Conto di previdenza e previdenza in titoli
Articoli

Pilastro 3a: i titoli offrono maggiori opportunità di rendimento a lungo termine rispetto a un conto di previdenza

La previdenza privata (3° pilastro) integra la previdenza statale e professionale ed è opportuna anche da un punto di vista fiscale. A seguito del persistente basso livello dei tassi d’interesse, il conto di previdenza negli ultimi anni ha perso appetibilità. Chi inizia per tempo a occuparsi della previdenza, con una soluzione in titoli si assicura la possibilità di ottenere un rendimento più elevato.

Il 1° pilastro (AVS) e il 2° pilastro (LPP) potrebbero non essere sufficienti a mantenere lo stesso tenore di vita nella vecchiaia. La previdenza volontaria, ad esempio il pilastro 3a, può colmare queste lacune ed è opportuna anche da un punto di vista fiscale, poiché i versamenti annuali nel pilastro 3a possono essere detratti dal reddito imponibile.

Un pilastro 3a può essere stipulato presso una banca o una compagnia di assicurazione. Chi preferisce la banca, può scegliere tra un conto di previdenza e la previdenza in titoli. Entrambe le varianti offrono vantaggi interessanti.

Conto di previdenza pilastro 3a: tasso d'interesse preferenziale.

Se effettuate versamenti nel pilastro 3a presso una banca, il vostro denaro viene depositato su un conto di previdenza a un tasso d’interesse preferenziale. Potete versare denaro su questo conto in qualsiasi momento, in modo flessibile e senza obbligo di risparmio.


Previdenza in titoli pilastro 3a: opportunità di rendimento più elevato.

La previdenza in titoli vi offre la possibilità di conseguire un rendimento maggiore. In concreto, ciò significa che se investite per tempo in titoli, probabilmente nella vecchiaia disporrete di più denaro rispetto a quello che otterreste depositando i vostri averi su un conto di previdenza.

A seconda della vostra propensione al rischio e della durata dell’investimento desiderata avete a disposizione diverse soluzioni in titoli, le quali si distinguono principalmente per la loro quota azionaria e il loro stile d’investimento. Siete voi a decidere se la vostra soluzione deve essere gestita in modo attivo o passivo.

In caso di patrimonio con gestione attiva, i gestori di portafoglio specializzati operano per massimizzare il vostro rendimento a lungo termine. I gruppi d’investimento indicizzati, invece, si orientano a un determinato indice, cercando di riprodurlo il più fedelmente possibile.

Quale sia la soluzione più adatta a voi, dipende dalla vostra situazione personale. Il colloquio con un esperto vi può aiutare a prendere la decisione.

A lungo termine la previdenza in titoli offre maggiori opportunità di rendimento rispetto a un conto di previdenza.

Rocco Baldinger 

Confronto tra i rendimenti della previdenza in titoli e del conto di previdenza

Entrambi i clienti hanno versato all'inizio di ogni anno dal 1° gennaio 1987 al 31 dicembre 2017 l’importo massimo consentito. Il cliente che ha scelto una previdenza in titoli (nel nostro esempio il gruppo d’investimento CSF Mixta-LPP) ha ottenuto un rendimento maggiore di CHF 99 558 rispetto al cliente che ha puntato sul conto di previdenza.

Assicurazione pilastro 3a: ulteriore protezione in caso di invalidità e decesso.

Un pilastro 3a può essere stipulato anche presso una compagnia di assicurazione. Esistono polizze vincolate a fondi e soluzioni classiche senza titoli. In entrambi i casi, una parte dell’importo versato viene utilizzato per la copertura assicurativa e non è più disponibile per la previdenza per la vecchiaia. Di conseguenza, con un conto di previdenza o una soluzione in titoli presso una banca avrete a disposizione più denaro nella vecchiaia rispetto a un’assicurazione sulla vita. Inoltre, con un’assicurazione si stipula un contratto pluriennale che può generare costi in caso siano necessarie modifiche. Per mantenere la flessibilità è consigliabile risparmiare per la vecchiaia presso una banca ed eventualmente stipulare presso una compagnia di assicurazione una polizza di rischio separata per proteggersi in caso di decesso o invalidità.