Previdenza per le coppie di conviventi
Articoli

Previdenza per le coppie di conviventi

Le coppie che decidono di vivere in regime di concubinato e desiderano realizzare insieme i propri sogni dovrebbero considerare anche gli aspetti legati alla previdenza.. Il concubinato offre maggiore flessibilità, ma anche meno copertura finanziaria. Per questo motivo si dovrebbe pensare il più presto possibile alla previdenza per la vecchiaia e per i propri cari, cominciando a risparmiare.

Il concubinato consente di realizzare sogni di vita condivisi anche senza l'impianto normativo di un matrimonio, a prescindere dall'età della coppia, con o senza figli. Rappresenta una forma di convivenza flessibile, che però non è regolamentata dalla legge. Per le coppie di conviventi la previdenza privata è quindi tanto più importante. Inoltre è consigliabile pensare per tempo alla pensione, con un piano previdenziale individuale, in grado di garantire un sostegno finanziario adeguato in vecchiaia e in caso di rischio.

A quali aspetti della previdenza bisogna prestare particolare attenzione nel concubinato?

In caso di concubinato i due partner vengono considerati ognuno come una singola persona. Di conseguenza entrambi i partner godono pienamente della loro rendita di vecchiaia AVS. In caso di decesso del partner, non sussiste alcun diritto a prestazioni del 1° pilastro. In caso di decesso, ai figli propri (fino ai 18 anni o ai 25 anni se in formazione) viene erogata una rendita per orfani.

Per quanto concerne il 2° pilastro, in caso di decesso il concubino non riceve alcuna prestazione, oppure gli viene versata una rendita di convivente o una prestazione in capitale. Poiché il concubinato non è riconosciuto giuridicamente, bisogna verificare se, e a quali condizioni, il regolamento della cassa pensioni prevede una clausola beneficiaria del convivente e quali requisiti vanno soddisfatti.
Per la copertura di conviventi o di figli è indicato il 3° pilastro: in tal caso può valere la pena stipulare un'assicurazione sulla vita con copertura contro il rischio di decesso.