Evoluzione economica di Vietnam e Cina in sintesi
Articoli

Ultimi sviluppi economici di Vietnam e Cina in sintesi

Lo sviluppo economico dei due Paesi vicini Cina e Vietnam non potrebbe essere oggi più diverso. L’economia del Vietnam è in piena espansione, mentre la Cina si trova di fronte a nuove sfide. Cosa possono imparare gli investitori dal dinamismo della crescita economica dell’Asia.

La crescita economica in Asia: gli esempi di Vietnam e Cina

Le borse sono caratterizzate da ricorrenti alti e bassi, come dimostra in modo esemplare la storia di successo del Vietnam. L’ascesa dell’Asia rimane pertanto un tema centrale del nostro tempo. Il Vietnam è solo all’inizio dello sviluppo delle sue possibilità economiche, tuttavia gli avvenimenti socio-economici passati mettono in luce il potenziale della sua economia. In netta contrapposizione, le recenti perdite di borsa della Cina riflettono i conflitti interni ed esterni fronteggiati dal Paese.

L’economia del Vietnam cresce più velocemente di quella dei suoi Paesi vicini

Il Vietnam, che registra una performance economica media pari all’equivalente di 2600 franchi svizzeri all’anno, è un’economia nazionale di piccole dimensioni. Tuttavia, da ormai 30 anni il Paese fa parte delle cinque economie nazionali con la crescita più rapida a livello mondiale. Il suo tasso di crescita supera perfino nettamente quello dei Paesi vicini a più alto reddito Malesia, Thailandia e Filippine.

Il Vietnam registra una crescita economica straordinaria

Performance economica pro capite dei Paesi asiatici

Ultimo aggiornamento: 2020
Fonte: Banca Mondiale, The Economist

Dalla fine del trauma della guerra durata vent’anni, come una fenice risorta dalle proprie ceneri, il Vietnam è uscito dalla povertà estrema. Un fattore trainante di questo cambiamento è stato, tra le altre cose, la speranza in una vita migliore: le cattive condizioni predominanti nei settori delle calzature sportive e del tessile hanno stimolato l’imprenditoria privata. Il rapido sviluppo dell’economia nazionale vietnamita è connesso in primo luogo al boom degli investimenti esteri.

Col tempo il Vietnam ha abbandonato il focus esclusivo sul settore tessile e si è affermato come leader mondiale anche nelle catene di fornitura globali degli smartphone. Il commercio con l’estero è di cruciale importanza per il Paese.

Il Vietnam mira a un’evoluzione economica ambiziosa

ale crescita è stata possibile grazie ai bassi salari, a un settore privato dinamico e alla posizione geografica sul Mar Cinese Meridionale, oltre che alla propensione verso il commercio e all’apertura agli investimenti diretti esteri. Questi ultimi aumentano ogni anno – così come la richiesta di prodotti e servizi di alto valore, soprattutto nei settori dell’industria e dei servizi. E non è tutto: il governo vede il Vietnam come Paese «high-income» nel 2045. Questo ambizioso piano richiede per i prossimi 24 anni una crescita economica annua di almeno il 5 per cento.

Attualmente l’inflazione è bassa, la valuta stabile e le finanze pubbliche solide. Nel 2021 tutte e tre le agenzie di rating statunitensi – Moody’s, Fitch e S&P – hanno innalzato a «positiva» la prospettiva del loro rating BB per lo Stato del Vietnam. Anche la borsa vietnamita sembra credere nel potenziale dell’economia nazionale: dal minimo di marzo 2020 ha accumulato un rialzo di ben oltre il 100 per cento, rientrando così tra le borse con le performance migliori a livello mondiale.

L’evoluzione economica della Cina è segnata da conflitti interni ed esterni

comporterà l’uscita dal mercato del lavoro di una quota crescente della popolazione cinese. Ciò provocherà una contrazione dei risparmi previdenziali e un deficit delle partite correnti. Alla luce di ciò, per ragioni strategiche, si punterà a un mercato dei capitali più profondo e più ampio. Non sorprende quindi che negli ultimi mesi le IPO cinesi negli Stati Uniti siano state penalizzate.

Dall’altro lato, le misure di regolamentazione imposte da Pechino al settore privato sono evidenti. Infatti, come si attendeva da tempo, quest’anno le autorità cinesi hanno inasprito le disposizioni relative alla trasparenza di bilancio e alla governance per i collocamenti in borsa. Ciò ha comportato ritardi per più di tre dozzine di IPO cinesi.

Inoltre un importante giro di vite ha interessato numerose aziende, per lo più del settore tecnologico. Ancora una volta le ragioni della protezione degli investitori si sono mescolate a quelle della politica interna e sociale. Ciò, unitamente alla sorprendente protezione dei dati e della privacy, ha suscitato scetticismo tra gli investitori. Ci si domanda se per le aziende private valgano norme più rigorose che per le aziende vicine allo Stato.

Ciononostante, secondo Credit Suisse gli investitori dovrebbero mantenere i loro investimenti in Cina. È vero che i conflitti cinesi interni ed esterni possono avere una natura di lungo periodo, tuttavia l’economia continuerà a svilupparsi. Ad esempio, dall’inizio dell’anno le aziende partecipanti alla transizione climatica, idrica o energetica della Cina registrano utili in parte spettacolari. Anche la valuta cinese e le banche del Paese evidenziano una solida performance quest’anno.

Cosa possono imparare gli investitori dai recenti sviluppi economici in Asia

1.    I grandi sviluppi economici spesso accadono in silenzio.

2.    Lo sviluppo economico del Vietnam ha un notevole potenziale e la borsa del Paese è ancora di dimensioni ridotte.

3.    La Cina si trova dinanzi a una grande trasformazione: vorrebbe rendere l’economia più sostenibile e diventare, da Paese «middle-income», un Paese «high-income».

4.    Sia il Vietnam che la Cina continueranno a crescere. Si tratterà tuttavia di una crescita diversa rispetto al passato.

5.    Una strategia d'investimento attiva e sostenibile, soprattutto nei mercati emergenti, ma anche nei mercati più distanti, è quella di considerare generalmente gli investimenti passivi.

Avete domande su questo argomento?

Richiedere una consulenza This link target opens in a new window
Saremo lieti di assistervi. Non esitate a contattarci al numero 0844 844 005.