Il potere di spesa dei consumatori senior: gli anziani protagonisti grazie al cambiamento demografico.
Articoli

Scelte dei consumatori senior. I settori favoriti. 

Il cambiamento demografico in atto induce le imprese a rivolgersi maggiormente agli anziani come categoria di consumatori. Il forte potere di spesa degli anziani, in combinazione alla disponibilità di tempo libero, favorisce svariati settori, tra cui quello degli animali domestici, offrendo agli investitori interessanti opportunità. 

Aumenta il potere di spesa degli anziani

La nostra società invecchia sempre più. Entro il 2050 la popolazione anziana mondiale raggiungerà oltre due miliardi di persone. Le richieste e le esigenze di questo gruppo di consumatori acquisiscono quindi sempre più importanza. Con un impatto anche sul mercato: i consumatori senior costituiscono in molti paesi il gruppo d'età in più rapida crescita in termini di spesa. Secondo Euromonitor la spesa privata da parte dei consumatori senior raggiungerà 15 000 miliardi di dollari entro il 2020. Questa dinamica offre agli investitori lucrose opportunità, che Credit Suisse raggruppa nel Supertrend «Silver Economy». 

Le aziende di beni di consumo favorite dal cambiamento demografico

A trarre profitto dal cambiamento demografico sono soprattutto i settori del turismo e del tempo libero. Gli anziani dispongono infatti di un elevato potere d'acquisto e di molto tempo libero. Ne è un buon esempio il mercato delle crociere: la domanda di vacanze in transatlantico negli ultimi anni ha registrato un forte aumento.

Anche le aziende di prodotti per la cura personale, prodotti di bellezza e domotica possono realizzare fatturati più elevati grazie ai pensionati. Gran parte della spesa privata dei consumatori senior è destinata ad apparecchiature e dispositivi medici, che spesso vengono finanziati solo per una minima quota dalle casse malati. 

Mercato legato agli animali domestici in forte espansione grazie alla spesa degli anziani 

Che siano cani, gatti o pappagallini - ormai sono più le economie domestiche con animali da compagnia che quelle con bambini. Secondo uno studio condotto da GfK in 22 paesi, quasi il 60% delle persone vive con animali domestici. Gli anziani vi contribuiscono in misura considerevole. Ad esempio, negli Stati Uniti il 32 per cento dei baby boomer possiede un animale domestico, rispetto al 23 per cento sulla popolazione complessiva. Questi dati fanno del pet care un segmento di mercato particolarmente interessante. La spesa annua per un cane si aggira intorno ai 1500 dollari, mentre quella per un gatto è di quasi 1000 dollari.

In forte crescita è soprattutto il mercato degli alimenti di prima qualità per cani e gatti. Fedeli al motto «Il meglio per il mio amico a quattro zampe», chi possiede animali domestici li tratta al pari dei familiari. Questo atteggiamento, definito «pet parenting», fa lievitare gli utili dei produttori di alimenti di prima qualità per animali - un mercato che, stando alle stime dell'American Pet Products Association e della Pet Food Industry Federation europea, vale 50 miliardi di dollari. 

Mercato legato agli animali domestici negli USA

Mercato legato agli animali domestici negli USA

Dimensioni del mercato, in miliardi di USD

Fonte: American Pet Products Association, Credit Suisse

Il settore dei prodotti per animali domestici presenta ancora potenziale di crescita 

Dal punto di vista storico, il mercato dei prodotti destinati agli animali domestici si evolve con grande rapidità. Innovazioni in campi quali assicurazioni sanitarie per animali domestici o cestini per i rifiuti autopulenti ampliano continuamente l'offerta. Per la gioia di consumatori e investitori. Secondo gli esperti di Credit Suisse, il trend di crescita di questo segmento di mercato offre infatti interessanti opportunità d'investimento. 

Avete domande sui Supertrend?

Saremo lieti di assistervi. Telefonateci al numero 0844 200 111 oppure richiedete un colloquio di consulenza.