Utilizzo dei fondi della cassa pensione per lavori di rinnovo.
Articoli

È ragionevole prelevare fondi dalla cassa pensione per lavori di rinnovo del bagno di casa?

L’utilizzo di capitale della cassa pensione per la promozione della proprietà d’abitazioni, ad esempio per ristrutturazioni, è possibile solo in parte e genera una lacuna previdenziale che dovrebbe essere compensata.

L’impiego di capitale della cassa pensione nell’ambito della promozione della proprietà abitativa (PPA) di norma può avvenire fino a un massimo di tre anni prima del pensionamento. Inoltre tali fondi previdenziali possono essere utilizzati unicamente per il domicilio principale. Non è consentito utilizzare fondi della previdenza professionale per finanziare la manutenzione ordinaria della proprietà immobiliare (p. es. riparazioni). Tuttavia, il capitale può essere utilizzato per i lavori di ristrutturazione.

Importante: un prelievo può avere conseguenze sulla copertura assicurativa in caso di decesso o invalidità nell’ambito del 2° pilastro. Viene inoltre a formarsi una lacuna previdenziale nella vecchiaia. Pertanto l’importo del prelievo anticipato deve essere rimborsato entro l’età del pensionamento oppure occorre trovare una soluzione di previdenza che colmi la lacuna.

Tenere in considerazione imposte e rimborsi

Non bisogna poi dimenticare che l’utilizzo di prestazioni previdenziali comporta conseguenze fiscali. Questo onere fiscale deve essere finanziato separatamente, con il proprio patrimonio. Inoltre, sarà possibile dedurre dal reddito imponibile ulteriori riscatti nel 2° pilastro solo dopo che saranno stati rimborsati completamente i fondi prelevati per i lavori di ristrutturazione. Sono quindi molti gli aspetti e le restrizioni da valutare. Per questo motivo si dovrebbero verificare tutte le opzioni di finanziamento per una ristrutturazione, al fine di determinare la soluzione migliore.