emergono tutti i punti deboli. È normale che le aziende dopo poco tempo vogliano gettare la spugna perché si trovano improvvisamente davanti a problemi che prima non pensava - no di avere. All’inizio il Kaizen è difficile da gestire». T uttavia, le aziende i cui collaboratori hanno interiorizzato il Kaizen producono con costi minori ma con una migliore qualità e con maggiori ricavi. Björn Kreisel af ferma: «Molte imprese trasferiscono la loro produzione all’estero a causa delle forti pressioni dei costi, ma spesso notiamo che non hanno sfruttato il loro potenziale e che potrebbero mantenere posti di lavoro preziosi in Svizzera attuando cambiamenti al loro interno».

Gestione delle e-mail secondo il Kaizen

  • Impostate il vostro programma di posta elettronica in modo tale che le e mail in arrivo non lampeggino né emettano suoni.
  • Leggete e rispondete alle e mail solo a orari fissi e prestabiliti.
  • Leggete le e mail solo quando avete anche il tempo per rispondere.
  • Per quanto possibile, aprite e leggete ogni e mail una sola volta.
  • Create una struttura di archiviazione intelligente.
  • Se non potete rispondere subito a un’e mail, programmatela in modo che vi venga riproposta in un momento successivo.
  • Create blocchi di testo riutilizzabili per tematiche ricorrenti nelle e mail.