prospettive-borsa-cio-svizzera-burkhard-varnholt-nella-video-intervista
Articoli

Burkhard Varnholt nel video: prospettive per la borsa e conflitto commerciale

Quali sono stati i punti salienti del primo semestre del 2018 e cosa possiamo aspettarci nella seconda metà dell'anno? Nel video di questo mese, Burkhard Varnholt, CIO Svizzera di Credit Suisse, fornisce prospettive per la borsa e una valutazione del conflitto commerciale tra USA e Cina.

Il conflitto commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina influisce sulle prospettive per la borsa

Per i mercati finanziari è stato un primo semestre tumultuoso, e anche le previsioni per il secondo semestre non si prospettano diverse. Nonostante ciò, Burkhard Varnholt, CIO Svizzera di Credit Suisse, guarda al secondo semestre con ottimismo nelle sue prospettive per la borsa. Nel video cita cinque motivi a riguardo.

In particolare, Varnholt si mostra fiducioso che il conflitto commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina terminerà presto. Infatti «la corsa per vincere le elezioni di medio termine statunitensi sembra un fattore chiave implicito». Le elezioni sono previste per gli inizi di novembre. Interessanti si prefigurano però le conseguenze a lungo termine, che Varnholt presenterà nella seconda parte del video.

Video-intervista con Burkhard Varnholt, CIO di Swiss Universal Bank

Burkhard Varnholt fornisce le prospettive per la borsa del secondo semestre del 2018 e affronta il tema del conflitto commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina.

Investimenti tematici in periodi turbolenti

Le tensioni politiche e le crisi economiche preoccupano gli investitori, incrementando l'esigenza di rendersene più indipendenti. Una possibilità in tal senso è rappresentata dagli investimenti tematici. Questo tipo di investimenti consente non solo di partecipare alle principali variazioni della società e dell'economia, ma anche di diversificare il proprio portafoglio.

Investimenti azionari tematici molto promettenti sono in particolare i cinque Supertrend, che Credit Suisse ha definito lo scorso anno: questi seguono i trend di lungo termine, come i cambiamenti politici nei paesi occidentali, il cambiamento demografico o il progresso tecnologico.