I nostri partner Mense svizzere: donare anziché buttare

Mense svizzere: donare anziché buttare

In Svizzera due milioni di tonnellate di alimenti finiscono nella spazzatura ogni anno. Ma si può fare diversamente: lo dimostra Mense svizzere, che raccoglie cibo eccedente ma di buona qualità e lo distribuisce gratuitamente alle istituzioni sociali. Come funziona? E come può ciascuno di noi fare qualcosa contro lo spreco alimentare?

Ogni giorno Mense svizzere distribuisce 17 000 chili di generi alimentari

I generi alimentari di buona qualità non sono mai superflui. Può darsi che non vengano più utilizzati da alcuni – ma altri ne hanno urgente bisogno. Dal 2001 Mense svizzere segue esattamente questo principio.

In tutta la Svizzera i collaboratori raccolgono ogni giorno 17 100 chili di generi alimentari da grandi distributori, produttori e venditori al dettaglio. Il cibo viene distribuito gratuitamente a istituzioni sociali come ricoveri per senza tetto, cucine per i poveri, strutture d'emergenza e altre organizzazioni caritatevoli.

Mense svizzere raccoglie generi alimentari con data di vendita scaduta, ma la cui data limite di consumo è ancora valida. La qualità è ineccepibile e il consumo è ancora possibile. L'opera è finanziata con donazioni e con il denaro della fondazione.

Troppo cibo viene gettato

Mense svizzere si occupa soprattutto dei bisognosi, ma fornisce anche informazione sul tema dello spreco alimentare. Ogni anno, in Svizzera, vengono gettati circa due milioni di tonnellate di alimenti, ovvero un pasto completo per svizzero al giorno.

Ma la causa non è da ricercarsi solo nelle economie domestiche private. Anche nell'agricoltura, nell'industria di trasformazione e nel commercio si crea una grande quantità di rifiuti alimentari.

Spreco alimentare e cause in Svizzera

Spreco alimentare e cause in Svizzera

Fonte: rappresentazione propria in base a www.schweizertafel.ch

Cinque consigli contro lo spreco alimentare domestico

Tuttavia, la più alta percentuale di rifiuti alimentari è generata dal consumatore finale, quindi da ciascuno di noi. Ecco perché è importante che ciascuno getti in pattumiera meno generi alimentari. Questi cinque consigli vi saranno utili per una gestione del cibo più consapevole:

Non acquistate di pancia, ma con la testa

Chi, prima della spesa, pianifica il menu settimanale e fa una lista, acquista con maggiore consapevolezza. Inoltre si consiglia di acquistare prodotti freschi, facilmente deperibili, in piccole quantità e quindi più spesso – evitando che finiscano nel frigorifero e poi non possano più essere recuperati. Inoltre, evitate di fare la spesa a stomaco vuoto, la tentazione sarebbe troppo forte.

Conservate correttamente i generi alimentari

I generi alimentari secchi, come la farina o i legumi, nonché conserve e oli, si conservano bene nell'armadio per le provviste. I prodotti facilmente deperibili, come latte, carne, uova, verdura resistente al freddo e residui di pietanze, vanno in frigorifero. In cantina e in dispensa si conservano gli ortaggi sensibili al freddo e le patate.

Per ciascun nucleo familiare, in Svizzera finiscono nella spazzatura CHF 2010.27 all'anno.

Distinguete tra "scadenza" e "durata minima di conservazione"

Il termine minimo di conservazione ("da consumarsi preferibilmente entro") significa che i generi alimentari si conservano a lungo e possono essere consumati anche a data scaduta. I generi alimentari con data di consumo ("da consumarsi entro") dopo la scadenza non possono più essere assunti per motivi di salute.

Recuperate i residui

Con i residui in frigorifero e in dispensa si può facilmente creare nuove ricette. Anche il pane vecchio si può ancora cuocere e le verdure appassite prendono nuova vita se immerse in acqua fredda. Le banane molto mature sono perfette per frullati o piatti al forno. All'indirizzo di Restegourmet trovate molte fantastiche ricette svuota-frigorifero.

Al ristorante non ordinate troppo cibo

Anche se al ristorante è bello viziarsi un po', qui i resti vengono sempre gettati via. Perché ciò non accada, è meglio ordinare qualcosa in meno; se poi resta ancora un po' di appetito, potete sempre aggiungere qualcosa dopo.

Il 24 novembre è la Giornata della minestra di Mense svizzere

Il 24 novembre è la Giornata della minestra di Mense svizzere

Il 24 novembre 2016, in molte città svizzere, sarà ancora la Giornata della minestra. Con questa campagna, ogni anno Mense svizzere richiama l'attenzione sulla povertà e sullo spreco alimentare. Anche molte personalità di spicco servono la minestra per una buona causa.

Quest'anno Credit Suisse sarà presente per la decima volta consecutiva: in undici sedi di tutta la Svizzera e in nove ristoranti per il personale organizzerà uno stand per la Giornata della minestra – saranno coinvolti circa 150 collaboratori CS.

La giornata della minestra si svolgerà presso le seguenti sedi di Credit Suisse: Bienne, Olten, Liestal, Rheinfelden, Soletta, San Gallo, Sursee, Wädenswil, Zofingen, Zugo, Zurigo Sihlcity.

Oltre all'impegno in occasione della Giornata della minestra, dal 2001 Credit Suisse è partner di Mense svizzere e sostiene l'organizzazione con donazioni finanziarie. Dal 2011 lo staff CS ha anche la possibilità di partecipare ai giri di consegne di alimenti di Mense svizzere.

www.credit-suisse.com/verantwortung