Costituzione in pegno degli averi della cassa pensione.
Articoli

Costituzione in pegno degli averi della cassa pensione per l’acquisto di una proprietà abitativa

Chi intende finanziare la proprietà abitativa con fondi della cassa pensione, può costituire in pegno il suo avere dalla stessa. In tal modo il denaro rimane nella cassa pensione e la copertura assicurativa sostanzialmente invariata; il denaro serve alla banca solo come sicurezza, alla quale può accedere in caso di emergenza. In compenso la costituzione in pegno comporta oneri per interessi più elevati, in quanto è necessaria un’ipoteca maggiore.

La costituzione in pegno degli averi della cassa pensione per l’acquisto di una proprietà abitativa consente di incrementare il capitale di terzi. Poiché in tal modo l’ipoteca è maggiore, gli oneri per interessi debitori aumentano. In compenso, il debitore beneficia di agevolazioni fiscali e le prestazioni durante la vecchiaia nonché la copertura assicurativa rimangono invariate.

Fino all’età di 50 anni è possibile costituire in pegno l’intera prestazione di libero passaggio. A partire dall’età di 50 anni si può costituire in pegno il valore all’età di 50 anni o metà della prestazione di libero passaggio attuale, a seconda di quale sia l’importo più elevato. Questo è possibile fino a 3 anni prima del pensionamento ordinario, salvo il caso in cui nel suo regolamento la cassa pensione preveda una regolamentazione più conveniente. Questo vale anche per il prelievo anticipato dei fondi della cassa pensione.

Di seguito un esempio con tre diverse fasce età.
a 50 anni,
prestazione di libero passaggio
massimo importo riscuotibile anticipatamente
CHF 100 000
CHF 100 000
a 55 anni,
prestazione di libero passaggio
massimo importo riscuotibile anticipatamente
(prestazione di libero passaggio a 50 anni)
CHF 150 000
CHF 100 000
a 60 anni,
prestazione di libero passaggio
massimo importo riscuotibile anticipatamente
(metà della prestazione di libero passaggio attuale)
CHF 240 000
CHF 120 000

Il contratto di costituzione in pegno disciplina tutte le modalità

La costituzione in pegno viene regolata in un apposito contratto di costituzione in pegno, nel quale viene tra l’altro indicato l’importo che il debitore mette a disposizione della banca come garanzia. Vi sono due possibilità. La prima: costituzione in pegno dell’intera prestazione di libero passaggio. La seconda: costituzione in pegno dell’importo effettivamente necessario. Il contratto di costituzione in pegno regola inoltre come procedere quando l’assicurato esce dalla cassa pensione senza aderire a una nuova istituzione di previdenza. Questo può avvenire, ad esempio, quando l’assicurato diventa lavoratore autonomo, disoccupato o emigra all’estero.

Riduzione della prestazione in caso di realizzazione del pegno

Con la costituzione in pegno l’avere di previdenza viene considerato come capitale di garanzia. I fondi della previdenza vengono costituiti in pegno a favore della banca e l’importo ipotecario può essere incrementato della somma costituita in pegno. Le prestazioni previdenziali subiscono una riduzione soltanto nel caso di un’eventuale realizzazione del pegno.

Panoramica dei vantaggi e degli svantaggi di una costituzione in pegno

Vantaggi
  • Non dovete pagare imposte supplementari se il denaro non deve essere corrisposto.
  • Non avete altre lacune previdenziali; le prestazioni offerte dalla vostra cassa pensione restano invariate.
  • Pagate meno imposte in quanto gli interessi più alti possono essere dedotti dalle stesse.
  • Potete continuare a effettuare riscatti volontari nell’ambito della cassa pensione.
Svantaggi
  • Avete un’ipoteca maggiore e pertanto pagate più interessi ipotecari.
  • Avete costi abitativi più elevati.