Prelievo anticipato o costituzione in pegno?
Articoli

Prelievo anticipato o costituzione in pegno?

Di norma la banca autorizza un’ipoteca se si dispone almeno del 20 per cento della somma d’acquisto come capitale proprio. Chi non ha mezzi propri sufficienti può prelevare denaro dalla cassa pensione per il finanziamento. Esistono due possibilità: il prelievo anticipato e la costituzione in pegno. Il prelievo anticipato aumenta il capitale proprio e riduce l’onere per gli interessi. La costituzione in pegno aumenta il capitale di terzi e riduce il carico fiscale.

La proprietà abitativa in Svizzera è considerata una soluzione di previdenza per la vecchiaia sicura. L’investimento in un’abitazione di proprietà può risultare conveniente anche perché può dare origine a risparmi sul fronte dei costi abitativi e delle imposte. Di norma le banche richiedono, per l’acquisto della proprietà abitativa, il 20 per cento di capitale proprio. Chi non dispone di sufficiente capitale proprio può prelevare gli averi della cassa pensione per l’acquisto di una proprietà abitativa ad uso personale, per l’ammortamento di un’ipoteca o per l’acquisto di quote di partecipazione di cooperative di costruzione di abitazione e partecipazioni simili. Ad ogni modo occorre disporre anche di fondi propri: l’Associazione svizzera dei banchieri prescrive che in caso di nuove ipoteche e aumenti di credito almeno il 10 per cento dell’importo d’acquisto debba provenire da fonti diverse dalla cassa pensione.

Averi della cassa pensione per acquistare un’abitazione all’estero

Una proprietà abitativa all’estero può essere finanziata con fondi della cassa pensione solo se si ha lì anche il proprio domicilio e luogo di dimora abituale. Le abitazioni secondarie e di vacanza non possono essere finanziate con i fondi della cassa pensione. Allo stesso modo non è possibile utilizzare fondi della previdenza professionale per finanziare le spese di manutenzione ordinaria, come ad esempio per effettuare riparazioni, o per pagare interessi ipotecari.

Prelievo anticipato o costituzione in pegno?

Per il finanziamento dell’abitazione di proprietà con fondi della cassa pensione vi sono due possibilità: il prelievo anticipato e la costituzione in pegno. Il prelievo anticipato di fondi della cassa pensione aumenta il capitale proprio. In questo modo si ha a disposizione più denaro per l’acquisto di un’abitazione propria. Poiché l’ipoteca è minore, si pagano meno interessi ipotecari, cosa che può essere vantaggiosa in particolare in caso di un budget limitato. In contropartita, nascono lacune previdenziali che sarà necessario colmare in altro modo. La costituzione in pegno consente di disporre di ulteriore capitale di terzi. Poiché l’immobile è in gran parte finanziato mediante capitale di terzi, gli interessi ipotecari sono più alti. In compenso si ottengono agevolazioni fiscali, e le prestazioni della cassa pensione durante la vecchiaia e in caso di invalidità e decesso rimangono invariate.

Vantaggi

Costituzione in pegno
  • Nessuna perdita di capitale/prestazioni (a meno che la costituzione in pegno venga di nuovo annullata)
  • Gli interessi ipotecari più alti sono fiscalmente deducibili
  • Nessuna conseguenza di natura fiscale sul capitale della cassa pensione
  • I riscatti nella cassa pensione restano possibili
Prelievo anticipato
  • Prestito più ridotto e pertanto costi abitativi mensili più bassi
  • Il prelievo anticipato interrompe la progressione fiscale (in caso di corresponsione dei fondi della cassa pensione al pensionamento, poiché l’importo del pagamento in questo momento si riduce dell’importo del prelievo anticipato)

Svantaggi

Costituzione in pegno
  • Costi abitativi più elevati
  • L’onere ipotecario complessivo per i proprietari di un’abitazione propria rimane invariato
Prelievo anticipato
  • Il capitale prelevato è soggetto a imposizione e devono essere disponibili i mezzi finanziari per il pagamento delle imposte
  • Perdite di rendite/capitale durante la vecchiaia (non bisogna trascurare i mancati interessi e interessi composti)
  • Perdite di prestazioni in caso di invalidità e decesso
  • Obbligo di rimborso nel momento in cui non fosse più applicabile il criterio di proprietà abitativa ad uso proprio (in questo caso è possibile chiedere il rimborso dell’imposta pagata)
  • I riscatti nella cassa pensione non sono possibili (fintantoché il prelievo anticipato non è stato rimborsato)