Articoli

Pilastro 3a: le donne con e senza figli risparmiano in modo diverso per la loro vecchiaia

Dal nuovo studio di Credit Suisse sulla previdenza emerge che le donne in coppie a doppio reddito sono assolutamente coscienti dell'importanza rivestita dalla loro previdenza per la vecchiaia. Tuttavia, quelle con figli versano tendenzialmente più spesso contributi nel pilastro 3a rispetto alle donne senza figli, e ciò sebbene le madri dispongano mediamente di meno denaro. Cosa significa questa contraddizione?

La situazione personale e familiare influisce sulla previdenza privata per la vecchiaia. In particolare la creazione di un nucleo familiare promuove evidentemente la consapevolezza di dover pensare e provvedere al periodo dopo il pensionamento. È quanto emerge dall'attuale studio di Credit Suisse «Mind the Gap: tempo parziale, congedo, lacuna previdenziale». Delle donne in coppie bireddito, quelle con figli investono tendenzialmente più spesso nel 3° pilastro rispetto alle donne senza figli, le cosiddette DINK (double income no kids), sebbene spesse volte alle madri si offrano meno possibilità finanziarie, basti pensare che il 70% delle casalinghe con una formazione terziaria – in questo gruppo il reddito medio ammonta a CHF 58 000 – versa regolarmente contributi nella previdenza vincolata. Viceversa, delle DINK altamente qualificate con un reddito medio di CHF 82 000 solo il 63% investe nella previdenza 3a. O in altre parole: a dispetto delle condizioni finanziarie apparentemente buone, circa il 40% delle DINK non coglie l'opportunità di assicurare e mantenere il proprio tenore di vita in età avanzata attraverso il pilastro 3a.

Le donne che convivono con un partner versano più frequentemente contributi nel pilastro 3a, se hanno figli.

Casalinghe e DINK a confronto

Rispetto alle casalinghe le DINK dispongono in media di un reddito più elevato, ma versano tendenzialmente più di rado nella previdenza vincolata.

 

Fonte: Credit Suisse, 2019.

Le casalinghe non hanno sempre risorse sufficienti da destinare a una previdenza privata

Le donne con partner e figli sono perfettamente consapevoli della necessità di programmare una previdenza privata per la vecchiaia, ma difettano in parte delle risorse finanziarie, per prevenire con le proprie forze le lacune previdenziali risparmiando nel pilastro 3a. Quanto anticipato è riconducibile a vari motivi. Dopo la nascita di un figlio alcune donne riducono il loro grado di occupazione o prendono un periodo di congedo per poterlo accudire. In taluni casi l'impegno e la dedizione alla famiglia e ai figli frenano anche lo sviluppo della carriera. Entrambi gli scenari si riverberano negativamente sul reddito e possono ostacolare seriamente la costituzione di un solido avere di vecchiaia 3a.

Le donne con famiglia fanno meno carriera

Le donne con famiglia fanno meno carriera

Le casalinghe tendono a limitare se non a sacrificare la loro formazione a beneficio della famiglia, mentre circa la metà delle DINK raggiunge un livello di formazione elevato.

Fonte: Credit Suisse, 2019.

Per le casalinghe è quindi tanto più importante sfruttare al meglio le possibilità di realizzare una previdenza per la vecchiaia. Già un piccolo, ma regolare importo fisso nel budget familiare può essere un aiuto prezioso per costruire una previdenza vincolata e colmare le lacune previdenziali.

Profilo della previdenza 3a: casalinghe

La formazione di una famiglia influisce sulla previdenza per la vecchiaia, tant'è che le donne in coppie a doppio reddito con figli versano più regolarmente contributi nel 3° pilastro rispetto alle donne in coppie bireddito senza figli. È quanto emerge dallo studio di Credit Suisse sulla previdenza vincolata. Cosa questo significhi per le donne con e senza figli è spiegato dalla co-autrice dello studio, Emilie Gachet.

DINK: dal 37% al 40% non coglie l'opportunità di una previdenza per la vecchiaia 3a

Sotto il profilo finanziario numerose donne in coppie a doppio reddito dovrebbero invero essere in grado di versare regolarmente contributi nel pilastro 3a. Tra l'altro perché non hanno figli da accudire, presentano perlopiù un grado di occupazione elevato e dispongono mediamente di più risorse finanziarie rispetto alle casalinghe. Ciò malgrado anche le DINK forse non lavorano a ciclo continuo al 100% fino al pensionamento. Se prima o poi desiderano ridurre il loro grado di occupazione a beneficio del loro work-life balance o di un'attività di volontariato, prendere un congedo prolungato per fare un viaggio intorno al mondo o per qualsivoglia altro motivo, il tutto si riflette negativamente sulla loro previdenza per la vecchiaia. Tanto meglio quindi se hanno provveduto per tempo – e finché ne erano finanziariamente in grado – in prospettiva di queste eventualità e versato regolarmente contributi nel pilastro 3a. Così facendo hanno la certezza di attenuare le lacune previdenziali e di non dover scendere a compromessi sul tenore di vita. Idealmente dovrebbero cogliere quanto prima questa opportunità e non rinviare la previdenza privata per la vecchiaia. Nel pilastro 3a non sono infatti possibili versamenti retroattivi per gli anni di contribuzione mancati.

Profilo della previdenza 3a: donne in coppie a doppio reddito

DINK significa «double income no kids»: le donne in coppie a doppio reddito senza figli percepiscono il reddito in assoluto più elevato rispetto ad altri gruppi di donne. Ciò malgrado, queste donne versano meno nel pilastro 3a rispetto alle donne in coppie bireddito con figli. Informazioni più approfondite sono fornite da Jan Schüpbach, co-autore dello studio di Credit Suisse sulla previdenza «Mind the Gap: tempo parziale, congedo, lacuna previdenziale».

Un effetto collaterale interessante: risparmiare sulle imposte con i versamenti nel pilastro 3a

Il risparmio 3a conviene anche per motivi fiscali, e subito sotto molteplici aspetti. Al riguardo non è imperativo versare l'importo massimo nella previdenza vincolata. Anche piccoli importi regolari aiutano a evitare le lacune previdenziali. Nell'ottica fiscale e in ordine alla rendita possono rivelarsi, a seconda del luogo di domicilio, persino un poco più vantaggiosi degli importi massimi versati sporadicamente. D'altra parte, chi inizia a risparmiare presto fa proprio un altro vantaggio ancora: a seguito del lungo orizzonte d'investimento, l'effetto interesse composto è ancora più incisivo e accresce l'importo che sarà versato in futuro.

Previdenza per la vecchiaia per donne

Fissare un colloquio di consulenza This link target opens in a new window Aprire un conto o un deposito di previdenza pilastro 3a This link target opens in a new window
Ogni fase della vita richiede una forma individuale di previdenza per la vecchiaia. Consultateci.