Strategia d'investimento 2020: i mercati azionari subiranno un leggero calo
Articoli

Video di Michael Strobaek: i mercati azionari resistono alle crisi geopolitiche

Dopo un proficuo 2019, per quest'anno si prevede un andamento più contenuto dei mercati azionari, che continueranno però a offrire molte opportunità. Michael Strobaek, Global CIO di Credit Suisse, spiega nel video quali categorie di investimento potrebbero registrare un forte sviluppo e qual è la strategia attualmente più proficua.

Nel 2020 i mercati azionari subiranno un leggero calo

L'anno borsistico è iniziato in modo turbolento. Il conflitto tra gli Stati Uniti e l'Iran ha gravato sui mercati azionari. Tuttavia, se non vi sarà un'escalation della situazione in Medio Oriente, non dovrebbero risentirne a lungo. Di norma, nel medio termine i rischi geopolitici hanno un'influenza contenuta sui mercati finanziari.

Tuttavia Michael Strobaek, Global CIO di Credit Suisse, consiglia di adottare per il 2020 una strategia d’investimento più prudente. Afferma: «I mercati sono piuttosto surriscaldati». Con il 2019 si è concluso un anno eccezionale che ha registrato rendimenti da sogno in borsa. Tuttavia, i timori di una netta correzione dei corsi azionari appaiono infondati e l'economia mondiale continua a crescere. Scoprite nel video in che modo gli investitori dovrebbero orientare la loro allocazione azionaria nell'attuale contesto.

Videointervista a Michael Strobaek, Global CIO di Credit Suisse.

Nel video Michael Strobaek parla del futuro dei mercati azionari e degli investimenti che consentono di ridurre i rischi di mercato.

Strategia d'investimento 2020: le materie prime offrono opportunità per gli investitori

L'ulteriore ripresa dell'economia mondiale incoraggia, in particolare, gli investimenti in materie prime come il petrolio o l’oro, che dovrebbero beneficiare del miglioramento della congiuntura. «E se il Medio Oriente dovesse diventare nuovamente un problema, le materie prime offrono una copertura contro questo rischio», sostiene Michael Strobaek. Nel video spiega anche perché, al contrario, si prevede un indebolimento del dollaro statunitense.

Avete domande su questo argomento?

Richiedere una consulenza This link target opens in a new window
Saremo lieti di aiutarvi. Non esitate a contattarci al numero 0844 844 005.