Modificare località

Si sta per cambiare il posizione di origine da cui si sta visitando Credit-suisse.com.

*La posizione di origine è definito nelle impostazioni del browser e potrebbe non coincidere con la sua nazionalità e/o il suo domicilio.

Photo of flying figures

Ritratto di un campione. Roger Federer e Ugo Rondinone

«Credo che far parte del processo mi abbia davvero emozionato.»

Roger Federer

Anchor: cloudsix

In che modo Roger Federer è diventato Cloud Six

Quante dimensioni ci sono per Roger Federer? L’atleta affermato accetta prontamente di essere conosciuto solo come «Cloud Six», lasciando che sia l’arte a parlare. Roger Federer ha compiuto davvero un grande salto, passando dall’ammirare semplicemente l’arte a far parte del «Burn Shine Fly» di Ugo Rondinone, un’installazione in mostra alla Biennale di Venezia dello scorso anno.

«Sono giunto all’idea delle figure volanti forse tre o quattro anni fa e sono stato ispirato.»

Ugo Rondinone è stato attratto dai trapezisti che creano l’effetto del volo. L’idea gli si è palesata quando Scuola Grande lo ha invitato a fare un’installazione artistica nella chiesa. «Così era logico che si sarebbero mimetizzati sotto forma di nuvole.»

Roger Federer, un appassionato d’arte di lunga data, ha accettato di partecipare a questa installazione artistica segreta e ambiziosa.

Roger Federer Cloudsix Concept
Accedendo ai video e/o podcast in questa pagina, l'utente accetta che Credit Suisse renda disponibile l'IP completo dell'utente a YouTube e/o SoundCloud allo scopo di consentire all'utente di visualizzare o ascoltare i contenuti di queste piattaforme. Queste piattaforme di terzi non sono gestite o monitorate da Credit Suisse, e l'IP dell'utente, così come ogni altro eventuale dato personale raccolto, elaborato o archiviato da queste piattaforme di terzi sarà soggetto alle politiche sulla privacy di tali terze parti. Credit Suisse non è responsabile del trattamento di dati personali da parte di queste terze parti.

Appeso al soffitto, con il volto, le mani e i piedi coperti di silicone e il corpo esposto al pubblico, è rimasto in gran parte anonimo…«Cloud Six». Questa esperienza ha suscitato sentimenti differenti in Roger Federer: «Ti senti vulnerabile. Ti senti.... bene, ma anche imbarazzato, perché…tutti ti guardano…»

Per Federer, l’opportunità di esplorare la mente dell’artista, mettendo in discussione la propria zona di comfort, è stata un’opportunità che non poteva lasciarsi sfuggire. «Si tratta di un’esperienza molto diversa, naturalmente, dal semplice parlare con lui e ammirarne l’arte a farne parte e lavorare insieme a lui.»

Roger Federer Cloudsix Creation
Accedendo ai video e/o podcast in questa pagina, l'utente accetta che Credit Suisse renda disponibile l'IP completo dell'utente a YouTube e/o SoundCloud allo scopo di consentire all'utente di visualizzare o ascoltare i contenuti di queste piattaforme. Queste piattaforme di terzi non sono gestite o monitorate da Credit Suisse, e l'IP dell'utente, così come ogni altro eventuale dato personale raccolto, elaborato o archiviato da queste piattaforme di terzi sarà soggetto alle politiche sulla privacy di tali terze parti. Credit Suisse non è responsabile del trattamento di dati personali da parte di queste terze parti.

«È un segno universale che tutti possono comprendere. Entrando nella chiesa, si vedono subito… le figure volanti mimetizzate come nuvole… e si ha una risposta diretta.» Le sette figure volanti nell’installazione meticolosa ispirano timore con la loro grazia e il loro senso di appartenenza. «Penso che le stelle si siano allineate al momento giusto per noi e che siamo entrambi molto entusiasti di averla completata. Penso che ora sia fantastica. Aspettiamo di vedere cosa dirà il pubblico», afferma Roger mentre assistiamo all’installazione per la prima volta nella sua collocazione.

Roger Federer Cloudsix Installation
Accedendo ai video e/o podcast in questa pagina, l'utente accetta che Credit Suisse renda disponibile l'IP completo dell'utente a YouTube e/o SoundCloud allo scopo di consentire all'utente di visualizzare o ascoltare i contenuti di queste piattaforme. Queste piattaforme di terzi non sono gestite o monitorate da Credit Suisse, e l'IP dell'utente, così come ogni altro eventuale dato personale raccolto, elaborato o archiviato da queste piattaforme di terzi sarà soggetto alle politiche sulla privacy di tali terze parti. Credit Suisse non è responsabile del trattamento di dati personali da parte di queste terze parti.
Anchor: preview

Documentario

Roger Federer Preview
Accedendo ai video e/o podcast in questa pagina, l'utente accetta che Credit Suisse renda disponibile l'IP completo dell'utente a YouTube e/o SoundCloud allo scopo di consentire all'utente di visualizzare o ascoltare i contenuti di queste piattaforme. Queste piattaforme di terzi non sono gestite o monitorate da Credit Suisse, e l'IP dell'utente, così come ogni altro eventuale dato personale raccolto, elaborato o archiviato da queste piattaforme di terzi sarà soggetto alle politiche sulla privacy di tali terze parti. Credit Suisse non è responsabile del trattamento di dati personali da parte di queste terze parti.

Trasformazione

Scuola Grande San Giovanni Evangelista

Fondata nel 1261, la Scuola Grande San Giovanni Evangelista presenta ai visitatori la lunga e ricca storia della città di Venezia.

Incorniciata da una porta in pietra scolpita dallo scultore veneto Pietro Lombardo, posta nella corte Campiello, la parte «luminosa» è rappresentata dalla scultura dorata del sole, di cinque metri di diametro, composta da rami di bronzo.

«La scultura del sole non è solo un’indagine sul potenziale mutevole della scultura come mezzo fisico e luogo di un ricco discorso culturale nell’arte, ma anche una festa della vita. Le stagioni e i loro ritmi, le piante e le pietre, con cui condividiamo il pianeta e la natura», spiega Rondinone.

Scuola Grande San Giovanni Evangelista

Quando si supera la soglia della chiesa si arriva alla parte «volante» dell’installazione, composta da sette sculture in scala umana, che danno agli spettatori la sensazione di fluttuare nell’aria, mimetizzate come nuvole. Queste nuvole umane, che rappresentano i sogni e l’eternità, sembrano sfidare la gravità, in ascesa alla cupola della chiesa, verso il dipinto degli angeli volanti dell’artista del Rinascimento italiano Jacopo Tintoretto. E una di queste nuvole non è altro che Roger Federer.

Poi dalla chiesa si torna direttamente alle candele, l’ultima parte dell’installazione, chiamata «che brucia». «Come la nostra vita, che è un anello. …Ha un inizio e una fine … E mi chiedo se le persone sentiranno questo tipo di progressione. Di qualcosa di ordinario, come una candela. A qualcosa di straordinario come il sole. E a qualcosa di distanziato come le figure che si sono trasformate in nuvole», si chiede Rondinone.

«Nei momenti più difficili si deve avere coraggio.»

Roger Federer

  

Courage to explore the unknown

  

Il coraggio di esplorare l’ignoto

Rondinone ha definito coraggiosa la partecipazione di Federer a «Burn Shine Fly», una qualità di cui il 20 volte vincitore del Grande Slam conosce benissimo. «Penso che ci voglia molto coraggio per uscire su un campo da tennis con gli occhi di migliaia di persone puntati addosso», afferma. «Giocare per la propria famiglia, per il proprio Paese. Si deve essere coraggiosi.» La realizzazione dell’opera è stata un’impresa fisicamente impegnativa, che gli ha richiesto di rimanere sospeso in un’imbragatura e di avere il volto e le orecchie completamente coperti da materiale di fusione. «Sul campo da tennis ho la mia racchetta, che per me è come il martello di Thor», afferma. «Indossando solo l’intimo, in un’imbragatura, appeso lassù, è ovviamente una situazione molto diversa.» Questa collocazione è stata completamente nuova per Federer, che si è gettato a capofitto in questo progetto, ovviamente avendo fiducia nell’artista. Dice di Rondinone: «Gli ho detto che, anche se potrebbe dolermi la schiena o se mi sentissi a disagio sotto lo stampo o qualunque sia la situazione, darò sempre più tempo per assicurarmi che il progetto funzioni perfettamente.»

  

Profondo impegno

Il duro lavoro e la dedizione «mi hanno aiutato a diventare il giocatore migliore possibile», afferma Roger. Anche durante i lunghi mesi della riabilitazione a seguito dell’operazione al ginocchio, ha cercato di vedere il bicchiere mezzo pieno. «Sono una persona molto positiva e adesso non è il momento di essere negativo, perché, in realtà, sono davvero soddisfatto della mia vita in generale…. Penso che quando hai 40 anni e viaggi come me da 20 anni e hai l’opportunità di lavorare con qualcuno come Ugo, è qualcosa di entusiasmante di per sé, in quanto ti porta fuori dal tuo mondo normale e ti catapulta in un altro mondo, forse un luogo in cui non ti senti così a tuo agio. Ma nell’arte sono un po’ nuovo e ho ancora tanto da imparare… Il mondo dell’arte è stato qualcosa che mi ha entusiasmato davvero. Voglio saperne di più perché sono una persona molto curiosa nella vita.» - Roger Federer

  

Commitment to a story

  

Roger Federer Ugo Rondinone

  

Ugo Rondinone

Un artista moderno che crede che l’arte inizi dove il linguaggio si ferma.

Ugo Rondinone è un artista a tecnica mista nato in Svizzera con sede a New York, noto per una serie di quadri e sculture contemporanee. È nato nel novembre del 1964.

Rondinone è ampiamente conosciuto per la sua scultura di land art temporanea e su larga scala Seven Magic Mountains (2016-2021), con i suoi sette totem composti da grandi pietre delle dimensioni di un’auto, dipinti con colori fluorescenti e alti 9,8 m.

  • Per saperne di più

Credit Suisse Art Collection: quasi 50 anni di storia

Credit Suisse Art Collection

Reto Leibundgut, Scent of Matter, 2010. Wall relief (detail). © The artist and Credit Suisse Collection.

1975

Stabilito in

10 000

Opere d’arte

250

Edifici che espongono opere d’arte

Belle arti. Cura, raccolta e committenza.

«La raccolta è un impegno intellettuale per la banca, non un investimento di capitale. Dedichiamo molta energia a mostrare le opere giuste nel posto giusto. Per noi è importante anche considerare tutti i mezzi di comunicazione artistica. Naturalmente, è più facile appendere quadri o opere su carta alle pareti in una sala riunioni, ma vogliamo esplorare l’intera offerta e mostrare anche le sculture, i video e le opere d’installazione.»

André Rogger, responsabile di Credit Suisse Collection, in un’intervista con la Handelszeitung (2017)

  

Upcoming exhibitions