Barriere commerciali: dove le PMI svizzere faticano a esportare

Export verso il Brasile. Una situazione non facile per le PMI svizzere.

No risk, no fun – Le PMI svizzere tendono a esportare maggiormente dove le condizioni sono più difficili. Ma in che misura l'export svizzero è davvero interessato dalle misure di distorsione del mercato e quali sono i paesi dove le PMI svizzere incontrano le barriere commerciali più severe? Lo Studio PMI 2019 fa luce in merito.

L’export svizzero si focalizza sulla Germania

Le PMI svizzere esportano soprattutto nei mercati europei. È quanto emerge dal sondaggio effettuato per lo Studio PMI 2019 di Credit Suisse. La Germania supera di gran lunga tutte le altre destinazioni e rappresenta quindi il principale mercato di sbocco per le PMI svizzere. Oltre all'Europa, le esportazioni delle PMI intervistate sono fortemente indirizzate al mercato americano.

Dopo gli USA segue, seppure con un certo distacco, l'Estremo Oriente. In quest’area, la Cina e il Sud-est asiatico sono le destinazioni d’elezione. È interessante notare che una percentuale relativamente elevata delle PMI intervistate ha affermato di aver preso in considerazione in passato l’opportunità di esportare in Cina, per poi accantonare l’idea. Il dietro front potrebbe essere imputabile alle misure di distorsione del mercato messe in atto dalla Cina. Anche l'America centrale e meridionale stanno diventano sempre più mercati di esportazione per le PMI svizzere. Verso queste aree del mondo esporta quasi il 20 per cento delle aziende intervistate, una cifra considerevole.

le-pmi-esportano-maggiormente-in-germania

Le PMI esportano maggiormente verso la Germania

Imprese intervistate che esportano nel dato mercato – in percentuale.

Per i paesi non colorati non sono disponibili dati.

Fonte: sondaggio PMI 2019 di Credit Suisse

Le destinazioni preferite dalla Svizzera presentano le maggiori barriere commerciali

Ma quali sono i paesi più problematici per le PMI svizzere? «Dalla crisi finanziaria del 2009 il numero di ostacoli commerciali è in forte aumento in tutto il mondo», afferma Alfonso Orlando, responsabile ExportHelp presso Switzerland Global Enterprise. Le bestie nere degli scambi commerciali sembrano tuttavia essere la Germania e gli USA, le due principali destinazioni di esportazione delle PMI svizzere. Dal 2009 a oggi sono infatti proprio Germania e Stati Uniti i paesi che hanno implementato il maggior numero di misure distorsive. E in questa classifica anche la Cina occupa una delle prime posizioni. Ma in che misura le PMI svizzere sono interessate dalle barriere commerciali e dalle misure protezionistiche?

Le PMI quasi non incontrano ostacoli in Europa

Effettivamente, il 54 per cento delle PMI che esportano o desideravano esportare in Cina si è scontrata con ostacoli al commercio più o meno importanti. Anche per quanto concerne le esportazioni verso gli Stati Uniti, quasi la metà delle imprese intervistate ha dovuto fare i conti con simili problematiche. L'Europa, invece, presenta un quadro completamente diverso: ad esempio, le PMI svizzere sembrano essere colpite piuttosto raramente dalle numerose misure protezionistiche implementate dalla Germania.

A presentare ancor meno barriere commerciali rispetto ai paesi confinanti e ai restanti paesi dell’UE è, dal punto di vista delle PMI intervistate, la Gran Bretagna. Più difficile invece è esportare in Russia e Brasile. Oltre il 60 per cento delle PMI interpellate ha riscontrato alcune o grandi difficoltà con le barriere commerciali.

le-barriere-commerciali-sono-più-severe-in-brasile-e-in-russia

Dove incontrano i maggiori ostacoli al commercio le PMI?

Valutazioni degli ostacoli al commercio da parte delle PMI interpellate che esportano verso i paesi indicati, o che hanno valutato di farlo in passato o in futuro.

Fonte: sondaggio PMI 2019 di Credit Suisse

La Gran Bretagna rimane una destinazione interessante per l’export svizzero

Per le PMI svizzere si prevede che in futuro la Gran Bretagna raggiungerà per importanza gli USA. Alcune aziende pianificano dunque di intensificare le attività di esportazione verso il Regno Unito. Dal sondaggio emerge che: Solo una Hard Brexit potrebbe impedire alla Gran Bretagna di diventare un fiorente mercato di sbocco per le PMI elvetiche.

Per saperne di più in merito agli ostacoli commerciali e alle misure che le PMI possono attuare leggete la versione integrale dello studio

Download Studio PMI 2019 This link target opens in a new window